Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o come diavolo volete chiamarla: della musica italiana tutta. Artista poliedrico, che passa senza problemi dal folk al metal, dalla sperimentazione all’attività di remixaggio (il suo lavoro per gli Ovo resta uno dei punti più alti della carriera del duo Dorella/Pedretti), ha dato prova delle proprie qualità in ogni ambito, ottenendo, nel corso di una carriera ormai più che ventennale, solo una limitata fama.
Probabilmente, il primo a non preoccuparsi di una cosa del genere è lui, personaggio schivo e dedito unicamente alla propria opera, ma che un album come Cielo Inchiostro non possa avere la ribalta che merita, è davvero un peccato. Nelle dodici composizioni il lato cantautorale si combina mirabilmente con quello più rumoroso: ne esce un lavoro equilibrato e poetico, in cui il rumore è orchestrato in forme fruibili, mentre la sua peculiare voce svagata è alle prese con testi ormai maturi. Alla base di ogni composizione ci sono costruzioni ritmiche intricate e ripetitive che sostengono uno strato di rumore o tenui giri di synth e basso: su tutto la voce, un morbido sussurro, riesce ad ammansire anche i momenti più rumorosi. I testi, partendo dall’infinitamente piccolo, finanche del banale, descrivono un realtà ricca di dati sensoriali, e contemplandola da una certa distanza, riescono a coglierne il senso d’assurdo e di tragedia, ma anche i frammenti di bellezza e i brevi momenti di serenità. L’unico paragone che può reggere, è con l’ultimo, sottovalutato Battiato (ma un po’ anche quello di Pollution); certo, un Battiato che invece che alla Bla Bla si è fatto le ossa alla Industrial Records, ma le canzoni hanno la stessa compostezza, la stessa linearità, che sacrifica la dinamica alla profondità. Credo di non averlo mai fatto, ma per un disco così è necessario usare, senza timore, la parola capolavoro.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Zolle - Porkestra (Bloody Sound Fucktory, 2015)

Essenziali e diretti. Essenziali perchè è così che si definiscono: chitarra e batteria, semplici nella costruzione, naturali con il senso…

12 May 2015 Reviews

Read more

Rock And The City - Pop Goes The world

Come sta il Pop oggi: comatoso o vivo e vegeto? Proviamo a cercare di capire che accade, ponendo più domande che…

22 Jul 2006 Articles

Read more

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more

Reveille - Broken Machines (Clapping Music, 2014)

Broken Machines è il secondo album di questo duo francese, composto da François Virot, voce e chitarra, conosciuto…

05 Mar 2014 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Unknown Mortal Orchestra - II (Jagjaguwar, 2013)

Galeotto fu un tranquillo giovedì sera di chiacchere nel pub di fiducia, saltano fuori nomi di possibili futuri live che…

06 Mar 2013 Reviews

Read more

Horsegirl - Versions of modern Performance (CD Matador, 2022)

Penelope, Nora e Gigi, due chitarre, due voci, una batteria, tutte sotto i 20 anni. Due di loro sono al primo…

29 Jun 2022 Reviews

Read more

Adamennon – Mortuary Chambers (Autoprodotto/Corpocavernoso, 2010)

Il nuovo, sofferto parto dell'oscuro Adamennon, musicista dark-ambientale e adepto del culto del Megawolf, lascia poco spazio all'immaginazione fin da…

25 Oct 2010 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Liars + John Wiese – 06/11/10 Interzona (Verona)

Alla terza volta che il gruppo americano transita da queste parti mi è parso il caso di dare un'occhiata per…

26 Sep 2010 Live

Read more

Talibam! + Mangia Margot - 19/05/09 Arci Kroen (Villaranca -…

Era certo uno dei nomi di punta del cartellone di questa fine stagione quello dei newyorkesi Talibam!, ridottisi a duo…

30 May 2009 Live

Read more

Øe - Transfer (Murmur, 2012)

Il disco di Fabio Perletta, ovvero Øe, esce per la giapponese Murmur records, non che la cosa attesti automaticamente la…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Toast Masters (Homesleep, 2005)

Ecco, di una cosa posso(iamo) prendere atto: gli Yuppie Flu hanno cessato di rischiare già da un pò di…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top