Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più duro (Erode) e dell’elettronica meno ascoltabile (Wertham) può capitare salti fuori un post punk elegantemente demodé, perfettamente calato nel ruolo di veicolo – non potrebbe essere altrimenti con una tale ragione sociale – della parola. Drieu, ispirato da grandi scrittori non allineati – quelli che, ad anni dalla scomparsa, tirano ancora matte le anime belle fautrici di un’arte e una cultura moralizzate – parla chiaro, motivando la propria posizioni di non solidarietà al presente. Non è tanto l’iniziale Dichiarazione, un po’ stucchevole, a dar senso e credibilità alle idee che animano il progetto, quanto l’intero percorso dell’album che passa per i furiosi paradossi di La Confessione, per una Presa Di Posizione che profuma di suicidio, per gli echi stirneriani di una poco accomodante Soluzione e per il crudo testamento di L’Estinzione, che prima dell’addio si toglie la soddisfazione di rovesciare tutti i valori comunemente accettati. È una via crucis che si chiude col sofferto noise-rock de La Distruzione – inevitabile punto d’arrivo benedetto da Céline e Dante Virgili – e lungo la quale la morte fa continuamente capolino, presenza utile, se non proprio a dar senso, quanto meno a circoscrivere e definire l’esistenza. Non così nichilista come potrebbe apparire a un primo ascolto, morale senza scadere nel moralismo (“parole vecchie, lo so, parole strane, lo so” recita L’Estinzione), Drieu è lontano dall’ormai abusata pratica del provocare e si pone piuttosto come erede dei Disciplinatha problematici di Nazioni  nonché come compagno di strada dei Post Contemporary Corporation, dai quali mutua un certo gusto per la declamazione, declinata però in uno stile maggiormente musicale. Se mai La Distruzione dovesse raggiungere orecchie al di fuori del ristretto circolo di chi ne condivide lo spirito si attirerebbe certamente qualche malcelato sorrisetto di superiorità, questo Drieu lo sa. Ma sa anche, come l’uomo dal quale ha preso in prestito il nome, che “nulla si fa senza sangue. Bisogna morire incessantemente per rinascere incessantemente”.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Unidentified Sound Object - Unsorted Tales (Synesthesia, 2012)

Il duo composto da Matteo Milani e Federico Placidi pubblica questo Unsorted Tales, in cui fa sfoggio di grandi doti…

10 Dec 2012 Reviews

Read more

Neurosis - Honor Found In Decay (Neurot, 2012)

Pur portando sempre un compito rispetto verso la band, avevo ormai smesso di seguire i Neurosis da un po' di…

22 Nov 2012 Reviews

Read more

Dilatazione - The Importance Of Maracas In The Modern Age…

Dopo un demotape in piena era "postrock" e un ottimo esordio di qualche anno fa, ritornano i toscani Dilatazione e…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Melvins - Pinkus Abortion Technician (Ipecac, 2018)

Arrivati attorno alla quarantina di dischi i Melvins provano una formazione mai usata prima, infatti oltre naturalmente agli immancambili King…

24 Apr 2018 Reviews

Read more

Talibam! – 19/10/12 Carmen Town (Brescia)

"Cagata pazzesca" o "merda d'artista", questi i due poli fra cui mi immaginavo potesse oscillare la versione 2.0 dei Talibam!…

02 Nov 2012 Live

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Doppelganger (Looney-Tick, 2015)

Sono diverse le cose che Daniele Santagiuliana produce sotto mentite spoglie e tutte meritevoli: The Anguish, Anatomy (con Cristiano Deison),…

31 Dec 2015 Reviews

Read more

AA.VV. – Metallo Liquido, L’Heavy Metal Come Forgia (L’Arca E…

Sarà un segno dei tempi che stiamo attraversando, ma sempre più spesso mi trovo  a pronunciare il termine “metal”, un…

11 Dec 2015 Reviews

Read more

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Strength - Mind-Reader (Community Disco, 2010)

Continuando nella perseguita via dell'autoproduzione, che evidentemente paga bene per chi fa una marea di date dal vivo e che…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Inutili - Unforgettable Lost And Unreleased (Aagoo, 2014)

Con non scusabile ritardo torno ad occuparmi degli Inutili dopo il 12" Music To Watch The Clouds On a Sunny…

30 Sep 2015 Reviews

Read more

Harvestman - In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

Uochi Toki + B-Unit - 07/03/09 RDA May Day (La…

Annata particolarmente gustosa questa del May Day di Spezia. Gli organizzatori hanno pensato bene di affiancare alcuni nomi piuttosto importanti…

12 Apr 2009 Live

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Amklon - Collision Of Absolutes (Boring Machines, 2016)

Sapere che nel progetto Amklon sono coinvolti Sergio Albano (Grizzly Imploded, Drowning In Wood, Monte Ossa) e il musicista elettronico…

12 Dec 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top