Davide Cedolin – Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di folk agreste ti saltano addosso, con degli stereotipi grossi come le praterie che si levano immediatamente di torno. Si libra altissimi fra i solchi di questo vinile in confezione bella ed austera, da fare vostra assolutamente (e qui devo ringraziare Matteo Casari e Marco Rabingum, abituali ed affidabilissimi pusher sulla linea liguri-elvetica). Ci si sente liberi, come uccelli, ondeggiando sulle orchestrazioni dei sodali del già Japanese Gum.
Tommaso Rolando, Ryan Jewell, Paolo Tortora, Tito Ghiglione, Rocco Spigno, Caterina Rolando lasciano i segni, permettendo al nostro di esprimersi al meglio, quasi come se i Son Volt avessero assunto Zach Condon aka Beirut. Pura magia, ed è soltanto Loosely, il primo pezzo. Con Destination Unknown ugualmente si vaga, sciancrati e leggeri, per la campagna. I pesi citati nel testo “…Territories fade in a puff, and some weights at most….” sembrano tuttalpiù pietre scalciate in souplesse ed il mood sembra essere elegante e leggero, nonostante l’abbinamento (camicia a scacchi e gilet di jeans) portato dal nostro. Sarà probabilmente l’influsso del gatto che viaggia qua e là nell’artwork a dare quel tocco di sorniona svagatezza alla musica, che in Rites under the moon accompagna sacrifici rituali affrontati come si conviene, in buona onda e senza indugi! L’accortezza dell’insieme musicale è qualcosa di molto importante, dosata senza che snaturi l’immediatezza acustica ma coinvolgente e toccante, a sostenere le note vocali di Davide. Tocchi di fiati, lirismo, montagna…associazioni a catena mi riportano alla mente un Tim DeLaughter spogliato di tutto e lasciato di fronte alla cruda natura. Un rappresentare con quanta più onestà possibile il rapporto con la terra, come il movimento di chitarra e cicale di Silver Pines.
Si gira, lato B. An Echo, un allungarsi del cielo mentre la luce sembra andarsene, echi che raddoppiano in testa e ci costringono a rilassarci…c’è qualcosa di dolcemente corrotto ed indolente in questi brani, come se qualcuno avesse offerto dei biscotti alla marjuana all’impomatata bandella western. Un’ottima scelta, non c’è che dire, visto che godiamo di queste aperture stralunate, come in una Vanishing Sky che si vorrebbe urlare seguendo il pestare delle percussioni di Ryan Jewell. Si avanza, verso una fine che non si vorrebbe affrontare, la fine di un bel disco, la fine di una buona bottiglia, la fine di una bella storia…siamo a Silence ed un po’ di magone sale, che di questi tempi non si è sicuri più di nulla, se tutto questo fosse soltanto magia? Calma, non ci agitiamo, spolveriamo i solchi, come da ultimo brano, ed abbracciamo lo sconosciuto. Rischieremo di farlo con un cazzo di sorriso ebete sulla faccia e di venirne distrutti ma, credetemi, se anche solo metà della bellezza di questo disco si è trasformata in nostra forza o convinzione niente e nessuno riuscirà a sconfiggerci.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

June - Happy Boys Cry Loud (Here I Stay, 2007)

La Here I Stay è l'etichetta sarda che qualche tempo fa aveva fatto uscire i Plasma Expander in collaborazione con…

04 Aug 2007 Reviews

Read more

Faravelliratti - Lieu (Boring Machines/Coriolis Sound, 2010)

Collaborazione che mette assieme due nomi conosciuti da molti dei nostri lettori ovvero Attila Faravelli, alla cabina di regia di…

02 Sep 2010 Reviews

Read more

Child Abuse - S/T (Lovepump United, 2007)

Una copertina da togliere il sonno al vostro nipotino, nonostante il blasonato autore, e un disco da ascoltare a testa…

30 May 2007 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Titor - Rock Is Back (Inri, 2012)

Tanto erano alte le aspettative per il nuovo Titor quanto gigantesca è stata la delusione nel notare che dei nove…

20 Jun 2012 Reviews

Read more

Arnoux - Cascades (Knifeville, 2008)

A celarsi dietro il nome di Arnoux è il friulano Fabio Arnosti, bassista di Ten Thousand Bees, qui al suo…

09 Sep 2008 Reviews

Read more

Various Artists - Albascura: A Descent Into The Blasco Lungs…

Quando ho saputo di Albascura della Asbestos, non ho di certo accolto con entusiasmo la notizia. Certo l’etichetta ci ha…

07 Oct 2019 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Nils Rostad – Ujamat/Harmony Hammond (Solar Ipse, 2013)

Più che una ristampa quella che ci propone la Solar Ipse è l’edizione CD dei due più recenti album di…

28 Feb 2014 Reviews

Read more

Dirty Trainload – Trashtown (Otium, 2011)

Duo di blues elettrico e grezzo, nei suoni, ma dalle soluzioni decisamente fini, questi Dirty Trainload, rimandano ai The Kills…

25 May 2011 Reviews

Read more

Maisie - Maledette Rockstar (Snowdonia/La Zona, 2018)

Tornano i Maisie per un'altro viaggio nel loro mondo, questa volta a base di pop Zappaiolo: i due sono accompagnati…

08 Jan 2018 Reviews

Read more

Cafeteria Dance Fever - Danceology (Hovercraft, 2012)

Garage quasi tipo Cramps. Suoni sporchissimi che in confronto il tradizionale Lo-fi è una roba passata sotto l'engineering di Brian…

14 Jun 2012 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Meshuggah - ObZen (Nuclear Blast, 2008)

Attesissimo ritorno per la band scandinava che, contrariamente al loro stile, si ripropone in un lavoro lineare e, apparentemente,…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top