Gerda – Cosa Dico Quando Non Parlo (Shove/Wallace/Donna Bavosa/Concubine/Sons Of Vesta, 2007)

Avevamo lasciato i Gerda ad un buon esordio e li ritroviamo riveduti e più calibrati anche al giro di boa. Questo disco che da un lato vede Wallace e dall’altro tutta una serie di etichette hardcore più o meno conosciute regala una bella mina di d.i.y. intelligente. Se gli anconetani del debutto potevano essere identificati da un blocco di cemento impastato fra nichilismo e violenza, a questo giro spingono ulteriormente sulla depressione pur non perdendo l’aggressività.
Il risultato si inserisce decisamente nel circuito screamo più evoluto ma da un altra porspettiva, vuoi per il modo di suonare del gruppo, vuoi per la produzione più che perfetta di Magistrali, a tratti sfocia in quello che un tempo sarebbe stato noise bell’e buono come ad esempio sarebbero potuti risultare gli ultimi Amber Inn ad un orecchio poco allenato. Depressione quindi, perché nonostante tutto questo kaos spesso le melodie e gli arpeggi mi sembra che si distinguano meglio e nonostante ciò parliamo di un lavoro molto coeso. Di sicuro la fisionomia del gruppo non risulta per nulla stravolta, anzi, come diceva Biafra: “if you liked Vietnam… you’ll love Nicaragua!” e questo disco non vi deluderà di certo. C’è da dire che per quanto riguarda la caciara, i Gerda non si negano veramente nulla e quando decidono di alzarla fanno un troiaio mostruoso, anche in questo direi che il tutto sia fatto davvero bene, tanto che non parlerei di casino ma di kaos molto ben organizzato (forse anche lì sta un netto miglioramento dal disco di esordio), oltre a metterci una carica di tensione devastante questa volta si sono risusciti a dare un regolata e a variare maggiormente i pezzi. Alcune traccie sono davvero notevoli, sia per i riff che per come sono dosati, pur non c’entrando nulla con i Gerda, alcune caratteristiche mi ricordano uno dei gruppi più sottovalutati degli anni ’90 ovvero i Groundwork, gente che ai tempi di dell’lp riuscì ad essere sbavata ma non per questo priva di melodia. Se i Nerorgasmo fossero ancora vivi oltre che essere fieri di alcuni loro epigoni come gli Havoc, sarebbero felici di vedere che per quanto si sia evoluto, l’hardcore trova sempre una serbatoio inesauribile di iperdepressi in crisi isterica. Per quanto mi riguarda sono un gruppo in piena forma.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Touché Amoré - Is Survived By (Deathwish, 2013)

Appassionato, sofferto e brumoso come questo primo scorcio di autunno. Arrivati al loro terzo disco i Touché Amoré, quintetto californiano…

11 Nov 2013 Reviews

Read more

St.ride - Microstorie (Torto Editions, 2021)

Sorprendente ritorno per i genovesi St.ride, arrivati a quello che potremmo definire l'album definitivo. Un disco accessibile (si fa per…

03 Jun 2021 Reviews

Read more

Kyle Bruckmann's Wrack - Cracked Refraction (Porter, 2012)

Welcome back Kyle! Sono parecchio legato a Kyle Bruckmann dopo un bellissimo lavoro per la Barely Auditable di Scott Rosemberg…

29 Oct 2012 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - B (Silentes, 2011)

Innanzitutto parliamo della raccolta, infatti la Silentes Tapestry per celebrare la musica industriale la riporta al suo formato originale e…

06 Dec 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Walter Prati, Evan Parker/Lukas Ligeti, Joao Orecchia - Phonometak #9…

Il penultimo capitolo della Phonometak Series ospita le gesta di quattro bei nomi dell'improvvisazione, accoppiati due a due. Walter Prati…

03 Sep 2012 Reviews

Read more

Jesus Franco & The Drogas - No(w) Future (Bloody Sound…

Dopo un lungo silenzio (come uscite discografiche) ritornano i fratellini Droga(ti) più in forma che mai. Anzi possiamo dire che,…

16 May 2019 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

The Mainliners - S/T (Crusher, 2007)

Ne abbiamo già parlato, di questi garage rocker nordici, in occasione dell'uscita di un loro singolo per la ottima…

02 May 2007 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Talibam! / Matt Nelson / Ron Stabinsky - Hard Vibe…

Quello che si potrebbe definire il duo più funambolico a matto del mondo, ovvero i Talibam!, continua a stupire per…

29 Sep 2017 Reviews

Read more

St.Ride – Quando Arrivo Arrivo (Niente, 2012)

Immagino sia impossibile chiedere al duo composto da Edo Grandi e Maurizio Gusmerini di rimanere fermo in un punto; così,…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Trou Aux Rats - Amour Et Sépulcre (Nashazphone, 2018)

Può esistere un disco "romantico" di Romain Perrot aka Vomir? E come può suonare? Domande a cui dà risposta la…

27 Feb 2018 Reviews

Read more

Drink To Me/Edible Woman - Split 7” (Smartz, 2009)

Smartz, etichetta canavesana da anni coinvolta in produzioni hardcore e d.i.y. (C.O.V., Distruzione, Arturo, Belli Cosi, Kafka, tra gli altri),…

19 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top