Dalila Kayros – Nuhk (dEN, 2013)

Anche se la bella stagione stenta a manifestarsi, cominciano ad arrivare i primi dischi che ci portano profumi d’estate, che sanno di caldo torrido e Mediterraneo. Profumi forti, in questo caso, della terra di Sardegna. Nuhk è il lavoro d’esordio della cantante Dalila Kayros composto e arrangiato con l’aiuto di Antonio Zitarelli dei Mombu e masterizzato dall’onnipresente Gianluca Becuzzi e si propone da subito come una delle uscite migliori del 2013.
Due elementi compongono il lavoro: la voce, che urla, sussurra e intona in sardo melodie aspre e selvagge come la terra da cui proviene e un’elettronica scarna e sporca, scandita da pochi battiti, che ben si adatta ad accompagnarla. Sicuramente da collocare fra le musiche di ricerca per la sua attitudine improvvisativa e la lontananza da forme-canzone canoniche, Nuhk si caratterizza per la forza con cui sa proiettare nella contemporaneità una cultura millenaria, senza tradirla ma evitando allo stesso tempo di proporci un santino dei bei tempi andati. Quella che la Kayros propone è un’idea non nuova ma pur sempre rivoluzionaria della tradizione, vista non come qualcosa di statico, ma come continuum che di volta in volta si arricchisce di influssi esterni senza perdere la coscienza delle proprie radici profonde. Finora abbiamo parlato poco di musica, ma in effetti non è semplice trovare paragoni adatti: spiritualmente, mi vengono in mente gli Almamegretta che andavano a braccetto coi Massive Attack, combinando i suoni del Mediterraneo con le tendenze più à la page della musica internazionale. Qui, spostandoci su coordinate meno fruibili e più attuali, potremmo tirare in ballo le stregonerie vocali di Diamanda Galas che vanno a poggiare su basi elettroniche così scure da sfiorare talvolta l’industrial ritualistico. In un disco che viaggia su livelli davvero alti, annovernado i tribalismi primitivi di Hor Kar Vudru e Strix e le divagazioni quasi liriche di Arxia e Sardonios Ghelos, spicca il concentrato di femminilità di Hacab, che accosta la rabbia di una dea guerriera e la dolcezza della Grande Madre, mentre sullo sfondo pulsa una dubstep che viaggia al ritmo di un battito cardiaco. Siamo al cospetto di un lavoro eccellente e assolutamente personale, che potrebbe trovare estimatori anche al di fuori del limitato giro dell’avanguardia: lo meriterebbe.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

St.Ride - Cercando Niente (Niente, 2010)

Che qui a Genova nascesse una etichetta così interessante non ce lo sognavamo nemmeno: invece Edoardo e Maurizio degli St.Ride…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Interiors - Liquid (Minus Habens, 2014)

Sempre su un range ipersofisticato e moderno si muovono le ultime produzioni della Minus Habens che con Interiors propone letteralmente…

14 Jul 2014 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 19 (26/02/15)

Per la puntata numero diciannove della terza stagione di The Sodapop Fizz in occasione della festa della radio Emiliano e…

02 Mar 2015 Podcasts

Read more

Nestor Makhno - S/T (Stella Nera, 2011)

Il nome del gruppo dedicato ad un personaggio come Nestor Makhno già da solo regalerebbe la mia stima al duo…

03 Jun 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Soft Black Star - La Mer, La Bataille, La Mort…

Ritorna un progetto molto home friendly e che mi era piaciuto qualche tempo fa con l'esordio Geneva In Neve, parliamo…

15 May 2012 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Rapida E Indolore (Bosco, 2014)

Continua con Rapida E Indolore la ormai nutrita discografia di Daniele Brusaschetto, da sempre indirizzata verso una musica tra l'elettrico…

06 Mar 2015 Reviews

Read more

Palkosceniko Al Neon – Lungo La Strada (Autoprodotto, 2009)

Romani di Guidonia e con troppe, inutili "k" nel nome, i Palkosceniko Al Neon arrivano con Lungo La Strada alla…

20 Oct 2009 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days – The Birds Sings As Bells (Final…

La stabilità giova decisamente alla prolificità dei Twelve Thousand Days : siamo al terzo album in quattro anni per la…

27 Apr 2022 Reviews

Read more

Barnacles - Air Skin Digger (ADN, 2018)

Torna Matteo Uggeri con la sua creatura Barnacles, che al secondo disco sulla lunga distanza cresce e mette a fuoco…

24 May 2018 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - The Uncanny Little Sparrows (Boring Machines,…

Simon Balestrazzi qui è di casa (mi sa che ha pure le chiavi) e stessa cosa potremmo dire per i…

07 Feb 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top