Father Murphy + Lady Vallens – 25/01/2014 Arci Zerbini (Parma)

Il lungo tour che porterà i Father Murphy in giro per l’Italia e l’Europa a presentare il recente Pain Is On Our Side Now fa tappa a Parma in una gelida sera di inizio anno. Ad ospitarli è l’arci Zerbini, sito in una chiesa sconsacrata di cui si intuiscono a stento le forme, mascherate da strutture e arredamenti moderni. Posto al centro dell’antico quartiere dell’Oltretorrente, dev’essere questo uno dei circoli storici della città a giudicare dall’enorme e vetusto tabellone della tombola appeso sopra il bancone del bar, ma stasera è un luogo che accoglie un pubblico giovane e rumoroso, che affluisce in buon numero.
Bella sorpresa è scoprire che di spalla suoneranno i parmigiani Lady Vallens: dopo aver recensito più volte loro registrazioni abbiamo finalmente la possibilità di sentirli dal vivo. I due, che si dividono lady_vallens_arci_zerbinifra chitarre, tastiere ed effetti, non deludono, proponendo un set in equilibrio fra cadenze industrial-dub e dilatazioni ambient, caratterizzato da un suono sporco e corposo da cui emergono in particolare i brani cantati, ai quali la voce dona una certa profondità. A suo modo la loro è musica psichedelica, che trasporta però in territori non del tutto rassicuranti: anche nei momenti più sognanti il rumore delle macchine è sempre presente, come un monito. Chiusa l’esibizione dei Lady Vallens non è nemmeno necessario il cambio palco: i due parmigiani hanno suonato al centro della scena, i Father Murphy si arroccano nell’angolo più elevato e scuro. Con l’abbandono di Vicar Vittorio Demarin – dimissionario per dedicarsi ai propri progetti solisti, fra cui l’ottimo oniriQum – l’assetto del gruppo è mutato: Freddie Murphy e Chiara Lee agiscono da polistrumentisti, cimentandosi con chitarre e tastiere, percussioni, voci  e un buon numero di marchingegni elettronici; ciò che non muta è l’approccio della band, che father_murphy_arci_zerbini_1continua con ancora maggior convinzione lungo la direzione indicata dagli ultimi lavori, riversando sui presenti un suono scuro e saturo che concede sempre meno alla forma canzone, un torbido flusso di rumore da cui emergono di tanto in tanto voci e melodie riconoscibili. L’inizio è quasi rassicurante con la nota  – sebbene assai distorta – So now You Have To Choose Beetween My Two (Black) Lungs  a farci da guida, ma ben presto siamo trascinati in un gorgo che dà corpo a quella spirale discendente a cui si allude nelle note di copertina del recente EP. Senza pause né possibilità di tirare il fiato i pezzi si susseguono separati solo da brevi cali del livello di rumore, subito seguiti da una nuova impennata, mentre i due musicisti, in estasi, si concentrano sugli strumenti come se nulla intorno a loro esistesse. Per il pubblico è diverso: ci sono solo i Father Murphy a cui ci si volge come ipnotizzati, annichiliti da ciò che si riversa dagli amplificatori e pervasi di un senso di attesa di non si sa bene cosa; forse solo dellafather_murphy_arci_zerbini_2 fine. In una scaletta che qualcosa concede al passato ma nulla alla nostalgia, con tutti i brani rivisti attraverso un filtro distorto di cadenze post-industriali, i batti reali e sintetici, le urla e voci salmodianti, il suono di tastiera e chitarra tratteggiano uno scenario scurissimo e drammatico e proprio per questo profondamente umano, dove in lontananza continua a brillare una fiammella di speranza: è il suono di campanelli che sembra risvegliarci, o la melodia chitarristica di Go Sinister che ci culla in mezzo a tanto rumore.  Quello che ci dice l’esecuzione sul finale di Let Them All Fall With You, dall’ultimo disco e già mutata, è che i Father Murphy sono oltre quella prova discografica, uguali a sé stessi eppure diversi da come li conoscevamo. E che la missione continua, sempre più in profondità.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Deison & Mingle – Innersurface (ST.AN.DA., 2017)

La nuova collaborazione fra Andrea Mingle Gastaldello e Cristiano Deison (se non si conta il miniCD d’esordio per il single…

27 Mar 2017 Reviews

Read more

Thembi Soddell - Love Song (Room40, 2018)

Già dal breve trailer di presentazione si può percepire tutta l’inquietudine delle nuove composizioni di Thembi Soddell. Richiamandosi ad un…

12 May 2018 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - In Today Already Walks Tomorrow (Monotreme, 2014)

Tornano gli australiani già amati con ...And So We Destroyed Everything a stupire e ammaliare con le cinque meravigliose tracce che…

21 May 2014 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

Shuteye Unison - Our Future Selves (Park And Records, 2010)

Lasciando perdere il brutto video del pezzo di punta Be Kimball (se proprio lo volete vedere ecco qui), la…

31 Jan 2011 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

MDF - Horvs (Farmacia901/MidiD'unFaune, 2010)

Insieme alla splendida uscita di Kaeba, Farmacia901 insieme a MidiD'unFaune licenzia questo disco degli MDF che esce con grafica corredata di blocchetto…

16 Jan 2011 Reviews

Read more

Orbe – Albedo (Samsara/Meltin Pop, 2011)

Direttamente da quel braccio del Lago Maggiore che volge a mezzogiorno, più precisamente da Arona, provengono gli Orbe, quartetto strumentale…

02 Feb 2012 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Background Music For Bank Robberies (Bar…

Assolutamente particolare la proposta di questo trio, che mi sbilancerei a definire jazz folk rock, fin dalla strumentazione utilizzata: violino,…

20 Mar 2011 Reviews

Read more

GRAMS - Live at San Pietro in Vincoli MMXIX (…

Il 26 maggio 2019 al Jazz is Dead di Torino 5 loschi figuri calcano un palco. Anzi no, non siamo su…

04 May 2022 Reviews

Read more

Deprivation - S/T (Diazepam, 2011)

Nuova uscita in solitario sulla sua Diazepam e terzo nome solista per Mauro Sciaccaluga dopo i monicker Shiver e Wailing…

09 May 2012 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Deadburger - La Fisica Delle Nuvole (Goodfellas/Snowdonia, 2013)

A sei anni da C'è Ancora Vita Su Marte tornano i Deadburger e di musica ne suonano ancora e parecchia:…

17 Jan 2014 Reviews

Read more

Pikelet - Pre-Flight Jitter (Sabbatical, 2007)

Avevo sentito questo disco dei Pikelet con un po’ di fretta e non mi ero neanche accorto di come fosse…

15 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top