Eugene S. Robinson & Philippe Petit – Last Of The Dead Hot Lovers (Truth Cult, 2012)

È piuttosto sorprendente la forma di questa collaborazione fra il prolifico Philippe Petit ed Eugene Robinson: non un album di canzoni dove la voce del nerboruto cantante degli Oxbow si combina con l’elettronica, ma una specie di radiodramma a cui il francese fornisce la colonna sonora. C’era in realtà un precedente, la messa in scena di The Crying Of Lot 49, tratto dall’omonimo romanzo di Thomas Pynchon, ma questa volta i due (anzi i tre, come vedremo) lavorano su materiale inedito.
Last Of The Dead Hot Lovers racconta con freddo cinismo la fine di un amore, con le sue amarezze, i suoi eccessi e le sue crudeltà, messe in scena attraverso due lunghi recitati in cui Robinson duetta con la cantante e ballerina polacca Kasia Meow (Szczecin, Poland’s Terrible Disease, Fake), in modo davvero poco elegante non citata fra i titolari del disco e nominata solo nei credits, sebbene, al pari del collega, sia autrice ed esecutrice della propria parte di testi. Le parole dei due protagonisti quasi mai si sovrappongono e solo in Dinner Done, la prima traccia, interagiscono, mentre in Going.Going.Gone., più narrativa, si rivolgono allo spettatore, ora con tono piano, ora concitato. Petit lavora con field recordings, elettronica, giradischi e chitarre preparate; la sua opera è oscura, sia nei toni, un’elettroacustica rumorosa e a tratti stridente, che ben si adatta ai temi tattati, sia dal punto di vista della scrittura, adeguandosi a creare le ambientazioni sonore per le due voci, le vere protagoniste. Sebbene sia ammirevole il modo in cui il musicista si metta al servizio delle parole e il suo lavoro sia indispensabile a elevare l’ascoltabilità al di sopra di quella di un comune spoken word, la fruizione non è tuttavia troppo dissimile da quella di album di questo genere: il disco non spicca per il valore musicale, è piuttosto paragonabile a un’opera teatrale che regge bene nonostante l’assenza della parte visuale. Last Of The Dead Hot Lovers chiede molto all’ascoltatore, tempo e dedizione, ma una volta ascoltato e compreso, ben difficilmente invoglierà a un secondo ascolto, a meno che non ve ne siate innamorati. A me, onestamente, non è successo.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

Luca Olivieri - La Quarta Dimensione (Autoprodotto, 2008)

Buffo, prima nulla e poi due dischi con il taglio di una colonna sonora in pochissimo tempo, quindi dopo l’ottimo…

02 May 2008 Reviews

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

Arrington De Dionyso – Malaikat Dan Singa Tak Terbatas (Autoprodotto,…

A cosa serve una recensione? Dal punto di vista del lettore, intendo. Può essere un consiglio (o uno... sconsiglio) per…

14 Mar 2010 Reviews

Read more

The Points - S/T (Mud Memory, 2008)

Roba da far sembrare gli Zeke progressive con l'ukulele e i Ramones troppo concettuali per essere punk-rock, The Points, trio/duo(?)…

23 Dec 2008 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.6

No, non è il caldo ad averci dato alla testa. L'ultima puntata della stagione è un mix di poesia aulica,…

08 Jun 2010 Podcasts

Read more

Airchamber 3 - Peripheral (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Tornano gli alessandrini Airchamber 3, dopo l'esordio su Amirani di ormai qualche anno fa: il loro suono si è nel…

16 Dec 2013 Reviews

Read more

Compest - Zeugen (Der Leere) (Luce Sia, 2018)

Sublime progetto solista di Martin Steinebach, nuovamente su Luce Sia, che riassume in una minuscola cassetta tutto ciò che il…

06 Nov 2018 Reviews

Read more

Demetra Sine Die - A Quiet Land Of Fear (Black…

Strano, ma molto interessante melange sonoro quello proposto dai genovesi Demetra Sine Die dove le contaminazioni virali si affastellano le…

02 Jan 2014 Reviews

Read more

Ventura - We Recruit (Africantape, 2010)

Africantape continua nel mix di dischi da tutto il mondo in odore di indie/math/post/eccetera pubblicando con un disco degli svizzeri…

13 Jul 2010 Reviews

Read more

Improvvirusoundexperience - Supercoclea For New Apes (Setola Di Maiale, 2008)

Grazie ad internet avevo già sentito qualcosa di questo mammut di tredici elementi a fiati, batterie, chitarra, basso elettrico e…

28 Apr 2008 Reviews

Read more

Metzengerstein - Alchemy To Our Days (Kohlhaas/Yerevan Tapes, 2015)

Nel tempo trascorso tra il precedente Albero Specchio e questo Alchemy To Our Days i Metzengerstein hanno fatto diversa strada,…

29 Dec 2015 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - II (Paradigms, 2013)

Torna Mauro Sciaccaluga con il suo progetto solista Wailing Of The Winds e, dopo che la bella cassetta omonima era…

12 Dec 2013 Reviews

Read more

Agnostic Front - Another Voice (Nuclear Blast, 2004)

Disco inconsistente e insapore come uno yogurt greco, ma senza fermenti lattici né carattere. Non ho mai avuto nulla in…

17 Jul 2006 Reviews

Read more

The Strange Flowers - The Grace Of Losers (Autoprodotto, 2011)

Dai che non sono fuori tempo massimo per parlare dell'ultimo disco affidatomi nell'ormai anno scorso. Non lo sono neanche gli…

20 Mar 2012 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top