Converge + The Secret + Bologna Violenta + Meteor – 11/06/11 Latte Più (Brescia)

Chi c'era sa. Chi non c'era ben difficilmente potrà rendersi conto, attraverso la mia povera prosa, di quello che si è perso. I Converge sono uno degli ultimi gruppi realmente hardcore in circolazione, e questo lo si sapeva, ma quello che è stato questo concerto va ben oltre la musica e lascia trasparire uno spirito che potremmo definire originario, ideale. Sembra retorica ma non lo è: chi c'era sa.
Quello in programma stasera era in realtà un mini festival, coi locali Meteor, Bologna Violenta e i The Secret a fare da valletti all'esibizione degli americani. Arrivando col mio ormai abituale ritardo mi perdo i primi due, di cui posso solo riferire per sentito dire, da fonti comunque attendibili: i Meteor, nella formazione a due che forse non li valorizza al meglio, partono un po' contratti ma crescono alla distanza, una distanza comunque brevissima suonando come di consueto al di sotto del quarto d'ora; Bologna Violenta segue il percorso inverso, partendo forte ma calando, soprattutto nell'attenzione dei presenti, alla distanza. Io arrivo giusto per i The Secret, che dal vivo appaiono lontani dall'immagine di Converge italici che mi ero fatto ascoltando il disco: più sporchi, lenti e metallari, svolgono il loro compito con diligenza, ma senza lasciare un segno particolare, penalizzati anche da suoni non proprio ottimali. Terminata l'esibizione dei triestini, i Converge, senza tante smancerie, salgono sul palco appena conclusa l'esibizione dei converge_latte__bs_2trisestini, attaccano gli strumenti, chiamano il linecheck e partono: siamo subito su un altro pianeta. Bannon, pantaloni corti e giacca della tuta allacciata fino al collo nell'aria già irrespirabile per il calore e l'umidità, non si risparmia fin da subito, svariando su tutto il fronte del palco: strappa cavi del microfono per la disperazione del roadie, riprende la security che contrasta con durezza esagerata con gli stage diver, salta, distribuisce equamente il microfono fra i ragazzi delle prime file. Il carisma che trasmette, mai separato da una buona dose di ironia (impagabile quando sottrae il cappello di paglia a uno spilungone sotto al palco per indossarlo) è cosa rara ed è il carburante che incendia i presenti; io stesso resisto giusto due pezzi nelle retrovie, poi la pulsione di vivere il concerto come si deve mi spinge nel carnaio sotto il palco: finirò stremato, ma ne valeva la pena. Fin qui, me ne rendo conto, non ho ancora speso una parola per la musica; il fatto è che le cose dette finora non sono semplice contorno, ma fanno parte dell'essenza del concerto, insieme al suono che fa da colonna sonora e cementa il rapporto fra gruppo e pubblico. È evidente che i quattro musicisti si stanno divertendo e di conseguenza fanno divertire i tanti sotto al palco. È uno strano divertimento, rabbioso e a suo modo violento, con una scaletta che comprende in prevalenza pezzi di Axe To Fall (chissà che qualcuno non si sia ricreduto su quest'album) e anche se il gruppo è rinomato per i pezzi sparatissimi, Bitter And Then Some e Runaway (dal recente split coi Dropdead) sono qui a converge_latte__bs_1confermarlo, è forse la lenta e sofferta Worms Will Feed/Rats Will Feast che esplica meglio quello che si sta vivendo, l'odore di sudore e di birra che qualcuno ha fatto volare ad altezza d'uomo, le spinte, il lottare per la posizione, ma anche quel senso di solidarietà per cui si aiuta a rialzarsi chiunque cade. Sia che suonino lenti o sia che lo facciano a mille all'ora, i Converge sparano sul pubblico tonnellate di rumore, chitarre metalliche ma mai metal, accreditandosi come l'ultimo gruppo autenticamente hardcore, sia a livello attitudinale che di suono. Il finale arriva con due bis, quando tutti siamo allo stremo ma ne vorremmo autolesionisticamente ancora, consolati comunque dai quattro che si intrattengono a lungo fra il pubblico, a parlare e firmare dischi e magliette. L'ultima immagine della serata è il tourbus del gruppo che passa vicino ai pochi rimasti nei pressi del locale un'ora dopo la fine, strombazzando con Bannon e compagni che salutano dai finestrini. Tutte piccole cose, ma ce ne fossero di persone così. Hardcore is more than music, si diceva una volta…

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Candor Chasma - Rings (Old Europa Cafe, 2012)

Purtroppo credo che sia una delle prime, se non la prima uscita dell'Old Europa Cafe che viene recensita su questa…

10 May 2012 Reviews

Read more

ӔLMĀ - The Beings Of Mind Are Not Of Clay…

Elena M. Rosa Lavita e Marco Valenti, una citazione di Lord Byron, un nastro, due lati per due parti di…

12 Jun 2022 Reviews

Read more

Rage Against The Sewing Machine Vs. Indch Libertine – S/T…

Del duo bolognese delle Rage Against The Sewing Machine avevamo già avuto occasione di parlare in occasione del Tago Fest:…

02 Sep 2011 Reviews

Read more

Taub - Bedtime Stories (Nonine, 2008)

Per quanto si tratti di un'etichetta nata da poco tempo la Nonine non è davvero niente male, fino ad ora…

05 Sep 2008 Reviews

Read more

Black Moth - The Killing Jar (New Heavy Sounds, 2012)

Non partivo affatto prevenuto. Sebbene non ascolti molti gruppi con una donna alla voce, sono pronto a valutare con grande…

15 Jan 2013 Reviews

Read more

Joanna Newsom - Have One On Me (Drag City, 2010)

Dopo quello Ys che tanto ha fatto parlare di sé qualche anno fa, ritorna  la principessina dell'indiefolk Joanna Newsom, ben…

02 Apr 2010 Reviews

Read more

Ojra & Kiritchenko - A Tangle Of Makosha (Nexsound, 2010)

Ho visto che di recente qualcuno ha finalmente dato spazio ad un ottimo musicista come Kyriakides, ne sono felice, sia…

12 Apr 2010 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi: "...italian pioneer of noise music, originating from Milan"…

Maurizio Bianchi o molto più semplicemente MB, un nome che paradossalmente in Italia è meno conosciuto che all'estero. Ma fino…

25 Dec 2006 Interviews

Read more

Giulio Aldinucci - Tarsia (Nomadic Kids Republic, 2012)

Il nuovo lavoro di Giulio Aldinucci esce per una etichetta giapponese e questo mi conferma l'idea che mi ero fatto…

13 Nov 2012 Reviews

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 11 (18/12/14)

Undicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano con graditissimo ospite Mirko Spino con novità e…

22 Dec 2014 Podcasts

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi + Saverio Evangelista ‎- Micromal Sonorities (Silentes/13, 2015)

Interessante ristampa per Silentes, all'interno della serie audio/video 13: un booklet in formato A4 con belle foto di Stefano Gentile…

01 Jul 2015 Reviews

Read more

Alberorovesciato/Donato Epiro - S/T (Sturm Und Drugs, 2010)

Nuovo lavoro per l'etichetta pugliese e nuovo episodio per Donato Epiro, questa volta in combutta con Alberorovesciato per uno split…

04 Oct 2010 Reviews

Read more

Vitas Guerulaitis – S/T (Cheap Satanism, 2011)

Tempo fa (quando? boh!) l'avrebbero chiamato art-rock, per dare un nome a certi ritmi sghembi e a voci storte e…

16 Dec 2011 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top