Father Murphy – Anyway, Your Children Will Deny It (Aagoo, 2012)

Dimenticare tutto quello che si sa, affrontare un disco senza tener conto di nome e storia dell’autore, sarebbe talvolta (se non sempre) utile nell’apprestarsi a giudicarlo. Nel caso del nuovo lavoro dei Father Murphy la cosa diviene però forzata, perché i dati in nostro possesso si rivelano insufficienti, se non addirittura fuorvianti. Ascoltando Anyway, Your Children Will Deny It ignari dei precedenti, ben difficilmente potremmo intuire quale sia stato finora il percorso artistico del terzetto trevigiano, un percorso di progressivo distacco dal pop dark sui generis degli esordi verso i confini dell’indie più oscuro.
Tuttavia, conoscendo la storia del gruppo ci troviamo ancora più spaesati, quasi scioccati nello scoprire un lato della loro personalità che non avevamo mai avuto modo di incontrato. Non che i Father Murphy ci fossero mai sembrati un gruppo di spensierato indie-pan di stelle, nella loro musica da sempre serpeggia un non so che di esoterico e inquietante, ma nemmeno li potevamo immaginare a così stretto contatto con tali energie primordiali: se in precedenza avevamo parlato di musica liturgica che trasmetteva un senso di stoica disciplina, qui il rito sembra compiersi attraverso una sorta di possessione, coi musicisti che diventano medium di forze ancestrali. How We Ended Up With Feelings Of Guilt, il brano iniziale, caratterizzato da un’accattivante melodia vocale, ci dà l’illusoria sensazione che rispetto al passato poco sia cambiato, ma da qui in poi il bel canto soccomberà sempre più spesso al rumore, all’insegna di un suono tellurico che sembra rimbombare in cavità gigantesche dove organo e percussioni la fanno da padroni (Diggin’ The Bottom Of The Hollow), mentre la chitarra rumoreggia, quasi sempre irriconoscibile. Ci troviamo così a vagare in un mondo infero e sotterraneo, guidati da un suono prossimo al dark-industrial (It Is Funny, It Is Restful, Both Came Quickly) o all’industrial neoclassico di matrice nord-europea (In Praise Of Our Doubts); e se la conclusiva Don’t Let Yourself Be Hurt This Time, ingentilita dalla bella voce di Chiara Lee, sembra ricondurci a riveder le stelle, non riesce in realtà a rassicurarci del tutto, lasciando la sensazione che ormai il punto di non ritorno è stato varcato. Anyway, Your Children Will Deny It è musica che dà voce alle forze plutoniche e si incarna in un album che sfiora il sublime, ponendo una domanda che per ora non trova risposta: chi è veramente Father Murphy?

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Drink To Me: ovvero, piccolo manuale della sobrietà

Arrivati da poco al secondo disco, Brazil, recensito qualche tempo fa qui sulle pagine virtuali di Sodapop, i piemontesi…

08 May 2010 Interviews

Read more

Weasel Walter - Skhiizm (Ugexplode, 2018)

Avvicinarmi a una nuova uscita solista di Weasel Walter mi riporta sempre alla personale atavica esperienza che fu l’ascolto di…

29 May 2018 Reviews

Read more

Kamikaze Queens - Automatic Life (Sounds Of Subterrania, 2011)

Quintetto berlinese di un certo spessore che ama modestamente auto-definirsi Berlin Punk Cabaret. Cortese sintesi per esprimere che contengono qualsiasi…

15 Feb 2012 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu & Ros Bandt - Black Falcon (Doublemoon, 2011)

Riecco Erdem Helvacioglu, che abbiamo già recensito a più riprese dai tempi del suo lavoro su New Albion; come per…

15 Sep 2011 Reviews

Read more

September Malevolence - After This Darkness, There's A Next (Tenderversion,…

Se subito dopo avere letto il nome di questo gruppo veniste a sapere che sono pure svedesi, pensereste subito ad…

26 Apr 2008 Reviews

Read more

Xibalba - Hasta La Muerte (Southern Lord, 2012)

Un disco onesto e sincero, ma che sta perdendo un po' di smalto ogni volta che lo ascolto. Questo Hasta…

01 Feb 2013 Reviews

Read more

Il Cielo Di Bagdad - Manca Solo La Neve (Autoprodotto,…

Mi sa che c’ho una buona stella lassù che fa sì mi arrivino per posta dei demo che non mi…

20 Nov 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Eniac - The Wagon (Chew-Z, 2007)

Battistetti è il copilota alla net label Chew-Z insieme a Daniele Pagliero ma allo stesso tempo è quell’Eniac che molti…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Mulo Muto & Black/Lava – Worlds Corroding Under Xenomorphs’ Ejaculations…

Dal confine italo-svizzero - ideale punto d’incontro fra le due entità che collaborano in questo progetto – allo spazio profondo…

31 Mar 2022 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - I’m Fine With The…

La collaborazione tra il chitarrista avant svedese Finn Loxbo, attivo in formazioni di spessore come la Fire Orchestra e l’ottimo…

26 Sep 2018 Reviews

Read more

AA.VV. - Narcisisti & Ossessivi (Materiali Resistenti/Basement/Zero Plastica, 2009)

L'associazione culturale genovese TribUrbana presenta con questo disco gli artisti più importanti della liguria in ambito black music. Si…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Folklezmer - Puppets Theater Show (Ultra Sound, 2011)

Un gruppo che mette in chiaro tutto a partire dal nome e quindi non perdiamoci troppo in introduzioni sterili e…

29 Jul 2011 Reviews

Read more

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

Great Lake Swimmers - Ongiara (Nettwerk, 2007)

Sempre in sordina, e non poteva essere altrimenti, i "nuotatori del grande lago" mi sono sempre piaciuti, sarà per il…

20 Jul 2007 Reviews

Read more

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top