Franz Rosati – Ruins (Nephogram, 2014)

Nuovo lavoro per il romano Franz Rosati, musicista, videoartista, discografico (sua l’etichetta che fa uscire il disco) e membro dell’attivissimo collettivo AIPS, oltre che di una serie di altri progetti (Gridshape, Pathline #1). In questo disco, assemblato rielaborando field recordings, suoni live e abbozzi raccolti fra il 2010 e il 2014, affronta un tema non nuovo, le rovine, ma con piglio assolutamente originale, attraverso sette tracce piuttosto lunghe e caratterizzate da un suono stratificato e profondo, per il quale è difficile decidere se optare per un ascolto con cuffie, che ne valorizzi la profondità, o senza, per coglierne l’impatto fisico.
Lontano dai toni romantici e malinconici che verrebbe naturale associare all’argomento, Ruins è un lavoro curatissimo ma brutale, verrebbe da dire – e forse il termine non è mai stato così calzante – post industriale: a Rosati le rovine interessano non in quanto resti di ciò che è stato, ma come strutture che hanno saputo resistere al tempo e che trovano una collocazione nel presente. È quindi un album di tensioni e di forze, di frequenze basse e distorte sezionate da ritmi o cadenzate da pause che le rendono, pur nella loro durezza, a misura umana. Il suono è sporco, granuloso, distorto e non potrebbe essere altrimenti – non si supera un collasso senza portarne il ricordo e i segni – ma le ritmiche presenti in varie forme, i field recordings descrittivi, le chitarre trattate (salvo quella cristallina di Filippo Mazzei, dei Vonneumann, in un brano)  testimoniano la volontà di farsi riconoscere, misurare, leggere. Ruins non si nasconde dietro quell’incomunicabilità compiaciuta che nel genere è tanto frequente, ma ci fornisce una base e un’idea di ripartenza dopo il crollo; come già faceva Everything Collapse(d) di Deison & Mingle – quello con sguardo più poetico, questo più analitico – guarda al presente, realisticamente: è di dischi così che abbiamo bisogno.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Jemh Circs - (Untitled) Kingdom (Cellule, 2018)

Marc Richter torna con il progetto Jemh Circs e subito ripiombiamo nella sua visione musicale di plagiarismo: pop music presa…

20 Apr 2018 Reviews

Read more

Miriam In Siberia - S/T EP (Autoprodotto, 2006)

Ho una sana allergia per l'indierock cantato in italiano: voci che richiamano sempre troppo qualche altro cantante che al momento…

30 Jan 2007 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more

Colleen Green - Sock It To Me (Hardly Art, 2013)

In heavy rotation in macchina da settimane, il disco di Colleen Green verrà testè premiato con una recensione incensante. Drum…

18 Sep 2013 Reviews

Read more

AA. VV. - 391 Vol.5 Liguria (Spittle, 2017)

Dopo oltre trent'anni riprende il progetto 391 iniziato agli albori degli anni ottanta per mano di Pierpaolo De Iulis e…

13 Dec 2017 Reviews

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

David Grubbs & Taku Unami - Failed Celestial Creatures (Empty…

Prima collaborazione tra i due chitarristi David Grubbs e Taku Unami, entrambi dediti alla sperimentazione sulla sei corde e anche…

15 May 2018 Reviews

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Le Carogne - S/T (Autoprodotto, 2011)

Un terzo di beat, uno demenziale e uno rocchenrol. Certamente il vecchio Pierpaolo De Iulis li farebbe entrare…

21 Sep 2011 Reviews

Read more

Prettiest Eyes - Looks (Aagoo, 2015)

Con un sound dalle basi blues ma bersagliato senza sosta da attacchi di psichedelia e noise, i californiani (originari di…

31 Aug 2016 Reviews

Read more

Enrico Conglio & Matteo Uggeri - Open To The Sea…

Prima collaborazione fra Enrico Coniglio e Matteo Uggeri in questo disco che si avvale dei suoni di molti musicisti, del…

26 Sep 2017 Reviews

Read more

Sergio Sorrentino – Dream: American Music For Electric Guitar (Mode,…

Sergio Sorrentino, la sua chitarra elettrica, un pugno di autori fondamentali per la musica americana meno ortodossa: sono questi gli…

22 May 2018 Reviews

Read more

The Haarp Machine - Disclosure (Sumerian, 2012)

Una doverosa premessa: non sono assolutamente un esperto di technical death metal, o di progressive metal, quindi non ho masticato…

20 Dec 2012 Reviews

Read more

Indigents - Bottomless Sinking (Sincope, 2012)

Indigents è un duo formato dal catalano Héctor O. aka Mindload e dal francese Stephane Kerandel aka Terrortank, attivo con…

30 Jul 2012 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - Concentric (A Silent Place, 2010)

Ritorna uno dei gruppi italiani che è riuscito ad imporsi all'attenzione dell'etichetta che divenne famosa per il grunge, la Sub…

11 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top