Dans Les Arbres – Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp self-release, 2019)

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland (chitarra) e Ingar Zach (percussioni); attivi dal 2006, tre album sulle pregiate Ecm e Hubro, esplorano un concetto molto interessante di composizione spontanea in bilico tra aleatorietà e concretezza.
Una delle migliori occasioni per saggiare la loro qualità esecutiva è sicuramente il nuovo Volatile su Sofa, registrazione del concerto tenuto al Teatro San Leonardo di Bologna nel 2018, che mostra un grande senso dell’interplay nell’esplorare un ampio raggio di sentimenti percettivi. Attraverso l’attento approfondimento delle varie tecniche estese, il quartetto pratica una particolare ricerca linguistica capace di costruire un suono tanto meditato quanto vivo e istantaneo.
Uno scorrere incessante, lento, ma brulicante di tensioni crea un contesto profondamente immersivo che traduce la fisicità del tocco in astratta armonizzazione, senza mai risolvere del tutto la tensione tra melodia e suono; avant jazz sospeso ma con un profondo senso della consistenza che spazia tra il concretismo materico di Cage, armonizzazioni aleatorie e dissonanze calibrando i vari gradi di intensità con un metodo discorsivo intelligente ed emozionale. Un approccio colto che tuttavia non si risolve nella pura tecnica, ma si innerva di una vitalità improvvisativa mai accondiscendente e con il pregio di riuscere a coinvolgere nell’ascolto.

A poco più di un mese da Volatile, il quartetto rende disponibile in versione digitale su bandcamp un nuovo lavoro che mostra ulteriori approfondimenti della loro visione di musica istantanea. Le sessioni sono state registrate nel mausoleo dell’artista norvegese Emanuel Vigeland in Oslo e, oltre a risentire del riverbero misterioso dell’architettura del luogo, si tingono di una coloratura elettronica che allarga gli orizzonti espressivi dell’ensemble: al clarinetto di Charles e alla table steel guitar di Grydeland Wallumrød aggiunge synth, drum-machine ed elettronica, mentre Zach affianca questa compente al suo set percussivo. La sostanza sonora stavolta gioca amabilmente con la profondità dello spazio, caricandosi di un forza cupa che mette ancora meglio a fuoco la capacità dei quattro di innervare la linearità con fibre profondamente inquiete. Ne risulta una musica contemporanea scura e riverberante, più palpabile e maggiormente inquietante.
In modo meno lineare che su Volatile, le cinque stanze sonore di Mausoleum rimanipolano i concetti compositivi per disegnare paesaggi tormentati nei quali sbucano frangenti melodici imprigionati nella coltre, concretismi rumorosi e fascinazioni statiche. Un minimalismo che armonizza tensioni contrastanti e umori improvvisi in un flusso coerente e ben rifinito.
Due lavori di notevole bellezza che attraverso una reale ricerca linguistica costruiscono una poetica del tutto personale e affascinante.

 

 

 

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Things we lost in the fire-starter aka memorabilia di un…

Prima dello scoccare del nuovo anno, l'impavido Gusmerini offrì un'ardita lista che pose a riflessione de lo miglior materiale che…

14 Jan 2011 Articles

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 36 (02/07/15)

Puntata numero trentasei della terza stagione di The Sodapop Fizz, Alberto Boccardi ospite di Emiliano e Massimo con un po'…

05 Jul 2015 Podcasts

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Beasts of Bourbon - the low road (Red Eye/Polydor, 1991)

Le Bestie del Bourbon erano abituate a vedere canguri e koala che gli attraversavano la strada mentre vagavano in mezzo…

20 Jul 2006 Reviews

Read more

Gianni Lenoci/Gianni Mimmo - Reciprocal Uncles (Amirani, 2010)

In contemporanea al duo che vede coinvolto Cristiano Calcagnile e Monica Demuru (Blastula) la Amirani spara quest'altra coppia che vede…

06 Apr 2010 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Hall Of Mirrors - Reflections On Black (Silentes, 2007)

Credo che sia la prima volta che su Sodapop venga recensito un lavoro di Andrea Marutti e/o di Giuseppe Verticchio,…

30 Aug 2007 Reviews

Read more

Strongly Imploded - Why Use A Proxy? (Ikuisus, 2009)

Per quanto non ci sia alcuna specifica all’interno del cd se non delle sigle, guardando sulla loro pagina myspace ho…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Tying Tiffany – Peoples Temple (Trisol, 2010)

Se esistono l'heavy metal e l'hard rock, perché non possono esserci anche l'heavy o l'hard plastic? Ecco, hard plastic mi…

15 May 2010 Reviews

Read more

Omosumo - Ep (Auprodotto, 2008)

Ancora Sicilia, ancora promesse, ancora cose da dire. Potremmo quasi definirla una seconda ondata, considerando come prima quello fiorita…

17 May 2009 Reviews

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche…

13 Feb 2017 Reviews

Read more

3eem - Echoes (White Label, 2011)

Di nuovo i 3eem, chi l’avrebbe mai detto? Onestamente disperavamo di ascoltare un seguito a Third Segment, vista l’assenza dalle…

16 Jan 2012 Reviews

Read more

Hibagon - Polyposmic (Taxi Driver, 2019)

Matematica impossibile, cosmica e con derive metalliche neanche troppo mascherate. Album totalmente strumentale per questo duo bergamasco interamente dedito ai…

04 Feb 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top