since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Costantino Della Gherardesca, da GG Allin al conte Ugolino, quattro chiacchiere con un bravo ragazzo

Perchè intervistare Costantino Della Gherardesca? Per mille ragioni, ma fondamentalmente per due. La prima è che è un intelligente uomo televisivo e questo, oggi come oggi, già basterebbe. La seconda è che un appassionato di rock indipendente e non sto parlando di Verdena o Ministri. Nel vuoto siderale che ammanta la nostra televisione noi abbiamo bisogno di Costantino. Ne abbiamo bisogno forse più di Aldo Busi. Certamente è un personaggio che ancora sta definendo la propria strada e la propria forma, ma la sferragliante ironia caustica (e talvolta tragica) che lo caratterizza, cela al contempo una cultura non indifferente negli ambiti che più ci interessano. Indubbiamente, (e questa è una profezia) è questione di tempo prima che questo maelstrom esca allo scoperto e si coniughi con tutto il resto.

SODAPOP: Allora Costantino, partiamo subito a gamba tesa: quali sono le realtà italiane che tu trovi più interessanti nel panorama musicale di oggi? Ovvio che parlo in ambito generale, da Bollani fino ai The Secret.
COSTANTINO: Vorrei tanto rispondere "c'è del folk calabrese che trovo particolarmente interessante…" ma ahimè non faccio ricerche in Italia. Certo, preferisco The Secret a Bollani. Molti gruppi che hanno suonato al Tagofest sono validi. Ho sentito un brano online di Hermetic Brotherhood Of Luxor e mi è divertito. Ovviamente Heroin In Tahiti. Anche Gray Whale. Poi…ho visto Squadra Omega al Conchetta e mi erano piaciuti, tutta la roba un pò kraut l'ascolto volentieri. Fabio Orsi è molto bravo.

SODAPOP: Wow, così destabilizzi tutti quelli che ti vorrebbero esclusivamente come l'ennesimo prodotto commerciale. Citando Fabio Orsi poi… Mi stupisce invece non sentirti menzionare il (tuo) concittadino Bruno Dorella che, in una recente intervista con Andrea Prevignano su Rumore, vagheggiava insieme a Stefania Pedretti un nuovo genere denominato "queer metal" o addirittura "pink metal". Trovi qualcosa di interessante in queste denominazioni o ti sembran solo cagate? Che rapporto hai con il metal? E' vita?
COSTANTINO: Sicuramente mi divertirebbe, ma non conosco gruppi queer metal o pink metal… Se me ne segnali qualcuno li ascolto. Mio nipote mi dice sempre che sarebbe tanto fiero di me se entrassi in un rapporto sessuale monogamo con Rob Halford dei Judas Priest… Spero che chiunque faccia pink metal sia all'altezza di Rob Halford. Ho un buon rapporto con l'acid rock che sicuramente è vita. I Black Sabbath sono importantissimi, gli ho visti riuniti…ma oramai sono passati molti anni. Sleep, Electric Wizard… ne è passata di acqua sotto i ponti. Erano divertenti ma forse era un periodo più spensierato, adesso c'è la ricerca perlomeno da parte mia di qualcosa di più politico e velatamente anarchico. Per quanto riguarda il black metal recentemente ascoltavo un vecchio album dei Dawn, Slaughtersun, che è ottimo. Detto questo dopo un po trovo ridicoli i gruppi che trattano temi di ombretti ed apocalisse. Anche David Tibet, fuori dal metal. Specialmente David Tibet. Direi che bisogna tenere conto della rappresentazione in un epoca post-Spinal Tap. La linea che separa i Black Sabbath dagli Spinal Tap è sottile. Non dubito che ci sono molti gruppi Black Metal che l'hanno varcata assieme ai loro fan. Sebbene elettronici anche i Raime devono stare attenti. Matthew Bower no. Lui può tutto. Ecco lui lo amo, ma non credo che venga considerato metal.

SODAPOP: E' tutto queer metal, da sempre. Ovunque. Gli adolescenti testosteronici non vengono traghettati nell'ade delle vergini suicide, ma in quello dei gladiatori di Spartacus, depilati, unti come tacchini al forno, amore tra uomini insomma, "puro e i senza compromessi della vita", citando Veronesi. Del resto, trovo molto più adatta Screaming For Vengeance dei Judas Priest come anthem gay alla solita fritta e rifritta I Will Survive o la Carra'. Pensaci per i tuoi dj set. Ma anche Balls To The Walls degli Accept. Ma lo sai. Parliamo di cose serie piuttosto e, sempre restando in tema ti domando: non pensi mai quanta invidia potrebbe nutrire nei tuoi confronti gente come Behemot o Manowar?! Cioè tu discendi direttamente dal conte Ugolino, mica il conte Oliver: uno finito nell'ade del Sommo, a masticar il cervello dei carnefici, dopo averlo fatto coi propri figli murati. Obbiettivamente, più metal di così non  mi viene in mente niente di niente. Che rapporto hai avuto con il conte, Costantino?
COSTANTINO: I Judas Priest ci sono già quando metto dischi. Balls To The Wall fa molto ridere, grazie per il consiglio. Detesto Gloria Gaynor e la CarràSylvester e Arthur Russell però li amo. Certo…se mi dici Spartacus VS il Giardino delle Vergini Suicide scelgo Spartacus. Però per quanto lo possa apprezzare io il metal… gli altri gays in Italia non amano, solitamente. C'era un gay quando ho messo i dischi una volta… due in totale… e quando è partito "Jesus Built My Hotrod" dei Ministry con Gibby Haines… che è estremamente omoerotica… mi ha urlato "lesbica!". Per quanto riguarda l'aristocrazia ed il Conte Ugolino ed il metal… discendo da Federico Barbarossa, anche lui potrebbe interessare ad alcuni gruppi. Il mio rapporto con l'ambiente dei nobili è stato sempre Balls To the Floor però. Cioè ovviamente gli aristocratici non sono industriali, quindi sono molto meno fascisti. Anche perchè non ci sono più soldi nella maggior parte dei casi, incluso il mio. Anche se ci sono dei freak però ci sono ancora persone che fanno equitazione e tutte quelle robe li… di che cazzo ci parlo? Vorrei tanto parlare degli Hawkwind ma non c'è trippa per gatti…

SODAPOP: Parlami dei tuoi progetti radiofonici e/o multimediali attinenti al rock indipendente. Tra l'altro, come campi? Promettimi che non finirai a fare la giuria per X-Factor, ti prego! Ho letto in una tua intervista a Sorrisi & Canzoni del 2005 (cazzo se eri partito bene, guarda da chi ti fai intervistare adesso) dove agognavi per la tv un anchorman gay che fosse una via di mezzo tra un muratore e un camionista, è una nicchia da chiudere sempre valida?
COSTANTINO: Hahahaha. Io mi divertirei moltissimo a fare la giuria per X-Factor, ma la produzione del programma è al corrente della mia hardline con la musica quindi non mi chiameranno mai. Non ti preoccupare. Immaginati cosa potrei dire ad una povera Giusy Ferreri… "Hai mai ascoltato Kate Bush nana?" Mi arrabbierei moltissimo con i deficenti che partecipano. Che imbecilli, ci vuole cosi poco al giorno d'oggi con internet etc. ma proprio non ci arrivano. Non mi ricordo bene l'intervista alla guida TV ma sono certo che ero già arrabbiato allora coi finocchi cheap del cazzo che seguivano le Britney Spears e adesso Lady Gaga. Che magone che mi fanno venire quei gay li… A parte il fatto che sono dei traditori della froceria d'alto bordo alla Kenneth Anger, John Cage, Tony Duquette, Truman Capote etc… ma mi fanno proprio schifo. Li odio. Non riesco neanche ad andarci a letto perchè..diciamo semplicemente che non ci riesco. Per quanto riguarda futuri progetti ce ne sono molti già in atto ma non ne parlo per scaramanzia. Come campo? Sono pieno di debiti, ovviamente. Quello che faccio va sempre bene, quando scrivo qualcosa sempre più persone la leggono… costantinodellaghera2ma i soldi sono alieni. Secondo me la mentalità del debito e credito te la devono insegnare i genitori prima dei 18 anni. Non sono abbastanza attaccato al denaro.. Anzi, non amo la gente che lo è.

SODAPOP: >Si, ma i bene informati del giro indie mi hanno detto che qualcuno ha già promesso di gambizzarti se non saldi i tuoi debiti con lui. E' vero che i tuoi ti han diseredato? Diseredato da cosa poi, pensavo che i Della Gherardesca fossero poco più che impiegati di terzo livello ormai. Non hai paura della fine della vita terrena? Come sopravvivere con il dubbio dell' assenza? Io ti piangerei, ma é un problema mio, lo so. GG Allin é mai stato un modello di vita per te? Forse quando ti facevi… Per quanto mi riguarda verrá compreso tra un centinaio d'anni, a braccetto con Ciprí & Maresco e gli X Mary.
COSTANTINO: Non sono stato diseredato per cattiva condotta anche perchè mia sorella e mia madre sono ai miei livelli, quindi prima o poi erediterò corna di cervo del '800 e volpi impagliate ma non soldi. E non ho debiti nel giro indie e meno che oramai anche l'Agenzia delle Entrate non venga considerata indie. Per quanto riguarda GG Allin l'ho sempre amato. Anche nel periodo in cui mi facevo… mi ricordo che cantava Carmelita, un brano di Warren Zevon che è nella top ten junkie. Ecco non era un modello di riferimento quanto Nico, lei aveva veramente fatto la parabola druggie ed era un'icona con pochi rivali. Posso riascoltare GG Allin tranquillamente, ma se sento Genghis Khan o Little Sister o Frozen Warnings mi viene un pò di mal di cuore. Poi vabbè mi rendo conto che GG Allin faccia più figo di Nico, ma Nico batte GG Allin in modo vergognoso. Io poi odio quando la gente dice "sono due cose diverse" "non si può paragonare". Io se voglio faccio il paragone fra un cazzo di gomma e Bob Dylan. Fra Skullflower e la Wyeth farmaceutici. Oltre alle frasi fatte ci sono i "pensieri fatti", e sono il motivo principale che mi fa litigare con i miei amici. Non ho paura della fine della vita terrena, e non credo ci sia una vita oltraterrena dopo. Sono entusiasta del fatto che non c'è nulla. Ho paura di una morte violenta tipo finire in un origami di lamiere in un incidente di macchina, quello si. Ma non della morte tranquilla.

SODAPOP: L' equazione tra il cazzo di gomma e Bob Dylan vorrei approfondirla. Sicuramente un cazzo mollo che, considerato l'utilizzo, è un po' un ossimoro. Nico però, è morta cadendo dalla bicicletta, una fine che GG Allin non avrebbe mai concesso a se' stesso. Una contorsione che ci riporta inequivocabilmente al vecchio Bob e al belino mollo..Sei un bell'indagatore dell'incubo, altro che Dylan Dog! Che senso ha una morte tranquilla dopo un'esistenza sul filo del rasoio? Coerenza anche nel botto, no?! Guarda, se mi concedi un'ellisse alla Enigmista, per te scieglierei la seguente fine: vorrei che ti trovassero chiuso in casa, dopo settimane di inedia, con Soul Discharge '99 dei Boredoms che gira a loop. La sublimazione dell'universo, ti pare?! Se vuoi adesso, per par condicio, puoi sciegliere la mia morte, ma non metterci cazzi in culo o in bocca, ti prego: mia madre non lo sopporterebbe.
COSTANTINO: Nico sicuramente aveva un bouquet di epatiti nonché l'hiv visto che scambiava siringhe in allegria con gli amici dai tempi della presidenza Nixon fino alla scoperta dell'AIDS. Mentre andava in motorino ha avuto un colpo di sole perchè non ce la faceva più e poi è caduta. Se quando vai al sole ti viene un ictus vuol dire che c'è qualcosa dentro di te che è ancora più rotten di GG Allin. Ti ringrazio tantissimo per i Boredoms, sarei contento di morire con i Boredoms. Però… se ci pensi… per la morte uno può veramente sbizzarrirsi con la droga… non vedo perchè no visto che devi morire. Se vuoi ti organizzo la morte tipo Dottor Kevorkian. Prima ti bevi un'ottimo champagne, prendi un po di cocaina, antiemetici, eroina, poi le basi, roipnol, basi, eroina, basi 50 Gardenal ed è fatta. Non te ne accorgi nemmeno… ti addormenti in uno stato allucinatorio con molta dopamina, neuroricettori estremamente soddisfatti e non ti risvegli più. Colonna sonora "The Waterfall", di Harry Partch. Meglio di così…

SODAPOP: Preferirei farmi esplodere contro i miei nemici ascoltando Cherry Bomb delle Runaways, but who knows…Veniamo ai progetti più ambiziosi. Quando scriverai la tua Delfina Bizantina o la tua Sodomia In Corpo 11? Inevitabilmente, in un paese come l'Italia, il paragone/scontro con Busi è continuo ed inevitabile, me ne rendo conto… Ma una volta, lo hai detto tu stesso come non ci siano alternative credibili alle grottesche ciccie di Platinette o all'ipocrisia cattobusonica di Cecchi Paone… Insomma devi ancora essere legitttimato in qualcosa: manca giusto uno step per farti arrivare alla tv di stato. In prima serata! Sempre che questo gradino non sia un ammansimento, una castrazione intellettiva che poi altro non è che il processo inevitabile per avere la copertina di Novella 3000. A proposito, il tuo appetito sessuale, è sempre assopito per il vecchio abuso di droghe oppure ti sei ringalluzzito?
COSTANTINO: Oddio ho fatto già televisione in qualsiasi canale, ecco, manca solo RAIUNO. Scrivere un libro è inevitabile… ma non lo farò per diventare una Milly Carlucci. L'unica cosa che so per certo è che non riuscirò a scrivere un'opera di fiction, un romanzo. Leggo pochissima fiction, non ho mai scritto fiction, non saprei da dove cominciare. Per quanto riguarda la domanda sull'appetito sessuale, che è molto divertente, non vedo un futuro. Cioè, per far felici i miei amici non bevo… e non mi drogo… da quasi due mesi. Neanche una canna, neanche una birra. All'inizio mi si erano risvegliati gli istinti primordiali. Ma adesso, ahimè sono depresso dalla sobrietà. Sono molto abbattuto. I miei amici non si rendono conto che mi stanno uccidendo con sta storia. Sono l'ombra di me stesso. Se incontro un uomo figo non ho gli strumenti per interargirci durante quella parte noiosissima prima del sesso che voi uomini eterosessuali dovete mettere in scena ancora di più con le donne. Il corteggiamento ottocentesco. Quando sono sobrio non ho le energie per interessarmi ad uno sconosciuto che solitamente, se è figo, è di una noia sinistra. Uno come Aldo Busi è pieno di energia sessuale… chissà cosa fa per trombare. E' un lavoro a tempo pieno andare in locali gay, cuccare etc. Io preferisco andare sui blog di musica e guardarmi le serie tv scaricate. Magari vado sulle chat che sono la cosa più comoda. Detesto socializzare. Tanto.

SODAPOP: Evidentemente non frequenti i giri giusti, ma del resto, a Milano, ci son soltanto belle fiche e belle checche: una miscela che sarebbe in grado di disarmare perfino Mendel. Forse dovresti trasferirti un po' a Zena, qui si che ci sono i veri leoni del mercoledì. Si fa per dire… A proposito di blog musicali, visto che ci riguarda in prima persona, dove navighi di solito? Chi ci suggerisci? Sodapop la conoscevi già, o nemmeno noi siamo abbastanza macho per i tuoi gusti?
COSTANTINO: Avevo sentito parlare di Sodapop e da ora sarà il mio riferimento per la musica in italia. Sto pensando a cosa posso consigliarti, non tengo bookmarks quindi è difficile. Certamente il blog di Alex Ross del New Yorker… se mai qualcuno ti accusa di essere un nerd o uno snob con la musica digli di andare sul blog di Alex Ross. Gente come lui legittima la critica musicale, in quanto fa un vero e proprio lavoro di divulgazione a dei livelli altissimi e aiuta a tenere viva una certa musica ed anche un certo standard. Credo che lui viaggi un pò sopra le nostre teste, ma quando saremo più vecchi indubbiamente… spero… non staremo più a scaricare mp3 di James Ferraro da blog con immagini ironiche di camosci rosa bensi andremo a concerti al MOMA summergarden. Con Tixi, ovviamente. Poi altri blog… boh Largehearted Boy, Altered Zones… che ha un sacco di merda… quello di WFMU, ah..consiglio questo sito qui scoperto di recente: www.tag.mercurymoon.co.uk/. Direi da non perdere.
costantinodellaghera3
SODAPOP: Addirittura Marc Bolan… Vedi, anche Marc Bolan è morto tra le lamiere delle sua macchina (nel luogo da te indicato nel link, tra l'altro), da vera rockstar. La sua vettura (della sua ragazza) però era una Mini viola, e questo ci riporta un po' alla caduta dal motorino di Nico in un certo senso: dipartite, ma con  mestizia… boh. Ai posteri ecc ecc… E invece parlando di biografie musicali su carta stampata? Come tutti gli sfigati rock maniaci anche tu dovresti avere i tuoi tomi di riferimento. Per quanto mi riguarda, considerato anche il periodo storico, la vetta imbattuta rimane sempre "Post-Punk 1978-1984" di Simon Reynolds. Tu che dici? E  soprattutto, la tua"ventilata" prossima uscita letteraria, dovrebbe essere di carattere musicale?
COSTANTINO: No no non sarà musicale… se sarà, sarà comica. Simon Reynolds… domanda impegnativa… Rip It Up era OK ma non posso giudicare Reynolds pienamente finchè non leggo Retromania. Se Retromania funziona certamente, considerando quel poco che ho letto, è più importante di Rip It Up. Finora sono in pieno disaccordo con tutti i suoi ultimi pezzi su The Wire. E' come se prendesse dei musicisti hipster e li usasse per giustificare una sua spiegazione della comunicazione. E poi sembrerebbe navigare intorno ad un territorio di neuroscienze cognitive con della pseudo-sociologia… indubbiamente David Keenan per quanto mi riguarda è, nonostante l'antipatia del personaggio, più interessante ora come ora. Perlomeno la musica che tratta lo è. Io preferisco se qualcuno mi propone dei buoni gruppi che se mi spiega la struttura del pensiero contemporaneo attraverso LL Cool J. Detto questo Simon Reynolds va letto, e tra poco leggerò tutto Retromania.

SODAPOP: Io ti consiglio caldamente L'Ultimo Disco Dei Mohicani di Maurizio Blatto: l'unico tomo italiano para-musicale degno di assurgere all'Olimpo degli immortali. Mi son fatto l'idea che potrebbe piacerti. Per quanto riguarda il resto, avrei ancora un paio di domande da rivolgerti: la prima riguarda tua cugina Costanza… ho visto una sua foto su facebook e volevo spacciarmi come un giornalista ottocentesco di Vogue per poterla intervistare… Scherzo! La prima vera domanda ritorna a temi già affrontati ossia: quando sarai (e ciò dovrà accadere prima o poi, cazzo) il direttore di RAI 1 che modifiche farai al palinsesto per sostenere il rock italiano indipendente? La seconda ed ultima, faceta come mio costume, riguarda il tuo tatuaggio sulla spalla: è mica Ming il cattivone di Flash Gordon?! Ma non sei un po' troppo giovane per avere tal super villain di riferimento?! Pensavo che al massimo tu potessi arrivare a Divine o Margherita Hack. Un abbraccio Costantino, qui noi ti amiamo tantissimo. E sempre lo faremo fino a quando non ci tradirai per Verdena o Caterina Caselli. Death To False Metal. Ciao!
COSTANTINO: Se fossi il direttore di RAIUNO la prima cosa che farei è affidare il telegiornale ad un organo di informazione indipendente. Quella è la cosa più importante. Poi leverei la Santa Messa della Domenica perchè è diseducativa. E per quanto riguarda la musica… dovrebbero esserci programmi in tutte le reti televisive affidati a curatori ed esperti di musica ed il pubblico non dovrebbe decidere quale cantante "vince" un concorso oppure chi deve andare in TV etc. Dovrebbe esserci un processo di sdemocratizzazione della musica in TV. Volete tanto vedere Jovanotti? Ci spiace, potete guardarlo sulle televisioni private, qui in RAI c'è Steve Reich o George Benjamin o chi cazzo ne so. Prima serata di lunedì? Che bello, c'è l'orchestra sinfonica di Palermo che fa la Turangalila di Messiaen! Il rock italiano indipendente avrebbe degli enormi benefici a livello internazionale se i giovani rockers fossero esposti a tanta buona musica fin dall'infanzia. Farli suonare in TV è secondario. Per quanto riguarda il mio tatuaggio… da piccolo Ming era il mio supervillain preferito. Tutti i miei tatuaggi gli ho fatti dai 17 ai 21. Poi ho smesso per pigrizia. E, curiosamente, il primo tatuaggio che ho fatto è proprio un astice tratto da un film con Divine. Multiple Maniacs di John Waters. Nel film un astice gigante violenta Divine. Quindi ci avevi azzeccato. Ero fan durante l'adolescenza.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top