Father Murphy – 19/12/08 Morya (Cellatica – BS)

Mancando pochi giorni al Natale sta a Father Murphy fare gli auguri di buone feste al pubblico intervenuto al Morya di Cellatica per l'ultimo concerto di questo 2008. Tuttavia, sebbene i temi trattati e le musiche del gruppo abbiano più di un punto in comune con la tradizione religiosa, provenendo dal trevigiano, antica terra di eretici, non ci si può aspettare il tipico spettacolo natalizio. E così è: noi peccatori avremo ciòche meritiamo. La formazione riunisce tre personaggi, nessuno dei quali ordinario: un batterista capace di suonare al contempo il suo strumento, il violino e cantare (e che vi garantisco essere assolutamente normodotato), una tastierista che canta e suona campanelli, piattini e gong, tutti rigorosamente in miniatura (certamente strumenti rubati al popolo degli elfi) e un chitarrista/cantante dalle incredibili espressioni facciali, che spara il jack direttamente Father M.nell'impianto di amplificazione e da lì in faccia ai presenti. Nonostante l'abbondanza di strumenti le atmosfere sono invero piuttosto scarne, suoni radi e secchi su cui si adagiano vocalizzi chiesastici e austeri suoni d'organo, ma anche intemperanze vocali che squarciano l'atmosfera solenne che si viene a creare; come dire, l'estasi e il tormento. Così il gruppo non ci mettono molto a trasfigurare l'ambiente, posto al di sotto del livello stradale, in una catacomba dove si celebra un rito non propriamente ortodosso, evocando un immaginario che oscilla tra il medioevo europeo e il gotico americano del primo novecento. Fra queste nebbie ci pare, di primo acchito, di distinguere alcune figure ispiratrici, il Syd Barrett che suggerisce la melodia di So Now You Have To Choose Between My Two (Blacks) Lungs, o l'ultimo Johnny Cash supportato dai primi Black Sabbath, ma è un attimo, prima che la sensibilità del terzetto filtri il tutto e lo amalgami in un doom che non ha nulla di metal ed è invece ritmo primordiale del mondo che fa da sfondo all'affastellarsi di canti di gnomi e litanie sinistre e sublimi. Galleggiamo così nel noise tastieristico su cui si adagia At That Time, assistiamo alla dolorosa mietitura di Go Sinister e accompagniamo le voci angeliche dell'invocazione I Sob Non More Rage per un tempo che è difficile stabilire. Il suo scorrere è infatti sospeso per tutto il concerto e solo dopo i bis ci viene restituito il respiro. Possiamo andare in pace.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giulio Aldinucci - Spazio Sacro (Time Released Sound, 2015)

Giulio Aldinucci già da qualche anno produce musica tra il field recordings e l'elettronica ambientale e ultimamente è molto attivo:…

16 Mar 2016 Reviews

Read more

Rue Royale - Remedies Ahead (Sinnbus, 2013)

Il duo anglo-americano Rue Royale, coppia anche nella vita, con Remedies Ahead è al suo terzo lavoro prodotto attraverso una…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Intervista ai Giuda

Street rock and roll al fulmicotone antemico e ballabilissimo. Come già suggerito in sede di recensione l'esordio a trentatré…

28 Nov 2011 Interviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Neunau – S/T (Parachute, 2016)

Il 12” d’esordio di Neunau è il punto d’arrivo d’un lungo percorso di studio (ma si potrebbe dire di vita)…

02 Sep 2016 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 2 -…

Bene. Dopo la sbrodolata sul footwork, posso a passare a qualcosa di completamente differente. Dj Final Trip (un nome -…

29 Sep 2012 Articles

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Various Artists - Albascura: A Descent Into The Blasco Lungs…

Quando ho saputo di Albascura della Asbestos, non ho di certo accolto con entusiasmo la notizia. Certo l’etichetta ci ha…

07 Oct 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 15 (29/01/15)

Per la puntata numero quindici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Guido "Bisa"…

02 Feb 2015 Podcasts

Read more

Luminance Ratio - Reverie (Bocian, 2013)

Dopo avere ben rodato la formazione con le attività sia in studio che dal vivo, il quartetto dei Luminance Ratio…

13 Feb 2014 Reviews

Read more

Nuno Moita/Matteo Uggeri - Bathala (Old Bicycle, 2013)

Provate a prendere il vostro registratore digitale o a cassette o minidisk che sia, e andare in giro a registrare…

07 Apr 2014 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Shonen Knife – Pop Tune (Damnably, 2012)

"Quando le vidi la prima volta dal vivo, mi trasformai in una isterica ragazzina ad un concerto dei Beatles". Queste…

12 Sep 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top