Dead Elephant + Zeus! + Spring Is Reverber – 27/12/09 Kroen (Villafranca – VR)

E si arriva così all'ultimo atto. Dopo due anni di attività, con molti dei migliori nomi del panorama italiano e internazionale che ne hanno calcato il palco, il Kroen presenta l'ultima serata live. Suonano la marcia funebre gli Spring Is Reverber, i bolognesi Zeus! e i redivivi Dead Elephant. Curioso, la prima recensione che feci dal Kroen fu proprio del gruppo cuneese e così è anche per l'ultima. Si chiude un cerchio. Passato il maltempo che ha imperversato nei giorni scorsi, il pubblico affluisce in buon numero ed è un piacere, ma non poteva essere altrimenti, ritrovare la maggior parte di quelli che con la loro presenza hanno supportato il locale in questi ultimi tempi: una ragione in più per esserci. Il terzetto veronese degli Spring Is Reverber non lascia più di tanto il segno, col loro rock ordinario leggermente spruzzato di noise, distinguendosi solo per l'eccessiva durata dell'esibizione. ultimokroenzeuszeuszeuszeuszeuszeuszeuszeusPassiamo quindi agli Zeus!, duo drum & bass dotatosi di un nome assai impegnativo. Dall'unione fra il batterista de Il Genio e il bassista dei funkpoliziotteschi Calibro 35, non ci si può che aspettare un polpettone pseudo retrò per smidollati e trendisti. Esattamente: i due suonano come dei novelli Man Is The Bastard incrociati, a volte, con i Lightning Bolt più (in)danzabili; il fatto che il batterista sia un ibrido fra Caparezza e Charles Manson avrebbe dovuto insospettirci fin da subito. In breve: basso sludge distorto che deflagra in improvvise accelerazioni, urla belluine (non sempre udibili in mezzo al fracasso), batteria mobilissima, stop-and-go traditori e ignoranza a pacchi.  Mai mi sarei aspettato di dover riesumare il termine power violence (se non sapete che vuol dire, cercatelo su Wikipedia) alla fine degli anni zero, ma di questo si tratta. E ultimokroendeaddeaddeaddeaddeaddeadelephantvi garantisco, credibilissimo. Mezz'ora in bilico fra grindcore e dance cavernicola che pettina il pubblico delle prime file con belle acconciature all'indietro e appone una seria ipoteca sulla serata, tanto più che i Dead Elephant, tornati in pista dopo un lungo periodo di inattività con un nuovo batterista, non appaiono ancora all'apice della forma. Eseguono con bravura e la consueta violenza pezzi tratti da Lowest
Shared Descent
, ma non si ha mai l'impressione che possano dare quel qualcosa in più rispetto a quello che già sappiamo dal disco. Assillati anche da qualche problema tecnico, chiudono il concerto con un paio di pezzi brevi e brutali che sembrano poter far cambiare marcia all'esibizione e invece ci lasciano con un po' di rimpianto. Vincono quindi gli Zeus! ed è bello che l'ultimo segno lo lasci un gruppo che, ce lo auguriamo, infesterà i palchi ancora a lungo. Quanto a noi. si scende al bar per, davvero, l'ultimo bicchiere. E se vi sembra una citazione di quell'idiota di Nikki… Beh, è l'ultima serata qui, perdonatemi.
"The mission is terminated".

Immagini tratte dal video Black Christmas
di Francesco Danilo Felis/Arcanos Video

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Diego Curcio - Rumore Di Carta (Red@zione, 2007)

Credo sia la prima volta che mi balena in mente di recensire un libro. Non è, invece, la prima…

31 Dec 2007 Reviews

Read more

Makhno/HaveyousaidMakhno - Digital 7” (Neon Paralleli/Brigadisco/HYSM?/Wallace, 2013)

L'alias di Paolo Cantù torna a farsi sentire con un 7" digitale, presentato con grafica e immagini del vinile come…

02 Jul 2013 Reviews

Read more

ӔLMĀ - The Beings Of Mind Are Not Of Clay…

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di…

12 Jun 2022 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Kinetix - Final Archives (Silentes, 2010)

Pare che questo disco sarà l'ultimo a nome Kinetix per Gianluca Becuzzi: Final Archives è composto da tre mini album…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Sun Kil Moon - Benjii (Caldo Verde, 2014)

Un capolavoro intenso e profondo, e c'è dentro tutta una vita. Basterebbe questa semplice frase per dare lustro al ritorno,…

22 Apr 2014 Reviews

Read more

La Piramide di Sangue – Tebe (Sound Of Cobra/Boring Machines,…

Mi mancava ancora un disco per l'estate, uno di quelli buoni da ascoltare quando si scende a sud, che abbia…

13 Aug 2012 Reviews

Read more

The Barons 80 - S/T (Hellbones, 2020)

Fedele ai reconditi quanto primigeni amori della Hellbones ecco un prodotto tanto inaspettato quanto fresco come una sgasata di hot-rod.…

12 Feb 2021 Reviews

Read more

Rainbow Lorikeet - Fractures (Debacle, 2012)

Rainbow Lorikeet, monicker di Nicolò Tescari, esordisce pubblicando sull'americana Debacle di Seattle il disco Fractures. Anche se in un'epoca di…

26 Jul 2012 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - Deeper (CD Luce Sia, 2022)

Deeper è la terza parte di una trilogia iniziata nel 2017 e comprendente i lavori RedruM e TheenD, in questo…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 26 (23/04/15)

Puntata numero ventisei della terza stagione di The Sodapop Fizz, questa volta l'ospite di Emiliano e Stefano è Attilio Novellino con la…

27 Apr 2015 Podcasts

Read more

Yann Novak - Blue.Hour (Farmacia901, 2012)

Yann Novak vive e lavora nella città di Los Angeles dove donnine prosperose e omaccioni muscolosi corrono al rallentatore sulla…

19 Apr 2013 Reviews

Read more

Deflore - 2 Degrees Of Separation (Subsound, 2010)

Interessante calcio all'indietro verso le cupe, ma turgide sonorità power dark dei primi anni novanta che portarono (allora) alla ribalta…

12 Oct 2010 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more

L'Enfance Rouge - Trapani, Halq Al Waady (Wallace, 2008)

Ritorno di Cambuzat, Locardi e Andreini (ormai sempre più inserito fra le maglie del loro suono): L'Enfance Rouge è un…

17 Apr 2008 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top