Current 93 – Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The Sky, incontro a visioni dell’apocalisse, fa rotta stavolta verso la Montagna Allucinatoria a visitare il patriarca antidiluviano Adamo e la sua progenia. Della ciurma fanno parte, oltre ai consueti nani, ballerine, puttane e transessuali, l’esperto timoniere Steven Stapleton e lo scemo del villaggio Andrew W. K., new entry. La compagnia ideale per questo tipo di viaggio. Abbandonata la coralità e i toni prevalentemente soffusi che caratterizzavano il capitolo precedente, Aleph At The Hallucinatory Mountain è giocato sul contrasto fra il consueto folk, dominato dal violoncello e dall’elettronica e un piglio più rock portato dalla muscolosa batteria e dalle chitarre, che corrono spesso sottotraccia e poi eruttano in stridor di amplificatori e riff tagliati con l’accetta. Proprio questi ultimi marchiano a fuoco l’album, in assoluto il più elettrico nella carriera del gruppo, prova che le recenti, cattive frequentazioni di Tibet (Om, Æthenor,…) hanno lasciato il segno. Al giorno d’oggi solo alla corte (dei miracoli) dei Current 93 un simile schitarrare, in bilico fra gli anni ’70 più cafoni e una spigolosa freakeria, può trovare ospitalità senza risultare imbarazzante. Su tutto, insensibile alla natura dell’accompagnamento, si erge l’incedere cantilenante della voce del leader, che ci guida lungo questa Genesi rivisitata, salvo per la conclusiva As Real As Rainbows, affidata all’ugola di Sasha Gray, che per una volta usa la bocca per cantare (battutaccia scontata, ma non potevo esimermi…). Resta , Aleph At The Hallucinatory Mountain, un album piuttosto disomogeneo, che fatica a mantenere l’equilibrio fra le varie parti che oramai compongono il circo freak dei Current 93, ma ha almeno il merito di dare espressione, quasi democraticamente, ad ognuna di queste  anime. Un lavoro di transizione, in attesa di approdare presso chissà quale nuovo territorio.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nicola Ratti/Mark Templeton/Olson - Resophonic (Silentes/13, 2014)

L'etichetta Silentes ha racchiuso più progetti sotto la collana 13, uno di questi si chiama Issues ed il terzo episodio…

28 May 2014 Reviews

Read more

Waines - Stu (800’A, 2010)

Proprio vero che la crisi non fermerà il rock‘n'roll. Mentre il terrore di restare al verde, senza casa, senza lavoro,…

26 May 2010 Reviews

Read more

Lucio Capece & Marc Baron - My Trust In You…

Le collaborazioni a volte sono un'occasione per provare approcci differenti rispetto al proprio percorso individuale e questo succede in My…

27 Nov 2018 Reviews

Read more

La Furnasetta /Sara Ohm – Bat Kvinnor (Industrial Coast, 2020)

Il rapporto fra La Furnasetta e la Industrial Coast continua arricchendosi di un nuovo capitolo, condiviso stavolta con la svedese…

05 Aug 2020 Reviews

Read more

Luca Mauri - Between Love And Hate (Creative Sources, 2008)

Luca Mauri non è un esordiente ma il chitarrista degli I/O, una delle migliori realtà dell’improvvisazione ragionata che sono emerse…

31 Oct 2008 Reviews

Read more

Divus – S/T (Boring Machines, 2017)

Il torto peggiore che si possa fare a Divus è rivelare chi si nasconde dietro al suo nome. Facciamolo: Luciano…

17 May 2017 Reviews

Read more

Stefano Giorgianni, Christian Falch, Fredrik Horn Akseslen – Blackherts (Tsunami,…

Dei documentari sul black metal, norvegese ma non solo, ormai credo si sia perso il conto: il genere attira -…

15 Aug 2019 Reviews

Read more

Lucy Mina - Can You Hear The Steps? (Asbestos Digit,…

Chi si nasconde dietro l'enigma di Lucy Mina? Un illustre sconosciuto oppure qualcuno più noto del panorama indipendente nostrano? La…

09 Feb 2018 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

3eem - Matilda (White Label Music, 2008)

Dopo un CD ed un 7" su Small Voices, i 3eem pubblicano adesso in UK per la label di un…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Artifact Shore/Linedotstar - Landscape Removal (Interferenceshift, 2006)

Split abbastanza interessante e che da una parte presenta Artifact Shore di cui abbiamo recensito altro materiale da pochissimo e…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Adriano Zanni – Songs To The Sirens (Silentes/13, 2020)

Il nuovo lavoro di Adriano Zanni - pubblicato dalla 13, sottoetichetta della Silentes, nella serie Private Sounds - si presenta come un curatissimo…

03 Mar 2021 Reviews

Read more

L'Enfance Rouge – Bar-Bari (Wallace, 2010)

Riprende la navigazione il gruppo italo-francese a tre anni dal precedente Trapani - Halq Al Waady: siamo sempre all'interno del…

05 Feb 2011 Reviews

Read more

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Sunn o))) + The Secret - 01/10/11 Fillmore (Cortemaggiore –…

Stephen O'Malley, a parere di chi scrive, è sempre stato più un ottimo manager che non un musicista: capace di…

21 Oct 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top