Claudio Lugo/Esther Lamneck – GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del fatto di come si trattasse di un nome che purtroppo rimaneva più che altro patrimonio degli addetti ai lavori. A distanza di pochissimo tempo eccolo impegnato in un duo con Esther Lamneck con la quale ha realizzato un disco interessante sotto molti punti di vista. Il disco si colloca agevolmente all'interno del catalogo Amirani, nonostante la costante degli strumenti a fiato le uscite dell'etichetta pavese sono abbastanza variegate, e mi sentirei di dire che in generale ci sia una pulsione avant-jazz (o abstract?) che si muove all'interno di quasi tutte le uscite. Detto ciò sarebbe veramente un peccato liquidare un disco del genere come se si trattasse di un semplice duo, infatti in questo caso il contesto ambientale non fa da semplice contorno ma da terzo in comodo tanto che potremmo quasi parlare di un trio. Se nella leggenda di Carver i suggerimenti dell'editore di sfoltire hanno rivestito tale importanza e se ancora in Davis la produzione di Macero non è per nulla secondaria in GenoaSoundCard la città fa da ambiente-intruso-fonico e produttore. Infatti le improvvisazioni del sax soprano di Lugo e del Tàrogatò della Lamneck sono state registrate in diverse location del centro storico di Genova a mò di "field recording" in cui i due oltre a sfruttare le dinamiche sonore dello spazio in cui suonano, interagiscono con la componente aleatoria costituita dal suono delle città sia che esso sia un rumore indistinto, sia che si tratti del vociare dei passanti. Nessuno studio di registrazione quindi, ma riverberi naturali, rifiniture sonore che si perdono fra definizione estrema e lontananza, i piani si sfondano come se si trattasse di un "trompe l'oeil", alta risoluzione e bassa in questo disco si susseguono senza soluzione di continuità fra i chiari oscuri dei vecchi muri. Palazzo Ducale, Area Banchi, Casa Pagani, Santa Maria di Castello ed ovviamente il Porto attraversati (ed attraversanti) come se si trattasse di una vecchia nave fantasma che si arena dentro la Superba. Sarei tentato di dire che le case arroccate una sopra l'altra, la scarsezza di luce di certi vicoli abbia influenzato i due fiati e quindi fra acuti, note che si sovrappongono canti e dissonanze Lugo e la Lamneck sembrano divisi fra la ricerca della luce ed il suono in dissoluzione. Michele Manucci nelle note introduttive di copertina parla giustamente di un viaggio fatto a seguito dei due improvvisatori e quale miglior modo di viaggiare che coglierne i risvolti imprevisti/imprevedibili? Credo che Levi Strauss avrebbe ampiamente annuito durante la lettura delle note di copertina: la sua visione del modus operandi dell'antropologo non è poi così distante. Cò che accade è che un mazzo di chiavi, un motore ed un qualsiasi rumore vengono integrati agevolmente in questo diario sonoro per cui si tratta più che mai di SoundCards a tutto tondo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Duo Adé - Freilassing (God, 2013)

Gli austriaci Christoph Uhlmann e Gottfried Krienzer suonano il piano a due mani col nome di Duo Adé e la…

17 Jul 2013 Reviews

Read more

Rock And The City - L'Anno Che Venne E Se…

Siamo tutti qui - non è il Braccobaldo Show, ma poco ci manca - alle prese col consueto rito, sempre…

03 Jan 2007 Articles

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Murcof & Philippe Petit - First Chapter (Aagoo/Rev Laboratories, 2013)

Un disco dal titolo First Chapter non può essere che l'inizio di un qualcosa e questa collaborazione tra Murcof e…

18 Nov 2013 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi ‎– We Can Be Everywhere (Final Muzik, 2014)

Altra uscita per Gianluca Becuzzi dopo lo split con Simon Balestrazzi sul singles club Final Muzik, ancora una volta non…

20 Nov 2014 Reviews

Read more

Dave Boutette - The Piccolo Heart (Embassy Hotel, 2008)

Cosa sia l'onestà, a cosa serva, a chi giovi potrebbe essere una di quelle domande da un milione di dollari.…

13 Sep 2008 Reviews

Read more

Luigi Milani - Rockstar (Lulu, 2006)

Prendiamo la storia di una veejay disgustata dal suo lavoro su Mtv, il cantante di un gruppo grunge morto tragicamente…

16 Jun 2007 Reviews

Read more

Ty Segall - S/T (Castle Face, 2008)

A volte è meglio tornare indietro, ma farlo davvero, senza tentare la strada della reinterpretazione in chiave moderna: niente paura,…

18 Jan 2009 Reviews

Read more

Obits - Bed & Bugs (Sub Pop, 2013)

Gli Obits non sono ragazzini da un pò, ma si ritrovano perfettamente a loro agio nell'essere etichettati come naviganti in…

09 Oct 2013 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more

Ovo + Nadja – The Life And Death Of A…

Due gruppi, quattro movimenti, un concept album: non uno split ma una collaborazione fra il duo canadese e quello italiano,…

07 Jun 2010 Reviews

Read more

Hunting The Beast – When Night Falls… (Hellbones, 2019)

Non cambierà la storia della musica questo When Night Falls…, nemmeno limitatamente al genere a cui appartiene. Non lascerà neppure…

08 Jul 2020 Reviews

Read more

Kleemar/Trus! - Banana Split (God Bless This Mess/Moonlee, 2013)

Era da un po' di tempo che non ascoltavamo musica proveniente dalla Slovenia: ci pensa lo split LP tra le…

03 Apr 2014 Reviews

Read more

Airportman / Fabio Angeli - Il Paese Non Dorme Mai…

Attivi da una quindicina di anni, i cuneesi Airportman iniziano ad avere una nutrita discografia, il tempo passa e la…

22 May 2020 Reviews

Read more

Tongs: le pinze e il megafono

L'ascolto di Jazz With The Megaphone, esordio discografico dei Tongs, è stato, per quanto mi riguarda, una delle migliori sorprese…

04 Apr 2010 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top