Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo nome e ne sentivamo un po’ la mancanza. Fiume Nero conferisce dignità vinilica ad alcuni brani già pubblicati nel 2009 e 2010 su un CDr e un nastro per l’americana Stunned Records, ma appare comunque un’opera assai coerente e coesa.
Da sempre i popoli del nord tendono a calare verso sud, dai tempi delle invasioni barbariche a quelli del grand tour di Goethe, fino alle orde di vacanzieri estivi. Donato Epiro, uomo del sud, segue da tempo il percorso inverso, finendo per incrociare, sull’autostrada del kraut, i suoni della Germania dei bei tempi che scendono ad abbeverarsi nel Mare Nostrum. Tuttavia non di calligrafica adesione a tale estetica si tratta: il nostro porta in dote un bagaglio di suoni ed esperienze che rendono il suo lavoro e Fiume Nero in particolare, assolutamente personale e il kraut nulla più che una macro-categoria di comodo, ad uso e consumo del pigro recensore. Cucendo con certosina pazienza e grande sapienza suoni acustici ed elettronici, Epiro crea un impasto sonoro che guarda tanto al Mediterraneo pacifico e coeso degli Aktuala e dei primi Popol Vuh quanto alle colonne sonore di quei mondo movie che mandavano al diavolo il mito del buon selvaggio, organizzando il tutto in una narrazione altamente evocativa. La metafora del viaggio per descrivere dischi strumentali e dilatati è abusata e odiosa, ma in questo caso è davvero inevitabile: non si tratta però del solito (e magari bad) trip fumoso da hippie, bensì di una cosciente discesa nell’oscurità dell’anima, in stato vigile e con gli occhi (le orecchie?) ben aperti. L’inizio è quasi festoso, con l’orgia percussiva del brano eponimo, ma ben presto i rumori, le melodie intricate provenienti da ogni direzioni e i riverberi dubbeggianti di La Vita Acquatica rendono il quadro meno rassicurante, trasmettendoci una sensazione di accerchiamento da parte di una minaccia che non si manifesta mai chiaramente. Sull’onda di flauti, battiti acustici, field recordings e synth spettrali scendiamo la corrente circondati da una giungla in cui si annidano un natura e una cultura a noi ostili, non senza ragione: gli uccelli del malaugurio e i battiti che vanno scemando in chiusura di Un Globo Rosso Rotondo non fanno presagire nulla di buono. Con Fiume Nero Donato Epiro scrive il proprio personale Cuore Di Tenebra, consegnandoci un lavoro di alto livello, ad oggi il momento più alto della discografia del musicista pugliese.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

Alessandro Stefana - Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che…

27 Jun 2007 Reviews

Read more

Derma - 1995 (Luce Sia, 2019)

Fedeli al proprio nome i ragazzi della Luce Sia proseguono nel recupero del più oscuro e dimenticato industrial avantgarde italiano…

23 Apr 2019 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Anatrofobia – Canto Fermo (Wallace/Neon Paralleli/Lizard/ADN/Aut, 2020)

Chi l’avrebbe mai detto? Sono tornati gli Anatrofobia, a  13 anni dall’ultima comparsa su un supporto fonografico. Uno iato così…

24 Jul 2020 Reviews

Read more

Francesco Serra – S/T (Fratto9 Under The Sky, 2017)

Suono, spazio e visione sembrano essere i tre vertici entro cui si muove il lavoro di Francesco Serra - cagliaritano…

15 Jan 2018 Reviews

Read more

Nedry - In A Dim Light (Monotreme, 2012)

Si dice che nel Regno Unito si stia evolvendo una nuova scena musicale tutta dedita a sonorità che, fino a…

12 Apr 2012 Reviews

Read more

Intervista ai Giuda

Street rock and roll al fulmicotone antemico e ballabilissimo. Come già suggerito in sede di recensione l'esordio a trentatré…

28 Nov 2011 Interviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Ieper Hardcore Fest 2012 - 10-12/08/12 Ieper (Belgio)

In questo 2012 ricorre il ventennale dello Ieperfest e gli organizzatori hanno scelto una scaletta celebrativa: di conseguenza ci sono…

22 Sep 2012 Live

Read more

Erdem Helvacioglu - Altered Realities (New Albion, 2006)

Anche se temo che molti su questa webzine non conoscano la New Albion, non è per nulla sconosciuta anzi, trattasi…

08 Jun 2007 Reviews

Read more

Orthodox – Sentencia (Alone/Southern Lord, 2009)

Non credo l'ufficio turistico dell'Andalusia si servirà mai degli Orthodox per pubblicizzare le bellezze della Costa de la Luz; d'altronde…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Bogong In Action - And That If Piggod! (HysM/Lemmings, 2011)

Questo EP di otto minuti, seconda prova dei Bogong In Action dopo un limitatissimo split tape, inizia con una chitarra…

10 Jan 2012 Reviews

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

Blistrap - Remotion (Setola Di Maiale, 2009)

Nuove uscite su Setola Di Maiale ed alcune vedono coinvolto il patron stesso dell’etichetta che come immagino sappiate è il…

20 Sep 2009 Reviews

Read more

Art Of Flying - Though The Light Seem Small (Discobolus,…

A noi di sodapop i fricchettoni piacciono, non quelli finti e poseur naturalmente, ma la coppia formata da David Costanza…

29 May 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top