Cobra Experience – 04/11/10 Locanda Di Campagna (Lonato – BS)

Ultimo concerto dell'anno alla Locanda (si riprenderà a primavera) con il nome da me più atteso, quei Cobra Experience che avevo visto un annetto fa all'Ekidna. Al tempo il gruppo, un quartetto che comprendeva il batterista dei G.I. Joe e il chitarrista dei Nervous Kid in veste di bassista coadiuvati da una sezione di percussioni e da un flauto traverso, diede vita a un gran concerto di musica free fortemente psichedelica. È quindi con un po' di disappunto che noto come stasera la formazione sia un semplice terzetto con "banali" batteria, chitarra e basso, essendosi aggiunto ai due membri base il chitarrista dei Buzz Aldrin. In realtà in prima battuta questi strumenti rimangono a riposo in favore di due steel guitar, così come poco usate sono le pelli, concentrandosi il batterista sui piatti, battuti delicatamente. Chiedo venia per aver dubitato: lo spirito è sempre lo stesso, semplicemente il Cobra cambia pelle, per scelta o necessità, cercando e creando nuove situazioni. Ad una delle steel che stende un leggero drone di fondo risponde l'altra ricamando melodie aleatorie, mentre la batteria si fa via via più percussiva: se a Pompei al posto dei Pink Floyd ci fossero stati i Popol Vuh di Affenstunde, il risultato sarebbe stato qualcosa di simile. Intanto il suono va sempre più incanalandosi verso sonorità rock, sebbene in strutture piuttosto libere: una steel è sostituita dal basso, la tensione sale e quando anche la seconda lascia il posto alla chitarra siamo in cobra_experiencelocandapieno vortice elettrico. Nel giro di un quarto d'ora il pezzo da etereo si è fatto solido, in un crescendo che il cambio d'assetto in corsa ha contribuito a rendere ancor più marcato. Già che siamo ormai stati condotti in territori elettrici, su questi si gioca il secondo brano, meno esaltante: un lungo hard free form potente ma non memorabile, soprattutto incapace di ricreare il trasporto del precedente. Quel che è peggio è che tutto sembra concludersi qui, coi musicisti che salutano e ripongono gli strumenti: urli di disappunto e qualche applauso li convincono a continuare. Si fa dunque un mezzo passo indietro, il basso rimane ma la chitarra fa nuovamente spazio alla sorella orizzontale e subito si ripresentano le atmosfere sognati, coi profili sfumati dal suono della steel e la sezione ritmica che cerca di dare concretezza al tutto. Il canovaccio è simile a quello iniziale e non è un male: la formazione è inedita e di recente costituzione, le possibilità date da un simile assetto strumentale tutto sommato limitate ed è svariando su questi schemi che la band rende al meglio, quindi giusto perseverare. Si ripropone quindi la staffetta col ritorno della chitarra, i toni si alzano con la batteria che scompiglia figure matematiche, il basso che lotta per far quadrare i conti e i presenti che si fanno di buon grado trascinare verso la conclusione, finalmente soddisfatti. Un bel finale, decisamente. Restano solo due domande; la prima: cosa ci riserverà la nuova stagione della Locanda? La seconda: come ci si presenteranno i Cobra Experience la prossima volta? Potrei oziosamente rispondere con una citazione di Lucio Battisti, ma forse è meglio chiudere qua.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Circle Takes The Square - Decompositions: Volume Number One (Gatepost,…

Sarebbe ingenuo e anche un pochino arrogante non leggere l'attuale crisi, finanziaria ma anche valoriale, come una fase particolarmente dispersiva…

06 Jun 2013 Reviews

Read more

Robert Lowe: la natura psichica dei licheni

Robert Lowe è recentemente assurto a una pur relativa notorietà grazie alla vicinanza con le doom star Om. In realtà…

27 Oct 2012 Interviews

Read more

Francesco Giannico/Zac Nelson – Les Nomades Paysages (HYSM?/Lemming, 2013)

Zac Nelson lo avevamo conosciuto come eclettico musicista pop in un bel disco uscito su Second Family un paio di…

23 Jan 2014 Reviews

Read more

Casa Del Mirto – 1979 (Mashhh!, 2011)

I pomeriggi da piccolo, quando giocavi con gli amici senza stancarti mai, dove pure le giornate non finivano più. Il…

12 Mar 2011 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Cardosanto – Pneuma (Wallace/DreaminGorilla/Rude, 2014)

Torna, grazie alla ristampa ad opera di Wallace, DreaminGorilla e Rude Records, una delle pietre miliari, o più probabilmente la…

19 Jun 2014 Reviews

Read more

LvQ – (Y) (Autoprodotto, 2009)

Il passo più duro è stato mettere il CD nel lettore, superando la paura di trovarsi davanti all'ennesimo gruppo di…

27 Nov 2009 Reviews

Read more

I Camillas - Le Politiche Del Prato (DischidiPlastica/MarinaioGaio/Wallace/Tafuzzy, 2009)

I Camillas portano bene! Ma dico sul serio. Qual' è la linea di confine tra un pugno di canzoni demenziali…

09 Dec 2009 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 35 (25/06/15)

Puntata numero trentacinque della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo alle prese con due etichette molto gradite…

28 Jun 2015 Podcasts

Read more

Nicola Di Croce – Istruttiva Serie (Kohlhaas, 2015)

“Un percorso non lineare che procede per tentativi” così la cartella stampa descrive Istruttiva Serie, una definizione azzeccata che lascia…

07 Nov 2016 Reviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Killed By 9V Batteries – The Crux (Siluh, 2011)

Parlavo proprio del Flex di Vienna nella precedente recensione degli Squaramouche ed ecco che leggo sul flyer che mi è…

12 Jan 2012 Reviews

Read more

Molestia Auricularum – Dissolvi (Dokuro, 2017)

Avevo un ricordo lontano di Molestia Auricularum (nome dietro cui si nasconde Federico Trimeri, bassista degli Storm{o}) risalente a un…

28 Dec 2017 Reviews

Read more

Whores / Rabbits - Split 7" (Brutal Panda, 2014)

Ho sempre pensato che tra i gruppi meno facilmente "coverizzabili" ci fossero The Cure: non so perché ma ho sempre…

15 May 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top