Eternal Zio – S/T (Boring Machines/Black Sweat, 2012)

Nel recensire Vibbria il CD-R d’esordio dell’ensemble brianzolo, auspicavamo per loro maggior visibilità, così da poter raggiungere un pubblico maggiore di quello che solitamente li incrociava ai concerti. La sempre attenta Boring Machines ha raccolto l’invito, dando alle stampe questo LP omonimo di sei pezzi.
Nel tempo che separa i due dischi, i membri degli Eternal Zio hanno avuto modo di farsi notare singolarmente: Rella e Roberto con alcune uscite a nome Rella And The Woodcutter, Maurizio Abate con un disco su Holidays e una serie di date in compagnia di Bemydelay e Jozef Van Wissem, Valla con un disco di folk eccellente, che sarà fra poco bissato da un nuovo lavoro. Di tutte queste attività, Eternal Zio conserva molto dello spirito, ben poco del suono. Le coordinate sono quelle che conoscevamo, e portano verso Oriente; i paragoni vanno cercati lontani nel tempo, Third Eye Band e Aktuala, che già avevamo notato, ma potrebbero venire in mente anche i Pink Floyd sperimentali del secondo volume di Ummagumma; tuttavia, in maniera piuttosto sorprendente, la musica appare improntata a una certa compostezza, sebbene la forma aperta delle composizioni eviti ogni rigidità. Abbandonati in buona parte i bordoni e l’oscurità che caratterizzavano il primo lavoro, così come una certa indeterminatezza della musica, che pur era funzionale nel disegnare atmosfere in cui perdersi, i quattro uniscono alle abituali melodie ondivaghe tutta una serie di percussioni, che scandiscono il tempo in quasi tutti i brani. Invece di limitare la libertà, i battiti potenziano le doti espressive del gruppo: da un lato forniscono un’intelaiatura solida su cui vengono ricamate le melodie acustiche, dall’altro con le loro cadenze continue, sono essi stessi elementi di possibile trance. Non mancano poi i momenti più tipicamente free, come nel quarto brano o i toni liberatori dell’ultimo, con una chitarra elettrica che imperversa, ma appaiono meno caratterizzanti di quelli  dove la commistione fra ordine e forma libera portano il tutto ad un livello più alto. È insomma questo un album maturo, che non sacrifica lo spirito dell’esordio ma sa evolverlo in una musica a tratti quasi sacrale, dove, grazie a un’alchimia non scontata disciplina e psichedelia vanno felicemente ed efficacemente a braccetto.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Majak - Scavengers (Autoprodotto, 2014)

Hardcore apocalittico e senza compromessi per questa agguerrita pattuglia genovese. Un brillante esordio dove scorgiamo tanto i cicloni ascensionali dei…

04 Nov 2014 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

The Asstemians – S/T (Neonparalleli/HYSM?, 2014)

Il nome prometteva male, le facce in copertina pure peggio. L’ascolto… Dio ce ne scampi! Mirko Spino, braccio e mente…

24 Jun 2014 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Liars - Liars (Mute, 2007)

Liquidare questo quarto album dei Liars come il loro album più pop sarebbe fin troppo facile, però essendo questo…

17 Sep 2007 Reviews

Read more

Guided By Voices - The Bears For Lunch (Fire, 2012)

Parlare del nuovo disco dei Guided By Voices vuole dire percorrere una strada insidiosa, infatti quando sto per scrivere da…

06 Feb 2013 Reviews

Read more

Wound - Breathing The Void (Teen Action, 2014)

Dopo l'esordio nel formato DVD-R a nome Wound, Massimo Onza torna con questo suo monicker per una seconda uscita, questa…

08 May 2014 Reviews

Read more

M'Ors – Anima Nera (Alka, 2009)

Il destino sorriderà alla carriera di Marco Orsini, in arte M'Ors. Per come si pone, cito testualmente le parole della…

19 May 2010 Reviews

Read more

Cagna Schiumante - S/T (Tannen, 2014)

Scorticare fino a raggiungere l'essenza stessa. Le tracce di questo lavoro sono canti di muezzin ubriachi e storti declamati sbavando…

26 Sep 2014 Reviews

Read more

AA.VV. – Crepe (VacuaMœnia, 2014)

La pratica di field recordings è sempre più diffusa, dalle nostre parti. Certo, non è una cosa originale, ma il…

28 Jul 2014 Reviews

Read more

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Betzy - Romancing The Bone (Lady Lovely, 2010)

La profezia che preconizzo a Fabio Cussigh è predestinazione al successo per tutta una serie di buoni motivi. Pur…

12 Feb 2010 Reviews

Read more

Paolo Sanna – Improvvis(e)azioni (TiConZero, 2009)

Che questo del batterista Paolo Sanna sia un lavoro fatto col cuore lo si capisce, prima ancora che ascoltandolo, dalla…

11 Mar 2013 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Queen's Headache (Northpole, 2008)

Proprio di recente ho avuto il grande piacere di ascoltarmi in anteprima l'ultimo Rollerball e per l'ennesima volta mi sono…

20 Mar 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top