Fuh – Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il più elementare seguito, un logico approfondimento. Ascolto dopo ascolto un tarlo ha cominciato a rodermi dentro, imponendomi l'urgenza di un dubbio: quanto bisogna somigliare ai proprio padri per perdersi dietro alla loro ingombrante immagine? Voglio dire, quanto bisogna sembrare vecchi per essere già morti? Nel loro precedente EP i Fuh suonavano con una freschezza, una voglia ed un talento stupendamente acerbi. Questo Extinct (che ha tutte le carte di un vero e proprio album) prende sì forma dal suo predecessore, ma trasformando l’informe bomba inesplosa in una consapevolezza sonora e soprattutto compositiva. Il risultato è un eccellente rappresentazione di una ricerca del pezzo definitivo, il che lo rende terribilmente simile a molti, moltissimi, infiniti altri progetti. I nomi dei padri sono quelli di Fugazi, Unwound e relativa numerosa prole. Quanto dev’essere azzurra una nuvola per confondersi col cielo. Il valore musicale del disco non è per niente in discussione, come non lo sono le capacità tecniche dei quattro Fuh. Ma se la produzione artistica è tale in quanto processo sociale base, espressione diretta di pulsioni altrimenti incomunicabili, arrivo a dire portatrice di una visione rivoluzionaria ancora non accettata dalla stessa società in cui nasce, se tutto questo è plausibile (e non è per niente detto che lo sia) l’arte stessa non dovrebbe allora somigliare più ad un embrione che ad un uomo adulto e consapevole. Attenzione! Non è una questione di tematiche o linee melodiche, è qualcosa di più fine e fragile che ha che fare l’essenza e la sostanza più pura. Una società in grado di clonare uomini adulti e consapevoli, copie di copie di esperimenti ben riusciti, quanto è lontana dall’estinzione.Si chiama Extinct, è un ottimo disco. Riguardo a tutto il resto potrei davvero sbagliarmi.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Insect Kin - Endless Youth And Other Disease (Autoprodotto, 2008)

Volonteroso quartetto lombardo che ancora crede nel grunge più puro ed intransigente. Riff ossessivi, taglienti, sofferti, quasi a voler…

24 Dec 2008 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente…

23 Aug 2019 Reviews

Read more

Arnoux - Cascades (Knifeville, 2008)

A celarsi dietro il nome di Arnoux è il friulano Fabio Arnosti, bassista di Ten Thousand Bees, qui al suo…

09 Sep 2008 Reviews

Read more

Ask The White - Sum And Subtraction (Ammiratore Omonimo /…

I componenti del duo Ask The White hanno già un notevole percorso artistico alle spalle. Isobel Blank, cantautrice e artista…

12 Oct 2018 Reviews

Read more

MU (Gian Luigi Diana, Jimmy Johnsen) – S/T (Setola Di…

UIl terremoto, lo tsunami e il conseguente incidente nucleare di Fukushima devono aver colpito l'immaginazione di molti musicisti, se, dopo…

28 Nov 2012 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

Carlo Pastore - Se Fai Un Bel Respiro (Mondadori, 2009)

Basta, per giustificare la recensione di Se Fai Un Bel Respiro su queste pagine, i gruppi citati (dagli At The…

12 May 2009 Reviews

Read more

Dalton - Papillon (Hellnation, 2020)

Terzo lavoro per il quartetto cult romano. Benchè la maturità fosse già consolidata  nel primo disco anche Papillon si conferma…

17 May 2020 Reviews

Read more

Salomè Lego Playset - So Much Was Lost In The…

La Spettro Rec. di Bologna è una giovane e attivissima net-label che nel giro di un anno ha già messo…

03 Feb 2012 Reviews

Read more

Lucertulas – The Brawl (Robotradio/MacinaDischi, 2010)

E venne il giorno della Lucertola. Dal precedente Tragol Del Rova ci dividono due anni e mezzo e decine di…

30 May 2010 Reviews

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Mabinuori Kayode Idowu - Fela Kuti. Lotta Continua! (Stampa Alternativa/Nuovi…

Come spesso accade in Italia, ci piace alterare i titoli originali dei film come quelli dei libri con nuovi significati…

31 Oct 2007 Articles

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Chad VanGaalen – Soft Airplane, B-Sides (SubPop, 2009)

Non lo sentivo nominare dal carino, ma presto archiviato Skelliconnection nel lontano 2006: Chad VanGaalen, musicista canadese di Calgary, Alberta.…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Alessandro Calbucci, Matteo Uggeri - The Distance (Why Not Ltd,…

Partiamo subito dicendo che di Matteo Uggeri abbiamo già un'intervista su questa stessa webzine, mentre per onore della cronaca va…

07 Jan 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top