Ffatso – Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed il fatto che molti dei musicisti che ruotano attorno all’etichetta abbiano un piede in questo ambito non è un mistero per nessuno. Jazz…off? Nì, nel senso che rispetto alla roba che gira in Italia è sicuramente materiale "spinto", ma giusto perché vale sempre il solito discorso sul jazz da "serata culturale della piccola pro-loco": grossi nomi che se va bene fanno uno show anestetico a botte di standard reinterpretati soft e/o pedissequi perché bisogna portare a casa il soldo facile… e la moglie del sindaco e l’ "asesur" il giorno dopo sono ben felici di raccontare di aver visto "il concerto jazz" agli amici.
Tutto questo accade a patto che non si siano frantumati ovaie e palle a vedere qualcosa che comunque mediamente non capiscono (e qui Chet Baker di Come Se Avessi Le Ali su Minimum Fax sarebbe una lettura illuminante), non gli interessa particolarmente e vanno a vedere il concerto perché fa "serata de gurtura". Bene, detto questo, Mano Nera è nero per davvero ed al di là delle assonanze il disco si muove su di un groove cupo e molto notturno che ricorda molto jazz "after midnight", quindi materiale che spesso finisce nelle colonne sonore dei noir o che va bene per i film con Sidney Poitier: fumo, la downtown che si muove, i bassifondi che pulsano e il groove a fargli da sottofondo punteggiato da qualche bella sirena della polizia e dal traffico, e De Niro può continuare imperterrito a guidare il taxi ed a pensare quando verrà il diluvio universale a spazzare via la feccia dalle strade. I Ffatso sono un classico trio sax, basso, batteria: per mia ignoranza non conosco Stefano Colli, mentre Stefano Ferrian, che qui suona il sassofono, è il chitarrista degli Psychofagist (uno dei miei gruppi grind preferiti del momento), e Dominik Gawara ha inciso materiale di un certo spessore sempre su Setola Di Maiale, sia in solo che come GBUR. Non hard-jazz quindi, ma riff di basso che macinano su una batteria solitamente lontana dal free e che sviluppa il tema in modo molto progressivo, dando molto peso sia agli accenti sia alle ripetizioni, infatti Gawara e Colli preparano l’impasto di una torta su cui Ferrian può mettere le decorazioni che vuole, nonostante non si tratti per nulla di un disco in cui il sax risulta staccato dal resto della formazione, anzi, anche quando giocano nel campo del free si sente che i tre si integrano perfettamente a livello stilistico: nessun solo prolungato oltremisura, nessuna parte protratta per il semplice gusto del divertissment da musicista, zero attitudine al "facciamo casino" e/o alla "guarda quanto sono bravo". Per quel che riguarda le definizioni questo nel bene o nel male è jazz, e credo che ci sia poco a che ridire in merito al termine, non è musica particolarmente soft ma ben distante da quello più ostico e ruvido; roba cupa che si sposerebbe perfettamente con la nebbia prodotta dai fumi dell’alcool.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Moe – Examination Of The Eye Of A Horse (Wallace/ConradSound,…

Ricordo Henry Rollins sparare in un’intervista che l’influenza del punk su di lui fosse stata nulla rispetto a quella del…

17 Oct 2016 Reviews

Read more

Torturing Nurse + Cassa Ufficio Malattie Tropicali – Songs For...…

Grande! Era veramente da una vita che non sentivo un disco così "ignorante", se poi questo sia un pregio o…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

X-Mary - X-Mary Al Circo (Coproduzione, 2007)

Tornano i nostri eroi da San Colombano Al Lambro e ci regalano un viaggio al circo, a Fatima e in…

29 Mar 2008 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che…

28 Mar 2012 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Dio Contro Il Diavolo (Trovarobato, 2008)

Benchè con clamoroso ritardo, finalmente mi accingo a recensire quello che, ancora ad oggi, resta l'ultima fatica del piacentino…

26 Jul 2010 Reviews

Read more

Mattia Coletti & Own Road/Powerdove – Split Tape (Old Bicycle,…

Una particolarità degli incontri/scontri che la serie Tape Crash della Old Bicycle ci presenta - oltre alla grande varietà stilistica…

20 May 2014 Reviews

Read more

Luther Blissett – S/T (Eclectic Polpo, 2010)

Attivo dal 2006 e arrivato ora al disco d’esordio, il quintetto bolognese dei Luther Blissett (ma perché chiamarsi come il…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Pow-Wow - House Sounds (Luce Sia, 2018)

Ancora una volta l'etichetta svizzera riesce a stupirci ripescando dai meandri del tempo un  demo del 1988 dei Pow-Wow, oscura…

20 Oct 2018 Reviews

Read more

700Bliss - Nothing To Declare (CD Hyperdub, 2022)

Niente da dichiarare. Ho ripetuto questa frase migliaia di volte vivendo a stretto contatto di un confine, quello svizzero italiano. Nothing…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

Squarcicatrici - s/t (Wallace-Burp-etc, 2009)

Ecco il ritorno di Jacopo Andreini, non che se ne fosse mai andato in verità, infatti ha sempre continuato a…

03 Nov 2009 Reviews

Read more

Gerda - S/T (Wallace, Shove, Bloody Sound Fucktory, Fucking Clinica,…

Album senza nome (se non quello del gruppo, che già contrassegnava il CD d'esordio... almeno i Led Zeppelin si sforzavano…

18 Jul 2009 Reviews

Read more

Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell'arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di…

16 May 2012 Reviews

Read more

Hoch/Tief - S/T (Arctic Rodeo, 2011)

E' da vent'anni ormai che la band di Stoccarda calca il palco dell'indie rock: non è stata una proprio una…

22 Aug 2011 Reviews

Read more

Tomahawk - Oddfellows (Ipecac, 2013)

Tornano i ragazzi terribili. Se ancora non vi siete stancati dell'inesauribile trasformismo di Mike Patton certamente anche stavolta non sarete…

09 Apr 2013 Reviews

Read more

Andrea Neumann / Mads Emil Nielsen - Refound (Arbitrary, 2018)

Collaborazione nata dal 2014 quella tra Andrea Neumman (inside piano ed elettronica) e Mads Emil Nielsen (elettronica), compositori che hanno…

05 Oct 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top