Eugene S. Robinson & Philippe Petit – Last Of The Dead Hot Lovers (Truth Cult, 2012)

È piuttosto sorprendente la forma di questa collaborazione fra il prolifico Philippe Petit ed Eugene Robinson: non un album di canzoni dove la voce del nerboruto cantante degli Oxbow si combina con l’elettronica, ma una specie di radiodramma a cui il francese fornisce la colonna sonora. C’era in realtà un precedente, la messa in scena di The Crying Of Lot 49, tratto dall’omonimo romanzo di Thomas Pynchon, ma questa volta i due (anzi i tre, come vedremo) lavorano su materiale inedito.
Last Of The Dead Hot Lovers racconta con freddo cinismo la fine di un amore, con le sue amarezze, i suoi eccessi e le sue crudeltà, messe in scena attraverso due lunghi recitati in cui Robinson duetta con la cantante e ballerina polacca Kasia Meow (Szczecin, Poland’s Terrible Disease, Fake), in modo davvero poco elegante non citata fra i titolari del disco e nominata solo nei credits, sebbene, al pari del collega, sia autrice ed esecutrice della propria parte di testi. Le parole dei due protagonisti quasi mai si sovrappongono e solo in Dinner Done, la prima traccia, interagiscono, mentre in Going.Going.Gone., più narrativa, si rivolgono allo spettatore, ora con tono piano, ora concitato. Petit lavora con field recordings, elettronica, giradischi e chitarre preparate; la sua opera è oscura, sia nei toni, un’elettroacustica rumorosa e a tratti stridente, che ben si adatta ai temi tattati, sia dal punto di vista della scrittura, adeguandosi a creare le ambientazioni sonore per le due voci, le vere protagoniste. Sebbene sia ammirevole il modo in cui il musicista si metta al servizio delle parole e il suo lavoro sia indispensabile a elevare l’ascoltabilità al di sopra di quella di un comune spoken word, la fruizione non è tuttavia troppo dissimile da quella di album di questo genere: il disco non spicca per il valore musicale, è piuttosto paragonabile a un’opera teatrale che regge bene nonostante l’assenza della parte visuale. Last Of The Dead Hot Lovers chiede molto all’ascoltatore, tempo e dedizione, ma una volta ascoltato e compreso, ben difficilmente invoglierà a un secondo ascolto, a meno che non ve ne siate innamorati. A me, onestamente, non è successo.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dwarfs Of East Agouza / Chris Corsano & Bill Orcutt…

Dopo il recente e interessante Carte Blanche, continua la Saraswati Series della Unrock con il nuovo capitolo split Electric Smog,…

13 Jun 2019 Reviews

Read more

Vieri Cervelli Montel - I (Tanca, 2022)

Quel che appare chiaro ascoltando per le prima volte il lavoro di Vieri Cervelli Montel è la sua capacità lirica,…

29 Jul 2022 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 12 (08/01/15)

Dodicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano in solitudine presenta una selezione di brani da dischi comperati…

12 Jan 2015 Podcasts

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Ed Wood Jr – Silence (Swarm Records, 2011)

"Inspired by Don Caballero, Battles or Monument To Masses", dicono le note stampa che accompagnano Silence e davvero questa recensione…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Father Murphy - Pain Is On Our Side Now (Aagoo/Boring…

Non saprei dire quale momento o quale situazione della giornata sia più adatto per ascoltarsi un lavoro dei Father Murphy:…

29 Jan 2014 Reviews

Read more

dTHEd - Art for the Neurodiverse

Andrea Ongarato, in un'intervista rilasciata a Nazim Comunale per Sentireascoltare nel gennaio del 2020, parla dei dTHEd come un progetto…

03 Oct 2022 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Manuel Mota - Hieme / Lux / Via (Headlights, 2022)

Ascolto Manuel Mota da quasi 25 anni, era infatti il 1999 quando pubblicava I Wish I’d Never Met You sulla…

16 Aug 2022 Reviews

Read more

Nziria - xxybrid (Digital, Never Sleep 2022)

Nziriaa è l’alias di Tullia Benedicta, artista a me sconosciuta rimbalzata più volte nel mio mondo grazie al suo debutto…

05 Jul 2022 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top