Father Murphy – Calvary (Blue Tapes, 2015)

“Questo è un Calvario, non è mica una scampagnata!” diceva il Necchi al Melandri, impegnato ad interpretare Cristo in una Via Crucis, nel secondo episodio di Amici Miei. Nemmeno Calvary dei Father Murphy è una scampagnata, è anzi esattamente quello che il titolo promette: un percorso in salita, arduo e sofferto, che porta alla… Croce.
Proprio questo è il titolo dell’album che sarà pubblicato a marzo e del quale i 10 minuti stampati su nastro dalla Blue Tapes, fungono da anticipazione. Da tempo il duo veneto ha intrapreso un percorso lungo il quale il suono va facendosi sempre più materico e la forma-canzone si frantuma, segnando ad ogni nuova uscita un punto di non ritorno: Calvary non fa eccezione. Legno che viene lavorato, voci e suoni rubati in varie location di Stati Uniti, Messico e Svezia, percussioni registrate durante una processione a České Budějovice (Rep. Ceca), la viola di Ezra Buchla, unico strumento strettamente musicale utilizzato: questo è quello che ascoltiamo. Quello che sentiamo è però altro, perché in Calvary i suoni del mondo si trasfigurano e vanno a comporre un quadro dove il rumore di qualcosa che striscia sulla terra, lento e pesante, è accompagnato da rintocchi austeri e vagamente funerei, canti di muezzin addolorati, litanie che echeggiano i Father Murphy di un tempo e percussioni metalliche che ritmano una marcia. Si potrebbero cercare dei riferimenti stilistici pescandoli nel campo dell’elettroacustica e del concretismo industrial, ma davvero ci direbbero qualcosa di utile? Qui il baricentro è posto fuori dall’ambito musicale, sebbene questo sia indispensabile per garantire l’equilibrio al tutto e la mente va al 12” uscito su Corpoc, affine musicalmente e anch’esso parte di un progetto più ampio, che alla musica affiancava le immagini. In questo caso i rimandi alla letteratura della Passione parrebbero evidenti, ma non è detto che le cose siano così ovvie; Croce ci dirà sicuramente qualcosa di più. L’unica certezza è che quando scrivemmo -al tempo del live su Brigadisco- che la musica si apprestava a sostituire il sacro, mai ci saremmo aspettati che i Father Murphy portassero il discorso così in là.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Grails - Doomsdayer’s Holiday (Temporary Residence, 2008)

Imperturbabili retro futuristi, i Grails continuano il proprio percorso evo/involutivo iniziato all'inizio di questa decade su Neurot Records. Dopo…

19 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Oxbow + Monsieur Gustavo Biscotti – 18/11/09 Arci Kroen (Villafranca…

Può capitare che uno stato d'animo non proprio sereno modifichi la percezione delle cose, è normale. Quindi ci sta che…

23 Nov 2009 Live

Read more

Rainer Maria - Catastrophe Keeps Us Together (Grunion, 2006)

Even if Rainer Maria are an emo band, Catastrophe Keeps Us Together is not an emo album. Con questa citazione…

24 Jul 2006 Reviews

Read more

AA.VV. - Art Detox 2010 (Ethereal Open Network, 2011)

Disintossicarsi dall'arte: questo l'obiettivo del progetto Art Detox 2010, parte una catena di incontri e iniziative che si svolgono ogni…

22 Dec 2011 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Deison & Mingle - Tiliaventum (Final Muzik/Loud!, 2017)

Se la memoria non mi inganna siamo alla quinta collaborazione tra Cristiano Deison e Mingle (Andrea Gastaldello), il duo fin…

06 Sep 2017 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Kevin Devine - Brother's Blood (Arctic Rodeo, 2009)

Secondo disco Arctic Rodeo che mi capita fra mani ed orecchie e l'impressione è che si sia sintonizzata su gente…

31 Oct 2009 Reviews

Read more

True Widow - True Widow (End Sounds, 2008)

Widow. Vedova. Una parola forte. Una parola che richiama ai nostri occhi un’immagine precisa. C’è chi la vede una donna…

05 Mar 2009 Reviews

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Giovanni Rossi – Industrial [R]Evolution (Tsunami, 2011)

Va sempre più arricchendosi la bibliografia riguardo alla musica industriale in lingua italiana. Quest'opera di Giovanni Rossi, giornalista di Ritual…

28 Sep 2011 Reviews

Read more

Extra Large Unit - More Fun, Please! (PNL, 2018)

La Large Unit di Paal Nilssen-Love è il suo personale ensamble dedito all’improvvisazione spesso molto radicale, visto i componenti che…

17 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top