Father Murphy – Croce (Fenser, 2015)

Secondo René Guénon la croce simboleggia, nella maggior parte delle dottrine tradizionali, la realizzazione dell’Uomo Universale: l’asse orizzontale rappresenta un determinato grado dell’esistenza, quello verticale corrisponde alla serie indefinita degli stati dell’essere. Sulla copertina di Croce, il quinto album dei Father Murphy, compare il solo braccio verticale; l’altro, la condizione umana, è tutto nei solchi del disco.
Concept album o opera rock, chiamatelo un po’ come volete, entrambe le definizioni ben si adattano a un disco che tratta il tema della crocifissione con piglio degno di una sacra rappresentazione, ma senza melodramma né compiacimento, anzi con un certo cinismo, chiamando le cose col proprio nome senza enfatizzare né scontare nulla. Che sia un album importante ce lo dice l’impegnativo tema scelto, ce lo dicono gli ospiti, mai così numerosi eppure perfettamente integrati nel suono del duo (partecipano John Dieterich dei Derhoofer, Heater Trost di A Hawk And A Hacksaw, Dan Clucas, Mark Weaver dei MAD Trio), ce lo dice l’atemporalità della musica, che recupera il pop gotico degli esordi e lo innesta sulla cupezze industriali di Anyway Your Children Will Deny It e ce lo dicono i testi, scritti davvero intingendo il pennino nel sangue, cesellandoli finché, fra tutte le parole, sono rimaste solo quelle che dovevano essere, non una di più, non una di meno. Poche, pochissime strofe e molte domande, che come unica risposta hanno momenti strumentali dilatati e rumorosi, densi di meditazione e d’attesa. Da Blood Is Ticker Than Water, che sembra dare voce e suono al Cristo martoriato di Grünewald passando per la liturgia di Long May We Continue e We Walk By Faith, Croce intraprende un cammino in un dolore che l’organo elegiaco della finale They Won’t Hurt You non riesce del tutto a dissipare. Fulcro di una serie di forze centripete che non possono essere contenute nello spazio di un disco, è uno di quei lavori da ascoltare poche volte e con attenzione: ognuno poi troverà le proprie risposte. Almeno speriamo…

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

NOfest! 2012 - 23/06/12 Spazio 211 (Torino) Seconda parte

Il sabato è come sempre il giorno principale del NOfest! e quello che richiama il maggior numero di persone: anche…

03 Jul 2012 Live

Read more

Murmur Mori: fiabe e leggende di cui abbiamo bisogno

Difficile rendere con una recensione o il report di un concerto cosa sia Murmur Mori. È difficile capirlo anche se…

20 Nov 2017 Interviews

Read more

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Hue - Un'Estate Senza Pioggia (Trazeroeuno, 2006)

Mentre vi preannuncio che a breve un’intervista ad Hue sarà on-line su questo stesso sito, ecco qui un suo lavoro…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Dmonstrations - Night Trrors. Shock! (GSL, 2006)

Eccoci di nuovo a trattare l'ennesima, entusiasmante, filiazione del sound degli Arab On Radar, e della Skin Graft tutta, con…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 30 (21/05/15)

Puntata numero trenta della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite di Emiliano Giulio Aldinucci con le ultime novità sulla musica…

25 May 2015 Podcasts

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Very Short Shorts – Minimal Boom! (Riff, 2011)

Secondo lavoro per Very Short Shorts (del primo disco parlammo qui), questo Minimal Boom! appare fin dal primo ascolto molto…

28 Oct 2011 Reviews

Read more

Davide Merlino Percussion Duo – The White Elephant (Floating Forest,…

È musica di resistenza quella proposta dalla Floating Forest di Verbania - più un collettivo di musicisti che una semplice…

26 Feb 2016 Reviews

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

The Death Of Anna Karina - Lacrima/Pantera (Unhip, 2011)

Ricordo che quando mi dissero che The Death Of Anna Karina avevano svoltato in favore del cantato in italiano, subito…

20 Feb 2011 Reviews

Read more

Massimo Falascone - Works 05-007-2008 (Setola Di Maiale, 2008)

Questo cd di Massimo Falascone mi è arrivato proprio insieme ad un vagonata di materiali della Creative Sources, ed è…

14 Oct 2008 Reviews

Read more

Pest Sound - 76 Kilos Laughing (Stuntkite, 2006)

Mi scoccia ripetermi (bugiardo) eppure è strano come a volte un disco formalmente perfetto non arrivi dove dovrebbe. Pest Sound…

28 Mar 2007 Reviews

Read more

Hesus Attor - Sonic Gastronomy Volume 1 (Moonlee, 2008)

Quartetto di squilibrati croato che, giustamente, la attivissima Moonlee non tarda a far entrare nel proprio pollaio. Le coordinate sono…

22 Nov 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top