Daniele Brusaschetto – Cielo Inchiostro (Bosco, 2012)

Daniele Brusaschetto è purtroppo uno dei segreti meglio custoditi della musica italiana. Non solo della musica underground, indie, indipendente o come diavolo volete chiamarla: della musica italiana tutta. Artista poliedrico, che passa senza problemi dal folk al metal, dalla sperimentazione all’attività di remixaggio (il suo lavoro per gli Ovo resta uno dei punti più alti della carriera del duo Dorella/Pedretti), ha dato prova delle proprie qualità in ogni ambito, ottenendo, nel corso di una carriera ormai più che ventennale, solo una limitata fama.
Probabilmente, il primo a non preoccuparsi di una cosa del genere è lui, personaggio schivo e dedito unicamente alla propria opera, ma che un album come Cielo Inchiostro non possa avere la ribalta che merita, è davvero un peccato. Nelle dodici composizioni il lato cantautorale si combina mirabilmente con quello più rumoroso: ne esce un lavoro equilibrato e poetico, in cui il rumore è orchestrato in forme fruibili, mentre la sua peculiare voce svagata è alle prese con testi ormai maturi. Alla base di ogni composizione ci sono costruzioni ritmiche intricate e ripetitive che sostengono uno strato di rumore o tenui giri di synth e basso: su tutto la voce, un morbido sussurro, riesce ad ammansire anche i momenti più rumorosi. I testi, partendo dall’infinitamente piccolo, finanche del banale, descrivono un realtà ricca di dati sensoriali, e contemplandola da una certa distanza, riescono a coglierne il senso d’assurdo e di tragedia, ma anche i frammenti di bellezza e i brevi momenti di serenità. L’unico paragone che può reggere, è con l’ultimo, sottovalutato Battiato (ma un po’ anche quello di Pollution); certo, un Battiato che invece che alla Bla Bla si è fatto le ossa alla Industrial Records, ma le canzoni hanno la stessa compostezza, la stessa linearità, che sacrifica la dinamica alla profondità. Credo di non averlo mai fatto, ma per un disco così è necessario usare, senza timore, la parola capolavoro.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Melampus - Hexagon Garden (Riff/Sangue Disken/Old Bicycle, 2015)

Il terzo disco dei Melampus pecca nell'artwork: pulito, essenziale, ben fatto, chiaro. Tutto perfettamente in regola, se non fosse che…

30 Apr 2015 Reviews

Read more

Chris Pitsiokos - un nuovo nome da tenere a mente

Chris Pitsiokos è una personalità molto interessante del nuovo sottobosco avant jazz new yorkese, approfondisce le possibilità del sassofono alto praticando…

09 Aug 2018 Articles

Read more

Quai Du Noise - Echo Sounder (Edison Box, 2015)

Il lavoro del duo bolognese di recentissima formazione - nella più che succinta biografia si dicono nati nel 2014 -…

14 Oct 2015 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more

Catlong - Out Of Control (Autoprodotto, 2007)

E’ bello, davvero bello, edulcorarsi tanto per il passo coi tempi che cavalcano oggi i gruppi nostrani, per poi essere…

02 Jun 2007 Reviews

Read more

The Letter Yellow - Walking Down The Streets (Autoprodotto, 2013)

E' una bella cover dove campeggiano cerchi concentrici colorati come lo spettro della luce ad introdurmi nel mondo dei Letter…

30 Oct 2013 Reviews

Read more

AA. VV. – Safe In Their Alabaster Chambers (Under My…

La serie Murmured Poetry è un interessante progetto della Under My Bed che affida a tre gruppi una poesia, chiedendo…

04 Feb 2014 Reviews

Read more

Tender Trap - Ten Songs About Girls (Fortuna POP!, 2012)

Parte la prima traccia - che, manco a farlo apposta si intitola Train From King's Cross Station- ed è subito…

19 Feb 2013 Reviews

Read more

Genghis Tron + Behold... The Arctopus - 14/11/08 Vicolo Stretto…

Il programma per il venerdì sera, fino a metà settimana, era quella di andare a Brescia a curiosare il concerto…

25 Nov 2008 Live

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Bilk - This Bilk Is Radioactive (Moonlee, 2006)

Un gruppo croato il cui disco è uscito nel 2006 su sodapop? Sono in effetti due anni che mi zampetto…

20 Feb 2008 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Jodis – Secret House (Hydrahead, 2009)

Diamo il bentornato a James Plotkin; era dai tempi dell'abisso lovecraftiano di Chaos Is My Name dei Khlyst che non…

31 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top