Fuh – Dancing Judas (Smartz/Escape From Today, 2010)

I Fuh vengono da Canale, Cuneo, Piemonte. E’ necessario specificarlo perché la geografia riveste una certa importanza in questo caso. I quattro personaggi qui coinvolti infatti sembrano possedere una purezza e una passione percepibile in ogni nota che suonano, che appaiono legate in modo indissolubile al luogo dal quale provengono (puro anch’esso e omaggiato in un paio di occasioni: il campionamento di una banda di paese colta all’opera in qualche festa locale e nel titolo di un brano, Canalese Landscape). La musica vissuta forse come via d'uscita dal tedio della provincia, potrebbe essere qualcosa del genere, ma al contrario di quello che sarebbe lecito aspettarsi da casi come questo, non c’è rabbia tra questi solchi, è tutto invece molto solare, aperto.
Una sorta di "positive noise rock", dalle radici però ben piantate negli anni ’90: abbastanza palese mi pare l’influenza di gruppi stile Unwound, tanto per intenderci, come dell’hardcore degli At The Drive-In (molto del lavoro delle chitarre ricorda i riff terzinati di Relationship Of Command). Aggiungiamoci ancora qualcosa dei June Of 44 periodo Anahata e sarà possibile avere una vaga idea di quello che i quattro suonano. A volerla dire tutta, certi passaggi, la voce in particolare, mi ricordano anche i Faraquet, gruppo “minore” su Dischord di inizio nuovo millenio. Certo non è da tutti cimentarsi con materiali del genere senza sembrare troppo derivativi. I Fuh, a modo loro, ci riescono, e si percepisce una forte impronta personale nel loro suono. I brani si sviluppano perlopiù in flussi progressivi dalle dinamiche mai scontate, i suoni sono scelti con cura, gli intrecci delle chitarre hanno la precisione dell’ingranaggio di un orologio nucleare, le ritmiche procedono con tiro e sanno mantenerlo anche nei passaggi meno quadrati. In alcuni momenti il gruppo si riserva pure il lusso di giocare con effetti ed elettronica varia, con piccoli interventi mirati che arricchiscono la miscela sonora senza diluirla o snaturarla. Ma quello che in sostanza preme dire è che, a scanso di equivoci, sono proprio i pezzi a reggere l’ascolto, Dancing Judas è essenzialmente un disco pieno di ottime canzoni. Consigliato a chi non è uscito vivo dagli anni ’90, trentenni nostalgici e a chi viaggia ancora con l’autoradio a cassette e i nastri sotto il sedile posteriore.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Cristopher Walken - I Have A Drink (Taxi Driver, 2012)

Granitico heavy rock tutto genovese per l'etichetta di Maso Perasso che ancora una volta si conferma come uomo che non…

24 Oct 2012 Reviews

Read more

Shuteye Unison - Our Future Selves (Park And Records, 2010)

Lasciando perdere il brutto video del pezzo di punta Be Kimball (se proprio lo volete vedere ecco qui), la…

31 Jan 2011 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Alessandro Ragazzo – Cinque Studi Sul Paesaggio (Disipatio, 2020)

Prima uscita sulla lunga distanza per Alessandro Ragazzo, musicista di area veneta che dopo alcune cassette e cdr esordisce sulla…

11 Jan 2021 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Whispering Tales Under An…

Ecco The Child Of A Creek dare un seguito l'ottimo Find A Shelter Along The Path che tanto ce lo…

13 Apr 2011 Reviews

Read more

Coconuts - S/T (No Quarter, 2010)

Alla terza nota di questo disco mi sono sorpreso a dire: "ma questi sono australiani!" ed in effetti ci ho…

02 May 2010 Reviews

Read more

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Diane And The Shell – Barabolero (Doremillaro (sb)Recs, 2011)

Ultimamente fatico parecchio a scrivere recensioni, ma non segnalare questo Barabolero, seconda fatica dei catanesi Diane And The Shell sarebbe…

14 Sep 2011 Reviews

Read more

Francesco Meirino - Beyond Repair (Sincope, 2014)

Lo spagnolo Francesco Meirino, di stanza a Losanna, ha danni abbandonato il suo vecchio moincker Phroq per portare avanti a…

07 May 2015 Reviews

Read more

Lento - Earthen (Supernaturalcat, 2007)

Giusto pochi giorni fa, notavo su una rivista specializzata che finalmente qualcuno si è deciso a raccogliere in un unico…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Inferno/Ovo/Psychofagist - A Bullet Sounds The Same (In Every…

Ne avevo avuto notizia tempo addietro da Manuel ma come recitava High Caliber Consacrator dei Clutch: "Prostrate yourself, your time…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show – S/T (Wallace, 2012)

Continua la navigazione la sgangherata nave (vichinga, si direbbe dalla copertina) capitanata da Xabier Iriondo alla chitarra e da Roberto…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Scum From The Sun - S/T (Afe, 2009)

Mettete insieme uno street rocker, Black Mickey dei Long Dong Silver e un musicista industrial/EBM, Cash dei Filthy Generation, aggiungete…

27 Oct 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top