Enabler – All Hail The Void (Southern Lord, 2012)

Mi ero ripromesso di non cagare di striscio nessun disco della Southern Lord che presentasse una copertina nera e contenesse il suffisso “-core” nella descrizione della musica del gruppo. L’ennesimo pastone crust/metal revival di terza mano mi avrebbe davvero rovinato l’autunno. Ma non di soli mattoni si vive ed ecco che  arriva gradita la sorpresa degli Enabler, band di Milwaukee che regala un bel dischetto. Pregi immediati: non fanno quell’indefinito ibrido crust/black metal che stufa dopo due minuti, suonano abbastanza vari pur facendo “hardcore”, e soprattutto non hanno pretese di fare pezzi introspettivi e progressivi da 27 minuti. Gli ingredienti di partenza rimango sempre i classici: due torrenti, hardcore e metal, che a tempi alterni si gettano in fiume, ossessivo, impetuoso, dai bagliori d’acciaio. Musica potente, non sempre veloce ma sfiancate, fatta con una certa conoscenza della materia e capace di pungere. Laddove le ultime uscite dell’etichetta avevano svuotato fino all’osso un genere monolitico e già di per sè scarno come il crust, gli innesti metallici, rifferama potente e interessante, i tempi marziali e una voce al limite ma ben bilanciata, ridanno longevità agli ascolti di un prodotto violento ma quasi mai inascoltabile. Dietro le pelli un certo Andy Hurley, noto come batterista dei poppettari Fall Out Boy ma già responsabile delle ritmiche di una autentica band culto come i vegan-straight edge Racetraitor, detta legge e sposta il baricentro verso certo new-school oltranzista anni 90′ che ispessisce ulteriormente il valore, già discreto del disco. Sotto la pioggia di riff solidi e alienanti non può che far piacere riassaporare l’algido rintocco di storiche band come i Disembodied: sia chiaro, siamo ben lontani da capolavori come If God Only Knew The Rest Were Dead, Diablerie o Heretic. Ma la fangosa cattiveria covata e poi fatta deflagrare, come il gruppo di Minneapolis ha insegnato, conferisce una trasversalità e uno spessore inattesi a un disco che supera ampiamente la sufficienza. Non fondamentali ma gradevoli, un’occasione per riscoprire chi, quasi vent’anni fa rivoluzionava un genere e, ancora oggi, risente di un colpevole oblio.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Adamennon + Maximilian Bloch + Dielle Green – Le Sette…

Avete presente quei film dell’orrore, dei quali Rosemary’s Baby è l’esponente più nobile (ma potremmo citare anche sceneggiati d’autore come…

25 Aug 2020 Reviews

Read more

AA. VV. - Brigadisco 4 - Capropoli (Brigadisco, 2012)

Le compilation della Brigadisco si preoccupano, di anno in anno, di fornire una panoramica sui gruppi che transitano dalle parti…

13 Sep 2012 Reviews

Read more

Tomografia Assiale Computerizzata - Senza Titolo (Sometimes, 2011)

Più conosciuti come T.A.C., i Tomografia Assiale Computerizzata rientrano a pieno titolo nei gruppi leggendari dell'ondata sperimentale della musica italiana.…

05 Oct 2011 Reviews

Read more

Zippo - Maktub (Subsound, 2011)

Ennesimo misero tentativo di scimmiottare i Mastodon (ultimi) e tutta una certa tendenza stonerevolutiva che nei sopraccitati, insieme a…

06 Oct 2011 Reviews

Read more

Pugaciov Sulla Luna - S/T (Autoprodotto, 2014)

Giovane terzetto trentino all’esordio, i Pugaciov Sulla Luna dicono di aver raccolto in questo EP “volti diversi di uno stesso…

05 Nov 2014 Reviews

Read more

Inferno - The Fall And Rise And Fall Of Inferno…

Ritornano per il canto del cigno i capitolini più simpatici degli ultimi anni. Da una parte è un vero peccato…

29 Jan 2013 Reviews

Read more

Kajkyt – II (God, 2013)

Se non sbaglio è la prima volta che, su queste pagine, incontriamo Slobodan Kajkut in carne e ossa, dopo aver…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Asymmetrical Warefare (Azoth, 2015)

Ultimamente più in forma che mai, Simon Balestrazzi decide anche di creare una propria etichetta per diffondere i suoi lavori…

10 Feb 2016 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Reverie (Bocian, 2013)

Dopo avere ben rodato la formazione con le attività sia in studio che dal vivo, il quartetto dei Luminance Ratio…

13 Feb 2014 Reviews

Read more

Anne-James Chaton + Andy Moor – Heretics: Tout Ce Que…

Di Andy Moor, storico chitarrista degli Ex, mi è sempre piaciuto il suo saper essere tremendamente efficace nelle collaborazioni, la…

23 Jun 2018 Reviews

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

Rocky Votolato - Makers (Barsuk, 2005)

Ecco una gatta da pelare. Rocky Votolato (myspace qui) - da Seattle - si può inquadrare in quella folta schiera…

18 Jul 2006 Reviews

Read more

Loveless Whizzkid - We Were Only Trying To Sleep (Seahorse,…

Mi sarei aspettato dai Loveless Whizzkid, catanesi come gli Uzeda, l'ennesima riproposizione di quei suoni anni '90 immersi in un…

06 Aug 2013 Reviews

Read more

Riga - Escapism (Chew-Z, 2011)

Ero curioso di sentire questo disco dei Riga e non mi ha lasciato con l'amaro in bocca. C'erano varie ragioni…

07 May 2011 Reviews

Read more

NG + Camerata Mediolanense + Khem + (r) – 21/06/2014…

Si festeggia il solstizio d’estate nei sotterranei del Ligera, un evento per  pochi intimi caratterizzato da un’atmosfera rilassata e familiare.…

11 Jul 2014 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top