Eternal Zio – S/T (Boring Machines/Black Sweat, 2012)

Nel recensire Vibbria il CD-R d’esordio dell’ensemble brianzolo, auspicavamo per loro maggior visibilità, così da poter raggiungere un pubblico maggiore di quello che solitamente li incrociava ai concerti. La sempre attenta Boring Machines ha raccolto l’invito, dando alle stampe questo LP omonimo di sei pezzi.
Nel tempo che separa i due dischi, i membri degli Eternal Zio hanno avuto modo di farsi notare singolarmente: Rella e Roberto con alcune uscite a nome Rella And The Woodcutter, Maurizio Abate con un disco su Holidays e una serie di date in compagnia di Bemydelay e Jozef Van Wissem, Valla con un disco di folk eccellente, che sarà fra poco bissato da un nuovo lavoro. Di tutte queste attività, Eternal Zio conserva molto dello spirito, ben poco del suono. Le coordinate sono quelle che conoscevamo, e portano verso Oriente; i paragoni vanno cercati lontani nel tempo, Third Eye Band e Aktuala, che già avevamo notato, ma potrebbero venire in mente anche i Pink Floyd sperimentali del secondo volume di Ummagumma; tuttavia, in maniera piuttosto sorprendente, la musica appare improntata a una certa compostezza, sebbene la forma aperta delle composizioni eviti ogni rigidità. Abbandonati in buona parte i bordoni e l’oscurità che caratterizzavano il primo lavoro, così come una certa indeterminatezza della musica, che pur era funzionale nel disegnare atmosfere in cui perdersi, i quattro uniscono alle abituali melodie ondivaghe tutta una serie di percussioni, che scandiscono il tempo in quasi tutti i brani. Invece di limitare la libertà, i battiti potenziano le doti espressive del gruppo: da un lato forniscono un’intelaiatura solida su cui vengono ricamate le melodie acustiche, dall’altro con le loro cadenze continue, sono essi stessi elementi di possibile trance. Non mancano poi i momenti più tipicamente free, come nel quarto brano o i toni liberatori dell’ultimo, con una chitarra elettrica che imperversa, ma appaiono meno caratterizzanti di quelli  dove la commistione fra ordine e forma libera portano il tutto ad un livello più alto. È insomma questo un album maturo, che non sacrifica lo spirito dell’esordio ma sa evolverlo in una musica a tratti quasi sacrale, dove, grazie a un’alchimia non scontata disciplina e psichedelia vanno felicemente ed efficacemente a braccetto.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

Viarosa - Where The Killers Run (Tarnished, 2007)

Scribacchiare di musica è come registrare gruppi. Ti dà la possibilità di provare quello che le scelte che hai fatto…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Torturing Nurse + Cassa Ufficio Malattie Tropicali – Songs For...…

Grande! Era veramente da una vita che non sentivo un disco così "ignorante", se poi questo sia un pregio o…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Freshkills - Creeps And Lovers (Arclight, 2005)

Che cazzo gli ha preso al mondo? Se in questa recensione riuscissi a rispondere a questa domanda sarei probabilmente in…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

Logoplasm & Punck - Drunk Upon The Holy Mountain (Setola…

Se Enrico Ruggeri "è stato punk prima di te" i Logoplasm e Punck sono stati field-recording prima di parecchia gente, i primi…

15 Jan 2008 Reviews

Read more

Nevroshockingiochi – Scena 2 (Onlyfuckingnoise/Neon Paralleli/HYSM?/Il Verso Del Cinghiale…

Quando sulla loro pagina avevo letto l'autodefinizione art-rock, instintivamente avevo messo mano alla fondina, non credo si ci sia bisogno…

16 Oct 2013 Reviews

Read more

Owun - Le Fantôme De Gustav (Autoprodotto, 2012)

La band francese degli Owun si forma nei novanta e dopo tre dischi si scioglie nel 2002, per tornare ora…

19 Apr 2012 Reviews

Read more

Chris Brokaw - Gambler’s Ecstasy (Damnably, 2012)

Come accennato qualche recensione fa a proposito di Geoff Farina e altre vecchie glorie, la Damnably, in Europa, sta diventando…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

Matawan - We Lingered In The Chambers Of The Sea…

La primavera alle porte, il sole del tramonto che filtra dalle tende e... l'immancabile (almeno per me) disco ambient agrodolce…

06 Apr 2018 Reviews

Read more

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Frontier(s) – There Will Be No Miracles Here (Arctic Rodeo,…

Uscita blasonatissima per l’ottima Arctic Rodeo: membri di The Enkindels, Mouthpiece, Stay Gold e, soprattutto, mister Chris Higdon al bel…

02 Jul 2010 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top