Christopher Tignor – Core Memory Unwound (Western Vinyl, 2009)

Ribadisco che la Western Vinyl è una gran bella etichetta e dire che fa molta roba melodica, alcune cose addirittura indie, folk o pop, eppure non date la cosa completamente per scontata perché pur mantenendo la melodia come imperativo categorico con gli ultimi lavori hanno presentato una serie di sorprese non da poco. Se quello che cercate è una conferma, ecco che il buon Tignor vi darà la prova d’amore, e dire che vedendo il piano in copertina ero già pronto a passarlo alla sezione indie-cantautorale di questo sito, ma per fortuna ho avuto lo scrupolo di ascoltarlo e bene che ho fatto. Infatti Core Memory Unwound è un disco sì molto melodico, ma che con l’indie ha ben poco a che fare e tanto meno con folk o cose simili, al più si accosta al folk di rimando come la musica di alcuni compositori minimalisti (a cui invece assomiglia per davvero).
Sarei tentato di menzionare Glass e Riley quando compone cose più morbide ma si tratterebbe comunque di referenti che senz’altro il nostro amico ha assimilato o addirittura studiato, ma qui la vena melodica non è nemmeno trattenuta. In questa serie di nove composizioni, che potremmo anche chiamare canzoni dato che suonano quasi in quel modo, Tignor dimostra di saper usare piano, elettronica e amalgama tutto con un gusto davvero grande, sappiate che mi sono ascoltato parecchie volte questo disco sia guidando che mentre facevo altro e fa davvero quello splendido effetto di sottofondo che per musica del genere è un complimento. Musica contemporanea come colonna sonora della vostra vita? Esssì, e basta pensare che se esce dal conservatorio debba per forza essere una mattonata e basta cercare di essere la brutta copia di Stockhausen, Maderna o chicchessia, si può comporre, fare musica di spessore senza per forza fare venire l’orchite o per contro senza fare dei dischi di merda come Allevi (e mi spiace per voi che vi sbrodolate per ogni ricciolo sulla testa di quel frolloccone). Viole da camera che si sposano a meraviglia con il piano e appunto, composizioni "informali" anche se di spessore, o forse non sono di spessore dato che io non sono capace di leggere uno spartito, ma di certo è musica ispirata e fatta con "el corazon", anzi da questo punto di vista chiamerei in aiuto un altro bel parallelo come The Sea And The Bell dei Rachel’s (per il quale come sempre proporrei la standing ovation). Christopher Tignor non inventa nulla, non ne ha neppure la pretesa, mette insieme una colonna sonora ed una serie di canzoni che si fanno ascoltare e riascoltare con piacere, e nonostante questo riesce a non essere neppure scontato… e bravo il nostro yankee che riporta la melodia al potere senza il minimo forzo (anche se questa forse è solo un’impressione).

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Matteo Uggeri: "music for those who want to live in…

Immagino che Hue (al secolo Matteo Uggeri) e gli Sparkle in Grey non risultino proprio una novità per molti nostri…

01 Mar 2007 Interviews

Read more

Antea - Trepverter (Taxi Driver Records, 2014)

Malinconico e ondulato il groove dei genovesi Antea ricorda sì i più ispirati Tool, ma al contempo, con l'incalzare degli…

01 Oct 2014 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Lite - Phantasia (Transduction, 2008)

Prima una precisazione dovuta, visto che a questo punto, dopo aver ascoltato almeno tre uscite della Transduction, ho iniziato a…

09 May 2008 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Snail Mail - Lush (Matador, 2018)

Quanti dischi indierock avete sentito in questi anni che avevano tutto al posto giusto ma non vi dicevano in realtà…

03 Jul 2018 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

The Star Pillow - All Is Quiet (Paradigms/Taverna, 2015)

Parziale cambio di rotta per The Star Pillow, che torna come agli esordi ad essere composto dal solo Paolo Monti:…

08 May 2015 Reviews

Read more

Ovo – Abisso (Supernatural Cat, 2013)

Nonostante le numeroso uscite discografiche, anche su etichette di nome come Load e l'attuale Supernatural Cat e i palchi calcati…

28 Oct 2013 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Delius/Pellegrino/Giust/Thomas/Heenan - Three Nights In Berlin (Setola Di Maiale, 2010)

Altro lavoro che coinvolge Stefano Giust oltre a ad una serie assortita di improvvisatori di livello, come al solito si…

02 Mar 2011 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Archipelago EP (Other Electricities, 2013)

Secondo episodio della discografia di Giulio Aldinucci dopo l'abbandono del monicker Obsil e prima uscita su cassetta, questa volta per…

17 May 2013 Reviews

Read more

Blistrap - On Stage (Setola Di Maiale, 2009)

Avevamo già recensito i Blistrap qualche tempo fa, si tratta di un gruppo di nomi parecchio interessanti che comprende Stefano…

30 Jan 2011 Reviews

Read more

My Dear Killer – Collectable Items (Boring Machines, 2020)

Non è necessario leggere la dichiarazione all’interno del libretto – “This is My Dear Killer final long record and the…

21 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top