Davide Cedolin – Embracing the Unknown (Torto, Marsiglia 2021)

Un sonaglino, la chitarra che si fa sentire, limpida, agra…poi parte la voce di Davide Cedolin e 70 anni di folk agreste ti saltano addosso, con degli stereotipi grossi come le praterie che si levano immediatamente di torno. Si libra altissimi fra i solchi di questo vinile in confezione bella ed austera, da fare vostra assolutamente (e qui devo ringraziare Matteo Casari e Marco Rabingum, abituali ed affidabilissimi pusher sulla linea liguri-elvetica). Ci si sente liberi, come uccelli, ondeggiando sulle orchestrazioni dei sodali del già Japanese Gum.
Tommaso Rolando, Ryan Jewell, Paolo Tortora, Tito Ghiglione, Rocco Spigno, Caterina Rolando lasciano i segni, permettendo al nostro di esprimersi al meglio, quasi come se i Son Volt avessero assunto Zach Condon aka Beirut. Pura magia, ed è soltanto Loosely, il primo pezzo. Con Destination Unknown ugualmente si vaga, sciancrati e leggeri, per la campagna. I pesi citati nel testo “…Territories fade in a puff, and some weights at most….” sembrano tuttalpiù pietre scalciate in souplesse ed il mood sembra essere elegante e leggero, nonostante l’abbinamento (camicia a scacchi e gilet di jeans) portato dal nostro. Sarà probabilmente l’influsso del gatto che viaggia qua e là nell’artwork a dare quel tocco di sorniona svagatezza alla musica, che in Rites under the moon accompagna sacrifici rituali affrontati come si conviene, in buona onda e senza indugi! L’accortezza dell’insieme musicale è qualcosa di molto importante, dosata senza che snaturi l’immediatezza acustica ma coinvolgente e toccante, a sostenere le note vocali di Davide. Tocchi di fiati, lirismo, montagna…associazioni a catena mi riportano alla mente un Tim DeLaughter spogliato di tutto e lasciato di fronte alla cruda natura. Un rappresentare con quanta più onestà possibile il rapporto con la terra, come il movimento di chitarra e cicale di Silver Pines.
Si gira, lato B. An Echo, un allungarsi del cielo mentre la luce sembra andarsene, echi che raddoppiano in testa e ci costringono a rilassarci…c’è qualcosa di dolcemente corrotto ed indolente in questi brani, come se qualcuno avesse offerto dei biscotti alla marjuana all’impomatata bandella western. Un’ottima scelta, non c’è che dire, visto che godiamo di queste aperture stralunate, come in una Vanishing Sky che si vorrebbe urlare seguendo il pestare delle percussioni di Ryan Jewell. Si avanza, verso una fine che non si vorrebbe affrontare, la fine di un bel disco, la fine di una buona bottiglia, la fine di una bella storia…siamo a Silence ed un po’ di magone sale, che di questi tempi non si è sicuri più di nulla, se tutto questo fosse soltanto magia? Calma, non ci agitiamo, spolveriamo i solchi, come da ultimo brano, ed abbracciamo lo sconosciuto. Rischieremo di farlo con un cazzo di sorriso ebete sulla faccia e di venirne distrutti ma, credetemi, se anche solo metà della bellezza di questo disco si è trasformata in nostra forza o convinzione niente e nessuno riuscirà a sconfiggerci.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Three Trees (Fabio Sacconi/Andrea Bolzoni/Riccardo Marenghi) - S/T (Bunch, 2014)

I tre "alberi" che danno il nome al trio potrebbero forse essere il jazz, l'improvvisazione e la musica contemporanea, dato…

10 Sep 2014 Reviews

Read more

Viarosa - Where The Killers Run (Tarnished, 2007)

Scribacchiare di musica è come registrare gruppi. Ti dà la possibilità di provare quello che le scelte che hai fatto…

18 Nov 2007 Reviews

Read more

Au – Both Lights (Leaf, 2012)

Un magma musicale assurdo permea il lavoro di questi ay-yoo, progetto di Luke Wyland e Dana Valakta da Portland. …

01 Jun 2012 Reviews

Read more

Torturing Nurse + Cassa Ufficio Malattie Tropicali – Songs For...…

Grande! Era veramente da una vita che non sentivo un disco così "ignorante", se poi questo sia un pregio o…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Freshkills - Creeps And Lovers (Arclight, 2005)

Che cazzo gli ha preso al mondo? Se in questa recensione riuscissi a rispondere a questa domanda sarei probabilmente in…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

Massimo De Mattia - Mikiri+3 (Setola Di Maiale, 2011)

Si tratta di un disco decisamente anomalo per il catalogo della Setola Di Maiale, non tanto per la grande fruibilità…

23 Sep 2011 Reviews

Read more

Logoplasm & Punck - Drunk Upon The Holy Mountain (Setola…

Se Enrico Ruggeri "è stato punk prima di te" i Logoplasm e Punck sono stati field-recording prima di parecchia gente, i primi…

15 Jan 2008 Reviews

Read more

Nevroshockingiochi – Scena 2 (Onlyfuckingnoise/Neon Paralleli/HYSM?/Il Verso Del Cinghiale…

Quando sulla loro pagina avevo letto l'autodefinizione art-rock, instintivamente avevo messo mano alla fondina, non credo si ci sia bisogno…

16 Oct 2013 Reviews

Read more

Owun - Le Fantôme De Gustav (Autoprodotto, 2012)

La band francese degli Owun si forma nei novanta e dopo tre dischi si scioglie nel 2002, per tornare ora…

19 Apr 2012 Reviews

Read more

Chris Brokaw - Gambler’s Ecstasy (Damnably, 2012)

Come accennato qualche recensione fa a proposito di Geoff Farina e altre vecchie glorie, la Damnably, in Europa, sta diventando…

11 Dec 2012 Reviews

Read more

Matawan - We Lingered In The Chambers Of The Sea…

La primavera alle porte, il sole del tramonto che filtra dalle tende e... l'immancabile (almeno per me) disco ambient agrodolce…

06 Apr 2018 Reviews

Read more

Zac Nelson – Domain Of Pure Speculation (Second Family, 2011)

Torna su queste pagine una produzione della parmigiana Second Family Records, che stavolta è volata fino a Portland per pescare,…

30 Jan 2012 Reviews

Read more

Frontier(s) – There Will Be No Miracles Here (Arctic Rodeo,…

Uscita blasonatissima per l’ottima Arctic Rodeo: membri di The Enkindels, Mouthpiece, Stay Gold e, soprattutto, mister Chris Higdon al bel…

02 Jul 2010 Reviews

Read more

Susanna Gartmayer – AOUIE, Solos For Bass Clarinet (Chmafu/God, 2015)

New York’s Alright If You Like Saxophones, dicevano i Fear; se invece amate il clarinetto, la città che fa per…

22 Jan 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top