Current 93 – Aleph At The Hallucinatory Mountain (Durtro, 2009)

Riprende il largo la nave dei folli di David Tibet e dopo aver veleggiato, col precedente Black Ships Ate The Sky, incontro a visioni dell’apocalisse, fa rotta stavolta verso la Montagna Allucinatoria a visitare il patriarca antidiluviano Adamo e la sua progenia. Della ciurma fanno parte, oltre ai consueti nani, ballerine, puttane e transessuali, l’esperto timoniere Steven Stapleton e lo scemo del villaggio Andrew W. K., new entry. La compagnia ideale per questo tipo di viaggio. Abbandonata la coralità e i toni prevalentemente soffusi che caratterizzavano il capitolo precedente, Aleph At The Hallucinatory Mountain è giocato sul contrasto fra il consueto folk, dominato dal violoncello e dall’elettronica e un piglio più rock portato dalla muscolosa batteria e dalle chitarre, che corrono spesso sottotraccia e poi eruttano in stridor di amplificatori e riff tagliati con l’accetta. Proprio questi ultimi marchiano a fuoco l’album, in assoluto il più elettrico nella carriera del gruppo, prova che le recenti, cattive frequentazioni di Tibet (Om, Æthenor,…) hanno lasciato il segno. Al giorno d’oggi solo alla corte (dei miracoli) dei Current 93 un simile schitarrare, in bilico fra gli anni ’70 più cafoni e una spigolosa freakeria, può trovare ospitalità senza risultare imbarazzante. Su tutto, insensibile alla natura dell’accompagnamento, si erge l’incedere cantilenante della voce del leader, che ci guida lungo questa Genesi rivisitata, salvo per la conclusiva As Real As Rainbows, affidata all’ugola di Sasha Gray, che per una volta usa la bocca per cantare (battutaccia scontata, ma non potevo esimermi…). Resta , Aleph At The Hallucinatory Mountain, un album piuttosto disomogeneo, che fatica a mantenere l’equilibrio fra le varie parti che oramai compongono il circo freak dei Current 93, ma ha almeno il merito di dare espressione, quasi democraticamente, ad ognuna di queste  anime. Un lavoro di transizione, in attesa di approdare presso chissà quale nuovo territorio.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Cepi Nomads + Hic - Cepi meets Hic (Torto,…

Questo lavoro nasce dall'improvvisazione tra due nutriti ensemble di professionisti. I Cep Nomads sono francesi e nascono dalla volontà di…

13 Jul 2020 Reviews

Read more

The Great Saunites – Green (Hypershape/Toten Schwan, 2016)

Il duo The Great Saunites è simile a un elettrone che orbita intorno al nucleo che rappresenta la loro idea…

09 Jan 2017 Reviews

Read more

L'Inverno Della Civetta - S/T (DreaminGorilla/Greenfog/Taxi Driver, 2014)

L'Inverno Della Civetta è il primo documento che testimonia la collaborazione tra tutti quegli artisti che da anni orbitano intorno…

28 Apr 2014 Reviews

Read more

Tristan Da Cunha – Soçobrar (Taverna/Delphic/Cruel Bones, 2017)

Italianissimo nonostante l’uso del portoghese nella ragione sociale e nei titoli, Tristan Da Cunha è un duo formato da Francesco…

26 Jul 2017 Reviews

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Buffalo Grillz - Manzo Criminale (Subsound, 2012)

Grind ad alzo zero, una linearità di esecuzione ed una fantasia negli arrangiamenti pari a quella di un gibbone chiuso…

20 Feb 2013 Reviews

Read more

La Decima Vittima - Storie Strane Al Buio (Zona, 2011)

 Ognuno ha lo chansonnier che si merita. Evidentemente, e i fatti mi danno ragione, oggi Bobby Soul è quanto di…

07 Jun 2011 Reviews

Read more

Ur - Triadic Memories (Afe, 2005)

Edizione limitatissima per questo nuovo progetto di Federico Esposito (già Den LXV e Heartside) che, come suo costume, ancora una…

28 Sep 2006 Reviews

Read more

Fabio Battistetti - Into The Wood (Creative Sources, 2014)

Risultato di un lavoro iniziato già anni fa come una performance dal vivo e poi raffinato via via, questo Into…

24 Dec 2014 Reviews

Read more

Svart1 - Frozen Chants (Luce Sia, 2018)

Frozen Chants è un viatico ultraterreno diviso in dodici tracce, benché formalmente si abbia la percezione che sia sempre lo…

15 Jan 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 18 (19/02/15)

Per la puntata numero diciotto della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano recuperano una lista di dischi…

23 Feb 2015 Podcasts

Read more

Robert Turman – Three Parts (Cejero, 2014)

Farsi le ossa in compagnia di Boyd Rice e collaborare al primo 7” dei NON Mode Of Infection/Knife Ladder è…

25 Aug 2014 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

The Wisdom - Hypothalamus (Heavy Psych Sounds, 2014)

Misticismo, oriente, terzo occhio e quanto altro potrebbe venire in mente ad un americano che tratta di argomenti che non…

09 Jun 2014 Reviews

Read more

Titor - S/T (Smartz, 2009)

Nostalgici della "sei corde senza fronzoli", i Titor inalberano un progetto pseudo concettuale che partendo dall'hardcore californiano dei primi…

01 Apr 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Pest Exterminator (Ticonzero, 2011)

Come s'intitolava quel film con Mickey Rourke "L'anno del dragone" o qualcosa del genere? ...beh, se proprio dovessimo sfruttare il…

30 Sep 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top