Edible Woman – The Scum Album (Ame/Psychotica, 2007)

Come già detto per altri dischi anche per gli Edible Woman capacità degli strumentisti ed una buona produzione annullano completamente la distanza dalla produzione d’oltre oceano. Non so perché ma mi sembrava di aver sentito che il disco fosse stato prodotto e registrato direttamente negli Usa ed invece la mano è quella di Magistrali, quindi spiegato perché l’impressione da superproduzione mi era rimasta già dopo i primi ascolti. Suono "american-fracassone" con tutti i crismi di sorta, a partire dalla batteria aperta a tappeto, dai bassi taglienti, fino alle dinamiche che ballano e vibrano dove devono senza schiacciare tutto senza sali e scendi… ma può una produzione con Magister in piena forma "fare" un disco? No, almeno non in questo caso, infatti capacità e scrittura sono tutte della band e non si tratta di una buona confezione per un prodotto altrimenti mediocre, tutt’altro. Il suono ed il tipo di pezzi mi ricordano molto alcune cose post-punk del giro GSL, ma nulla di ultradeviante, semmai GoGoGo Airheart, I Am Spoonbender, Beautiful Skin e Pleasure Forever più nei ranghi, ma come avrete ben intuito la tastiera non "sta dietro" mentre la squadra si chiude a catenaccio, anzi, gioco a zona dove il tastierista fa da punta avanzata. Anche la voce che normalmente è il tallone d’Achille dei gruppi "paisà" che suonano questo genere si difende, forse è la cosa più "indie" rock oltre all’idea melodica che regge le canzoni. Un altro gruppo che forse aggiungerei al calderone sono i 90 Day Man del periodo di passaggio al cantautorato neo-prog ma per fortuna gli Edible Woman ancora in preda ai bollori giovanili (credo… oppure un pizzico di Skin Graft nel background) non risultano così pallosi come talvolta il gruppo di Chicago ha saputo essere ("e Dio solo sa se gli ho voluto bene"). Arioso, ma tendenzialmente malinconico, non troppo depresso (quindi sta alla new wave come i gruppi GSL stanno al dark) ma "vigoroso", come diceva Kojak del Bianco Sardi. Pur non essendo il mio pane quotidiano non posso che constatarne l’ottima forgia, anzi a naso dei gruppi tastierosi che girano ora direi che sembrano quelli più efficaci.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massa Sonora Concentrata – Boe (Setola Di Maiale, 2015)

È terra estrema la Sardegna, in senso geografico e culturale, terra di confine e di confini. Se dall’isola ci sono…

18 Dec 2015 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Riprendiamo e concludiamo il racconto delle vicende di Gentry Densley e delle sue creature, ripartendo dall'ultimo periodo degli Iceburn, quello…

06 Mar 2012 Articles

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Autoprodotto, 2006)

"777 the neighbour of the beast" recitava una vecchia maglietta degli House Of Pain, tempi in cui l’hip hop era…

28 Nov 2006 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Heliogabale - Blood (Les Disques Du Hangar, 2010)

Un gruppo particolare gli Heliogabale, di cui avevo del vecchio materiale ma che era un po' che non sentivo nominare:…

09 Oct 2010 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Albert Mudrian – Choosing Death (Tsunami, 2009)

Lentamente anche da noi le case editrici vanno colmando le lacune in materia di musica estrema, o comunque non legata…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Plakkaggio - Verso La Vetta (Time To Kill/Hellnation, 2022)

L'eterno ritorno. Chris Nunnos e Gabbath si riaffacciano con band rimaneggiata, ma sempre fedele al metallo più puro e classico.…

22 Mar 2022 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Mary Lattimore - Hundreds Of Days (Ghostly International, 2018)

Mary Lattimore è riuscita dove molti hanno fallito, infatti suona l'arpa senza risultare né inutilmente virtuosa, né troppo classica, né…

10 Jun 2018 Reviews

Read more

Grizzly Imploded – Threatening Fragments From Four Boulders (Sincope, 2014)

Non è facile star al passo con le uscite dei Grizzly Imploded e delle loro varie filiazioni, specie per chi,…

04 Jun 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top