Geoff Farina – The Wishes Of The Dead (Damnably, 2012)

Ispirato dalla nuova vita rurale presso il fiume Kennebck nel freddo Maine, torna in punta di piedi Geoff Farina (ex Karate e Secret Stars, è appena il caso di scriverlo), con un album a suo nome (personalmente, non ne sentivo da Reverse Eclipse), presso la misconosciuta inglese Damnably. Sempre più ispirato alla tradizione della musica nordamericana, tanto da essere diventato professore di storia musicale presso la DePaul University, tra bluegrass e folk dagli anni venti in poi (questo per me sfata a posteriori la leggenda che vedeva i Karate come esponenti del nascente emocore negli anni novanta), Farina sforna un dischetto acustico corredato dalla solita classe, volutamente sottotono e forse prevedibile. Come un po’ le ultime uscite a nome Glorytellers,  il trio acustico sotto Southern Records.
Emerge ora più che mai lo stile chitarristico, orientato da qualche anno più verso territori della tradizione blues e fingerpicking che verso altri generi a cui ci aveva abituato con i grandi Karate. Se devo pensare ad un disco placido che non vuole stupire – quasi accademico nel suo esporre un virtuosismo in modo comunque così schietto e semplice – quest’album può essere preso come esempio. Sicuramente il disco trasuda amore per la tradizione, dalle storie di vita rurale (Hammer And Spade e Prick Up Your Ears), al piacere della scoperta di piccoli negozi o banchetti dove scovare vecchie incisioni, fino al coinvolgimento in imboscatissimi festival locali di musica conutry o bluegrass, come Geoff ama raccontare in Scotch Snaps. Non tutti amano questa coda così “conservatrice” di Farina, anche se riascoltando Usonian Dream Sequence del 1998, non si può non percepire che il lasso di tempo intercorso descrive comunque una storia perfettamente lineare. Dischi come questo sono fatti esclusivamente per la passione di suonare, in modo normale, in modo naturale senza preoccuparsi troppo se l’ascoltatore lamenta qualche sbadiglio di troppo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dona Ferentes & Rag Mother - S/T (Nighthawks Tapes, 2008)

Primo split per la Nighthawks Tapes in cui apre le danze (si fa per dire) Dona Ferentes & Rag Mother che…

14 Jan 2009 Reviews

Read more

Luca Sigurtà + Gino Delia – 13/05/12 Il Revisionario (Brescia)

È in qualche modo confortante vedere che esiste una sorta di ricambio anche nella vita culturale di una città. Per…

25 May 2012 Live

Read more

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Hunx And His Punx - Street Punk (Hardly Art,…

"Ganzissimo" ritorno per Hunx And His Punx, power trio format da Seth Bogart e da due fide compagne di band…

23 Sep 2013 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Harshcore - Ponytail, Ponytales (Lisca, 2010)

Ritornano gli Harshcore di Tommaso Clerico e Luca Sigurtà e tengono fede alla loro auto-proclamazione di "weird noise band". Anche…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Flying Disk - Circling Further Down (Taxi Driver/Rude/Tadca, 2015)

Dinamico e giovane trio follemente innamorato di Jesus Lizard e primi Therapy?: e questa come presentazione del lavoro già potrebbe…

28 Mar 2015 Reviews

Read more

Wora Wora Washington - Radical Bending (Shyrec, 2012)

E' dal 2008 che questi tre fanno roba che non riesce a farti stare fermo neanche se vuoi. Definito Power-electro…

28 May 2012 Reviews

Read more

Passo Uno - Tartuff (Trazeroeouno, 2009)

Per coincidenza astrale o per semplice combinazione pare che in Italia questo sia l'anno del postrock come colonna sonora: tra…

03 Sep 2009 Reviews

Read more

Belfi/Grubbs/Pilia – 13/11/10 Interzona (Verona)

Dopo aver apprezzato l'ottimo lavoro in studio del terzetto italo-americano ci si presenta la possibilità di verificarne le qualità in…

02 Oct 2010 Live

Read more

Pivot Quartet – Emissions (Chmafu Nocords, 2012)

Regala sempre belle sorprese l'etichetta austriaca Chmafu Nocords, senza mai fissarsi su un genere o una formula predefinita ma sempre…

24 Jul 2012 Reviews

Read more

Ronin + Steffen Basho-Junghans - 14/07/06 Ortosonico (Giussago - PV)

A volte nella vita si commettono errori di ripetizione. Se per andare da A a B si passa per…

26 Sep 2006 Live

Read more

Istituzioni Ambiente Naturalismo - Luminamenti (Monstres Par Exces, 2008)

CD-r ma in copertina extralusso digipack, nel cui interno fa bella mostra una foto di un gatto spappolato sulla strada:…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Solkyri - Sad Boys Club (Bird's Robe, 2015)

Non è bellissimo quando ti accorgi che non sapresti quale pezzo ti piace di più di un disco? Non capita…

10 Oct 2016 Reviews

Read more

The Hutchinson - Clan (Wallace, 2009)

Seconda prova altamente infiammabile per la macchina da guerra trentina degli Hutchinson. Groove mostruosi che fagocitano in un unico…

16 Apr 2010 Reviews

Read more

Polvere - The Polvere’s Farewell (Old Bicycle/Fabrizio Testa, 2013)

È davvero cosa inattesa e gradita ritrovare il duo composta da Xabier Iriondo e Mattia Coletti dopo anni dallo loro…

10 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top