Erdem Helvacioglu – Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro su New Albion (e scusate se è poco). Viste le credenziali ed il fatto che si trattava di un bellissimo lavoro ero curioso di vedere che cosa avrebbe potuto combinare con questo nuovo lavoro: oltre a non deludere le mie aspettative Erdem Helvacioglu le ha superate brillantemente. Se nel lavoro su New Albion il suono, oltre ad uniformarsi a molte cose dell’etichetta, risultava molto vicino a quello di molte colonne sonore composte da gente di livello, ora il background di musica elettronica del turco emerge prepotentemente. Pur non avendolo visto, so che nel documentario di Alexander Hacke sulla scena musicale di Istanbul veniva dato molto spazio alle cose che in un certo senso risentivano anche delle influenze locali, bene Erdem Helvacioglu invece appartiene alla categoria di musica che potrebbe venire da qualunque posto dell’occidente più freddo e non credo che sia negativo, anzi diciamo che è quel poco che c’è di buono in un mondo globalizzato, dove a parità di mezzi e al di là delle peculiarità culturali ciò che resta è il lavoro, "la cosa in sé" (come avrebbe detto il vostro amico Kant). Non più flussi di melodia ed immagini filmiche, in queste cinque composizioni elettroniche si trovano semmai riferimenti diretti e non a Maderna, Chris Brown, Stockhausen o anche a Ligeti (che però di digitale ne ha visto ben poco): nonostante ciò non si tratta di musica troppo pesante, non più di alcune cose di Steve Roden, Kim Cascone o gente di quel giro, qualche apertura melodica c’è ancora come a metà di Dance Of Fire, oppure come in le note vellutate che compaiono in Land Crystal Marbles. Più che pesantezza parlerei di ricercatezza, infatti Helvacioglu deve aver fatto un gran lavoro sul suono e sulla struttura delle tracce che al di là di una suite da diciassette minuti si avvicinano ad una durata media di undici. Fra i suoni sintetici e digitali, i passaggi quasi elettroacustici ed i drones ultravellutati si trovano alcune soluzioni veramente di classe in cui il turco dimostra di saperci fare e non poco, non è neppure semplice variare pur mantenendo un’uniformità stilistica, eppure riesce a farlo, basti prestare orecchio all’introspettiva Blank Mirror. Davvero bravo, da tenere d'occhio.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

M. Moynihan & D. Søderlind – Lords Of Chaos (Tsunami,…

Arriva anche in Italia, per meritoria opera della Tsunami Edizioni, la corposa inchiesta che indaga fatti e misfatti della scena…

08 Jan 2011 Reviews

Read more

Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai - Sweetness & Light EP…

"Tu sei completamente stanco", questo il significato del nome che gli Anata Wa Sukkari Tsukarete Shimai hanno scelto: trio che…

17 Mar 2010 Reviews

Read more

Nihil Is Me - Nihilisme (8mm, 2008)

Partiamo subito dicendo che questo è un gran bel disco, ma è una sorpresa? Assolutamente no, Nihil Is Me al…

18 Feb 2008 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

Jeanines - Don't Wait For A Sign (CD Slumberland, 2022)

Facile titolare un disco così. Molto più difficile non leggere un disegno più ampio in alcune casualità. Andiamo con ordine:…

22 Jun 2022 Reviews

Read more

Oneida + Lucertulas - 10/08/09 Malafly (Verona)

Era molto atteso il ritorno degli Oneida, dopo la pazzesca esibizione al No Silenz festival di due anni fa.…

22 Sep 2009 Live

Read more

Ramachandran - Marshmallow (Taxi Driver, 2016)

Inarrestabile punk 'n'roll tantrico venato di noise anni novanta per questo dinamico trio, vagamente (anzi palesemente) ispirato al celebre ed…

14 Mar 2016 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

The Lay Llamas - GOUD (Black Sweat, 2022)

Non credo che le droghe siano sorprendenti. Raggiunto il livello di stabile assuefazione od abitudine, intendo. Dopo anni di abitudine…

07 Apr 2022 Reviews

Read more

Dilatazione - The Importance Of Maracas In The Modern Age…

Dopo un demotape in piena era "postrock" e un ottimo esordio di qualche anno fa, ritornano i toscani Dilatazione e…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Niton - Tiresias (Pulver Und Asche, 2015)

Mi ha fatto spolverare un po' di mitologia greca il titolo del secondo album dei Niton: Tiresias. Un disco in…

23 Mar 2016 Reviews

Read more

Waines - Stu (800’A, 2010)

Proprio vero che la crisi non fermerà il rock‘n'roll. Mentre il terrore di restare al verde, senza casa, senza lavoro,…

26 May 2010 Reviews

Read more

Exit Verse - S/T (Damnably/Ernest Jenning, 2014)

L'inglese Damnably continua a seguire le ormai vecchie glorie degli anni novanta e stavolta, dopo avere fatto uscire il suo…

27 Feb 2015 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.2

Non c’è due senza tre. Ma, essendo questo terzo il podcast numero due, e non riuscendo a capirne il perché,…

13 Jul 2009 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top