Boslide – Satansbraten (Death First!, 2016)

Era da un po’ che auspicavo il ritorno del metal sulle pagine di Sodapop e finalmente eccoci qua: manco a dirlo l’esordio dei Boslide è il modo più sbagliato di celebrare l’evento. Emanazione sonora della pagina Svart Jugend (e già questo è un marchio d’infamia niente male) il duo romano composto da Portofino e Re Degli Spaventi sarebbe a rigor di logica catalogabile come false metal: “No suoni analogici. No strumenti. Tutto campionato” recita il foglietto interno. Tuttavia, poiché immagino che chi si indigna per le uscite di Phil Anselmo, si fa prender male dalle reichsadler di Lemmy e si esalta per le tirate liberal degli ultimi Brujeria li troverebbe quantomeno ripugnanti, almeno l’inserimento ad honorem nella categoria lo meritano, per quanto loro preferiscano definirsi più modestamente svartcore. Se disegnate un pentacolo che ha come vertici l’attitudine del weird black metal, il suono del death/grind più invasato, la commedia scoreggiona di estrazione romanesca, il revisionismo più becero e il culto della morte, al centro troverete proprio i Boslide col loro Satansbraten, 14 pezzi che vanno appunto dal black di Helvete Hooligans al grind/death di Cimitero Attitudine, Neue Weimar e H.I.T.L.E.R., con una fugace incursione nell’hip-hop d’annata (Sei Sei Sei) e la cover definitiva de Il Veliero del camerata Battisti. Le vocals non sono propriamente intellegibili per cui non so dire se quelli riportati siano effettivamente i testi, ma sono comunque spaccati di vita reale e potenziali parole d’ordine per le nuove generazioni: “Non leggo Mishima perché era frocio” (My Gender Studies, brano impreziosito da uno splendido intervento di Massimo Boldi), “Siamo venuti dall’inferno per bruciare le volanti” (Helvete Hooligans) , “Cresciuti in queste strade con la Peroni in mano e Jesus’ Tod nel cuore” (Palazzoni), “siamo case stregate, non dormiamo mai” (Svartcore I). Ai pochi che li ricorderanno possono richiamare, un po’ per la musica (?) un po’ per l’attitudine, gli altrettanto misteriosi XGasmaskX che uscirono anni fa per S.O.A., anche se mi sa che il segno politico sia un tantino opposto. Satansbraten è un disco che nel suo cinico nichilismo trash e pangermanesimo d’annata è onestamente difficile prendere sul serio. E proprio questo è l’errore fatale.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Spock’s Beard - Octane (SPV/InsideOut, 2005)

Per carità, non vi inganni la pompa di benzina! Non siamo dinnanzi agli ennesimi imitatori dei Kyuss né tanto meno…

15 Sep 2006 Reviews

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Amphetamine (dE-NOIZE, 2011)

Un esordio? Non esattamente, visto che si tratta sì del primo disco solista di Stefano Ferrian, ma stiamo comunque parlando…

15 May 2011 Reviews

Read more

3eem - Matilda (White Label Music, 2008)

Dopo un CD ed un 7" su Small Voices, i 3eem pubblicano adesso in UK per la label di un…

15 Apr 2008 Reviews

Read more

Bogong In Action - And That If Piggod! (HysM/Lemmings, 2011)

Questo EP di otto minuti, seconda prova dei Bogong In Action dopo un limitatissimo split tape, inizia con una chitarra…

10 Jan 2012 Reviews

Read more

Giacomo Baldelli - New York City Tracks (Halidon, 2022)

Ricordate ancora quel momento di anni fa, il momento in cui per la prima volta vedeste New York? Pensateci…l’aeroporto, i taxi,…

14 Sep 2022 Reviews

Read more

Pretty Flowers - EP (Bananaseat, 2005)

Che poi a me queste cose piacciono pure... indierock che tende al punkrock con singalong a manetta e con armonie…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

Drieu – La Distruzione (Autoprodotto, 2019)

Strano a dirsi, ma mettendo insieme esponenti del miglior post-HC (Burning Defeat), dello storico HC italico (Crash Box), dell’oi! più…

31 Mar 2020 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

Heroin In Tahiti - Sun and Violence (Boring Machines, 2015)

Se con Death Surf c'era chiaro riferimento allo spaghetti western, qui, per mole e durata, già si parla di kolossal,…

30 Mar 2015 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Plakkaggio - C.D.G. 7'' (Hellnation, 2014)

Abbandonata l' HC  con cui li avevamo ascoltati fino a ieri ritorna il power trio di Colleferro: sempre combattivo, sempre…

03 Sep 2014 Reviews

Read more

Messa In Piaga - Undelicate Sound Of Powder (LR l'oretta…

Ritorna la piaga dai meandri del passato. Sempre  più free, uncompromising e nonsense, stavolta propugna cinque pezzi a metà strada…

10 Aug 2020 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Dylan Henner - Flues Of Forgotten Sands (Dauw, 2022)

L’amicizia è importante. Le connessioni sono importanti ed i consigli sono vitali. Non ho mai incontrato dal vivo Tiberio Faedi (voce dietro…

08 Aug 2022 Reviews

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top