Castanets + Lazarus + Vincenzo Fasano – 17/10/09 arci Kroen (Villafranca – VR)

Nel primo vero giorno freddo della stagione va in scena al Kroen una serata all'insegna del folk, proposto in diverse versioni a seconda che gli artisti si differenzino per origine, formazione e assetto strumentale. Un po' di musica che scaldi il cuore, magari malinconica, è perfetta per una stagione che oramai volge velocemente all'inverno e con la sala concerti che comincia ad essere fresca, anche se stasera il calore umano dei numerosi presenti è più che sufficiente per mantenere la temperatura. Vincenzo Fasano è l'eccezione che conferma la regola: folk più per abitudine a considerare tale chi si presenta sul palco con la sola chitarra e i testi ben scritti, possiede la ruvidità del rock inglese, quasi wave, mentre la voce, che varia su più registri, dà pochi punti di riferimento. Se proprio ha da farsi un nome è, almeno come spirito, quello del Bennato degli esordi, legato a doppio filo al rock'n'roll e alla tradizione cantautoriale, anche se qui l'accento è nettamente più drammatico, specie per i pezzi di recente composizione, Sangue su tutti.
Si attraversa l'oceano e il continente americano fino alla costa ovest e su palco troviamo l'ex Tarentel Trevor Montogomery, nelle vesti di Lazarus: senza le bende del personaggio neotestamentario, si presenta invece con una consunta maglietta dei Lakers, sormontata da una faccia di fissità invero quasi cadaverica e un espressione, oltre che un'altezza, che richiama il maggiordomo Lurch, di Addamsiana memoria. In realtà, nonostante il sembiante allegro come una poesia di Leopardi, il tipo è di buon umore (ringrazierà più volte per la bella serata) e cassanets___________cassanets__kroendecisamente in palla e ci accoglie giocando con chitarra e laptop  in un folk dilatato e psichedelico che richiama il primo Harvestman. La tradizione, quella cantautoriale statunitense, qui è più presente, ma emerge a fatica fra bordoni di chitarra e sequenze reiterate, su cui il nostro interviene in diretta con arpeggi e voce. Alexander Tucker è una buona pietra di paragone, ma qui la matrice psych-folk californiana è preponderante e di assoluto effetto: pochi tocchi di batteria (che compare solo per tre pezzi a metà concerto), loop ipnotici a cui bisogna sapersi abbandonare per poter venire attraversati dal suono. Freakedelia nient'affatto facile e per nulla pelosetta, un'esperienza live intensissima.
Per l'esibizione dei Cassanets il nostro si porta al basso, il suo estemporaneo batterista alla chitarra e lasciano il centro del palco all'hobbit Raymond Raposa, piedi scalzi e camicia di flanella; una batterista e una corista, che occasionalmente imbraccia una chitarra, completano la formazione. Con loro la serata torna nel solco del folk più tradizionale, anche se non mancherà qualche sorpresa. Il punto di partenza è il Neil Young più tranquillo, che fa da campo base per esplorare le varie derive di questo suono. Così capita accentuino il rumore fino a sfiorare i dominii degli Earth o, più di frequente, dilatino il suono in liquidi blues notturni, dove la slide la fa da padrona. Il trasporto è inferiore a quello di Lazarus, o quanto meno di natura diversa, percorrendo qui sentieri più consueti. Ma in un cascinale in mezzo alla campagna, com'è il Kroen, è quanto di più adatto ci possa essere e ci si fa cullare di buon grado: l'inverno sarà lungo e un po' di calore delle radici fa certamente bene.
Foto di Elena Prati

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Scum From The Sun - S/T (Afe, 2009)

Mettete insieme uno street rocker, Black Mickey dei Long Dong Silver e un musicista industrial/EBM, Cash dei Filthy Generation, aggiungete…

27 Oct 2009 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Kongrosian - The Exit Door Leads In (Aut, 2012)

Non sempre quando si mettono assieme personaggi/musicisti importanti e con una lunga storia di collaborazioni la ciambella deve per obbligatorietà…

09 Jan 2013 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - Like A Tree Growing Out Of…

Per quel che mi concerne associavo Simon Balestrazzi alla produzione dell'ultimo Bron Y Aur e del disco d'esordio dei Plasma…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Julia Kent - Asperities (Leaf, 2015)

Julia Kent arriva al quarto disco solista e riesce a sorprendermi con Asperities, che per me è la sua uscita…

05 Jan 2016 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more

Il compleanno del Megawolf - 16/01/10 Ekidna (Carpi - MO)

Il compleanno di Megawolf, gigantesco cane lupo nonchè guida spirituale dei Colossal Monument e resident beast dell'Ekidna, è uno di…

22 Dec 2009 Live

Read more

Francesco Serra – S/T (Fratto9 Under The Sky, 2017)

Suono, spazio e visione sembrano essere i tre vertici entro cui si muove il lavoro di Francesco Serra - cagliaritano…

15 Jan 2018 Reviews

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Meerkat - Kapnos (Afe/Grey Sparkle/Nighthawks/Ctr+Alt+Canc, 2009)

Idealmente parte integrante di una quadrilogia sugli elementi, Kapnos, che in lingua greca significa "fumo", è il terzo della serie…

14 Apr 2009 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 2 -…

Bene. Dopo la sbrodolata sul footwork, posso a passare a qualcosa di completamente differente. Dj Final Trip (un nome -…

29 Sep 2012 Articles

Read more

Picastro - Become Secret (Block Recording Club/Monotreme, 2010)

La voce di Liz Hysen non si dimentica facilmente e anche se non ho seguito più i Picastro dal loro…

04 Mar 2010 Reviews

Read more

Luca Venitucci – Interstizio (Brigadisco, 2012)

Ammetto di non essere troppo informato sullo stato dell'arte della fisarmonica, sulle tendenze recenti e sui futuri, possibili sviluppi. Di…

16 May 2012 Reviews

Read more

Naked On The Vague - Sad Sun (Sabbatical, 2007)

Non è ancora stato tutto ispezionato il bottino che il nostro webmaster ha riportato dalla vacanza australiana di fine 2008…

30 Jun 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top