Dead Boomers/Crow + Rushford/Talia + Hamann + Brennan/Butler – 24/10/10 The Workers Club (Melbourne)

E' domenica sera ma la musica dal vivo non si ferma a Melbourne e la nostra scelta si orienta sul mini festival della Sabbatical, etichetta noise/elettronica/sperimentale di cui si è già parlato su questo sito; il concerto è al Workers Club, locale che oltre ad avere un ottima acustica (come quasi tutti quelli qui in città) è anche stato rinnovato con dei bei interni fatti di quadrati in legno grezzo, per una volta diversi dalla canonica stanza nera a cui siamo ormai abituati.
La serata comincia presto e sale sul palco il duo di Mitchell Brennan e Fjorn Butler, il primo al laptop, mixer e rumori vari e la seconda con una serie di oggetti autocostruiti conditi con microfoni a contatto; il loro set sciorina tutto il repertorio di rumori/stridii, ma senza convincere fino in fondo: ormai questo genere di musica è sovraffollato e per sorprendere o quanto meno interessare ci vuole qualcosa in più di una esibizione "standard", ma il duo è giovane e noi gli diamo tempo per crescere. Judith Hamann si presenta sul palco sola con il suo violoncello e subito le sue doti non lasciano spazio a dubbi: non solo è una musicista che proviene sicuramente da studi classici, ma è praticamente in completa simbiosi con il suo strumento, che suona in modo non ortodosso sia con l'archetto che con le dita e percuotendolo; il live set è davvero impressionante e l'amalgama di suoni e rumori che esce dal violoncello è di notevole fattura. Ma le cose interessanti non sono finite, dopo di lei inizia quello che sarà il concerto più interessante della serata, James Rushford e Joe Talia sono infatti due musicisti contemporanei provenienti da studi classisabbaticalliveworkers2ci e dediti a improvvisazioni molto intriganti da vedere dal vivo, l'uno all'harmonium e l'altro ai nastri magnetici sono in grado realmente di stregare tutti quanti in sala proponendo un vero e proprio turbinio di suoni. Il coperchio della tastiera dell'harmonium è strofinato con un pezzo di polistirolo e questo suono, unito con il rumore della pressione dei tasti, è registrato da un microfono appiccicato allo strumento, mentre il registratore a bobine viene magistralmente usato come una vera propria orchestra tra registrazioni, sovrapposizioni e rumori vari: davvero uno spettacolo affascinante e coinvolgente. A chiudere la serata il concerto di Leith Thomas e Marc Groves, due dei tre boss dell'etichetta assieme a Marcus Cook, con il loro progetto Dead Boomers: anche questa volta accompagnati dalla batteria di Dan Crow, i due suonano pedali, strumenti autocostruiti ed effetti vari accompagnati dal drumming "grind" più sfrenato e dalle urla filtrate di Marc, per il set decisamente più duro della serata, alla fine non distante dal loro passato/presente hardcore; i due brani proposti sono di buona fattura, pesanti ma scorrevoli e il risultato complessivo è ancora più convincente dell'altro set che abbiamo visto la settimana scorsa, a riprova che in questo genere più si suona, più si prova e meglio è. La serata è stata molto interessante perché, oltre a confermare Sabbatical come una etichetta valida, ci ha permesso di vedere un altro aspetto di nomi che finora avevamo solo ascoltato su disco, rendendo godibile il tutto anche grazie a set diversi tra di loro.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lava Lava Love - A Bunch Of Love Songs And…

Beh. Ecco qui. Per la serie paghi due e prendi tre, da Verona arriva un quintetto di musicisti che, sotto…

01 Dec 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Quarzo (Santeria/Wallace, 2010)

Quarto album in studio per i Bachi Da Pietra, a pochi mesi di distanza dal live che suggellava il vecchio corso…

05 Nov 2010 Reviews

Read more

Nicolas J. Roncea - Eight (Part One), (Autoprodotto, 2014)

Abbiamo già avuto modo di conoscere ed apprezzare Nicolas J. Roncea in quanto membro degli eccellenti Io Monade Stanca e…

29 Jul 2014 Reviews

Read more

Eniac - Unknown Language (Chew-Z, 2010)

Ritorna Fabio Battistetti, patron della Chew-Z e questa volta invece di far uscire materiale per altri gruppi si dedica al…

28 Jun 2010 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Summer Days, Summer Nights

  Summer loving had me a blast Summer loving happened so fast I met a girl crazy for me Met a boy cute as…

24 Jul 2022 Podcasts

Read more

R.U.G.H.E. - S/T (Niente, 2009)

Non amo molto il radical minimalismo delle edizioni Niente, però non c'è dubbio alcuno che l'etichetta fondata dagli St.ride fornisca…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Los Fancy Free - Nevergreens Vol. 1 (SiliconCarne, 2008)

Fuori da qualsiasi moda, fuori dal tempo ed inevitabilmente (ed autenticamente) fuori di testa, questo bizzarro quartetto scandinavo/messicano (!!!)…

26 Nov 2008 Reviews

Read more

Concrete - Gvttae Sangvinis (Donna Bavosa/Sanguedischi/Shove, 2009)

Preparatevi perchè più che una recensione si tratterà di un epitaffio, di quelli stile Kina (beh un po' più brutti,…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Recuperando brevi epitaffi - Epitaph Records 2020-2022

Un epitaffio è di norma la frase con cui una persona deceduta si congeda al mondo, oppure le parole con…

01 Aug 2022 Articles

Read more

Aucan + Cheap Orchestra - 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti…

28 Mar 2010 Live

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Liars – 28/05/13 Interzona (Verona)

Torna in Italia in gruppo newyorkese, per presentare l'ormai non recentissino WIXIW e immancabilmente fa tappa a Interzona, con cui…

21 Jun 2013 Live

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Junkfood – Transience (Parade/Trovarobato, 2011)

Parade è la costola della Trovarobato che si occupa di dare visibilità a musiche che presso l'etichetta madre difficilmente troverebbero…

27 Jul 2011 Reviews

Read more

Koji Asano – Mileage Reimbursement (Solstice, 2012)

Non si ferma, ci preoccuperebbe il contrario, la prolifica produzione del giapponese Koji Asano e a pochi mesi da Travel…

05 Feb 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top