Diego Curcio – Rumore Di Carta (Red@zione, 2007)

Credo sia la prima volta che mi balena in mente di recensire un libro. Non è, invece, la prima volta che una tesi di laurea, da cui parte questo testo, ha come oggetto il fenomeno punk, ormai tema più che istituzionalizzato.  Evidentemente, il giovane autore, Diego Curcio, classe '82, è uno di quei bei tipi che non si siedono e si accontentano di quel che passa loro il convento: svezzatosi con il punk rock di metà anni '90, non si è fermato sui tre accordi e le facili melodie floreali italiche del decennio scorso: si è domandato il come e il perchè degli ascolti in cui si trovava immerso e alle leggende ha preferito la ricerca, al sentito dire ha optato per gli scritti e ha sostituito le enciclopedie con le fanzine.
"Storia delle fanzine punk e hardcore italiane dal 1977 al 2007", questo il sottotitolo del libro, è un agile compendio molto utile per chi, come me, quando le cose succedevano o dormiva, o era girato da un'altra parte o semplicemente era troppo piccolo per cogliere qualcosa. Ottimo e comodo nel suo essere didascalico tendente al completista: i capitoli, divisi per decenni, sono composti seguendo logiche territoriali che, purtroppo, non facilitano, se non solo in pochi casi, una chiara lettura delle connessioni tra realtà diverse; ci si rende conto che non è certo immediata e, anzi, tale analisi è resa ancor più complessa dalla natura stessa di tali pubblicazioni, autarchiche fino all'estremo. Eccezion fatta per Punkaminazione, il bollettino riunito nazionale, o qualche fortuito incrocio, quale la presa in giro di Red Ronnie messa in atto da Johnson Righeira, poco pare succedere in termini di scambi tra zone diverse. A dirla tutta, rispetto ad altri volumi di argomento e periodo simile (il pluricitato nel testo Costretti A Sanguinare di Philopat su tutti) latita quel nonsochè di vissuto che alleggerisce un po' il resoconto. O, meglio, lascia che tutto quello che è stato diventi un racconto: che è poi quello che, in pratica, si chiede dai testi sul punk (come spesso notato nelle recensioni di Valentini, quivi citato insieme a Pomini e a Battistetti, tra gli altri collaboratori di Sodapop con un passato degno di nota). Va, altresì, sottolineata l'ottima scelta nelle citazioni, spesso tratte dagli editoriali dei primi numeri, quando gli autori, in una sorta di autoanalisi propositiva si lasciavano scappare motti e parole d'ordine che, col passaparola, sono arrivati ai giorni nostri; espressioni spesso prive, come può sembrare in prima analisi, di quel sapore da inni demodè ma, anzi, spietate e attualissime frecciate ad un mondo, ancora oggi, troppo commerciale o inquadrato. Traspare da dette citazioni l'epicità e la, talvolta scarsa, coscienza di quello che succedeva in quanto parte di una rivoluzione non progettata. Da quanto si evince dalle parole dei quattro rappresentanti, intervistati uno per decennio, la motivazione che sta alla base è sempre un'esigenza di comunicare in contrapposizione alla sconfortante realtà emersa. I quattro intervistati sono Gianfranco Johnny Grieco dei Dirty Actions per Le Silure D'Europe (tre fulminanti numeri nel biennio 79/80), Stiv Rottame Valli per TVOR (Teste Vuote Ossa Rotte, cinque pubblicazioni tra l'81 e l'85), Andrea Pomini con abBestia! (sette uscite tra il 92 e il 97) e e Matt e Jimmy di Troublezine (webzine attiva dal 2003). Interessante e degna di nota è, in ultimo, la prospettiva di analizzare anche il nuovo millennio, con l'avvento del web, risorsa e, contemporaneamente, pietra al collo, nelle parole di molti: un periodo dove il rumore della carta si è, purtroppo, affievolito, preso a bastonate dalle tastiere dei computer. In conclusione vanno i complimenti all'autore per essere riuscito a compilare un buon volume, adattissimo sia come introduzione per neofiti che per una rapida consultazione, atta a dirimere discussioni tra punk originali e avventizi del penultimo giorno; ovvio, non ha la pretesa di essere esso stesso una fanzine o portarne appresso la passione o il bruciare rapido del punk. Se ne consiglia la lettura parallela ad altri testi, usciti negli ultimi anni, che possano illuminare alcuni passaggi forse un po' troppo poco chiariti nella sintesi, nel complesso peraltro riuscita, di Rumore Di Carta. Speriamo che la lettura di queste pagine porti più persone, giovani imberbi e vecchi scafati punk a mettere nero su bianco le loro sensazioni e il loro vissuto. Lunga vita alle zine?

Il libro è reperibile da
http://www.e-redazione.it

Husker, il blog di Diego
http://husker.splinder.com

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Invade (O.F.F., 2013)

Come per ogni oggetto volante non identificato che si rispetti, non so darvi alcuna notizia su questi Space Aliens From…

13 Jan 2014 Reviews

Read more

Aids Wolf Vs Athletic Automaton - Clash Of The Life-Force…

Mentre esce il nuovo disco dei Chinese Stars (tra poco da queste parti), su Skin Graft ci ricordano che, senza…

27 Mar 2007 Reviews

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

De Curtis + Mic Bombatomica – 09/04/11 Interzona (Verona)

Serata di gala all'Interzona per la presentazione del disco di Mic Bombatomica, idolo locale che accoglie nella sua band alcuni…

06 Apr 2011 Live

Read more

Maria Assunta Karini/Francesco Paolo Paladino/Simon Fisher Turner - Ghosts Of…

Terzo volume della serie 13 private sounds per la Silentes, dedicata a soddisfare anche la vista oltre che l'udito: questa…

19 May 2014 Reviews

Read more

Gaerea - S/T (Everlasting Spew, 2017)

Con qualche mese di ritardo sull'uscita segnaliamo questo interessante esordio dalle tinte decisamente fosche. Presentandosi come una via di mezzo…

30 Dec 2017 Reviews

Read more

Tony Dryer/Jacob Lindsay/Jacob Felix Heule - Idea Of West (Creative…

E' interessante come certe etichette si facciano portavoci di un suono particolare, ma allo stesso tempo di qualcosa che dallo…

17 Oct 2010 Reviews

Read more

Hanam Quintet Featuring Tristan Honsinger - S/T (Aut, 2013)

In quel confine tra jazz e contemporanea c'è un altro mondo musicale e in questa settima pubblicazione della Aut rec,…

15 Jan 2014 Reviews

Read more

Whiting Tennis - Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione.…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

Gianni Gebbia/Stefano Giust/Xabier Iriondo - L’Edera, Il Colle, E La…

Possiamo parlare di supergruppo? Beh fate un po’ voi... e quindi solito discorso che i super gruppi non funzionano? Dipende…

30 Sep 2009 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more

Absinthe (Provisoire) - Alejandra (Distile, 2006)

C’era una volta il rock noise francese e a quanto pare c’è ancora e tutto sommato verrebbe da dire anche:…

15 Dec 2006 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Airportman - David (Lizard, 2014)

Atmosfere di cupo minimalismo accompagnano David, concept degli Airportman legato al tema della morte, in particolare alla storia di un…

24 Feb 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top