Boslide – Nazisti Da Operetta (Death First!, 2019)

Spiace dover registrare il primo passo falso nella carriera del diabolico ed ambiguo gruppo romano: dopo due uscite in due anni, nel 2016 e ’17, i Boslide mancano l’appuntamento col fatidico duemila e 18 e si accontentano di uscire in un anonimo 2019; ma d’altra parte pure noi li recensiamo in ritardo, quindi, da questo punto di vista, è pari e patta. Giunti al traguardo del terzo disco anche Portofino, Re Degli Spaventi e Barone Sangue  si pongono la domanda che ogni gruppo maturo deve porsi: come evolvere? La risposta che i tre danno è doppia ed inevitabilmente sbagliata: sul piano musicale si affina la scrittura, arrivando a registrare alcuni pezzi che superano i due minuti e uno che, addirittura, arriva quasi ai quattro, per i loro standard praticamente prog; sul piano contenutistico, quando ormai nemmeno il nazismo rappresenta più un investimento sicuro, si punta alla negazione di ogni (dis)valore attraverso un revisionismo duro e puro che li pone come avanguardia della reietta schiera degli impresentabili. Ecco dunque Nazisti Da Operetta, un lavoro che, nonostante la scorza grezza e spavalda, trasuda piena coscienza del presente e dell’ineluttabilità della situazione, traducendo il tutto in un’opera che, più che il beau geste, cerca – e quasi sempre trova – il bel gestaccio. AIDS Pride Polizei apre il disco così: “Guarda, se cominci a dir porcate io alzo e vado”; non la smetteranno fino alla fine, ma tenete duro, in 20 minuti è tutto concluso. Lercio Basilisco non è, nonostante il testo pubblicato, una cover di Prowler degli Iron Maiden, ma un grindaccio con vocione che ben si accompagna ad altre nefandezze quali  il black di Barafonda, il death-quasi-melodico di I Veri Maghi Sono Io, il crossover grind/rap di Mortacci e l’HC newyorkese di Trotta Cavallino, che ci riporta alla mente i M.O.D. migliori (che, a scanso di equivoci, sono quelli di U.S.A. For M.O.D.). Categoria a parte fa Ala Rautiana Et Ordiño Nuevo che, al di là del valore musicale (una scheggia di punk/HC ignorante da 55”), va direttamente a giocarsi la coppa di miglior titolo della storia insieme a I Went Back In Time And Voted For Hitler degli Anal Cunt e Get Your Dick Out Of My Food dei Men’s Recovery Project. Dal lato della maggior ricerca musicale si segnalano invece i brani finali, una cosa un po’ in stile dischi industrial/metal anni ’90, dove alla fine ti mettevano il pezzo pseudo-sperimentale spaccacazzo di 20 minuti. Il negazionismo propositivo di Esiste La Razza Negra, accelerazionismo grindcore con inserti sghembi e dissonanti, accredita i tre come cugini infami dei Mr. Bungle, il western-metal cianotico di A Stronzi li scredita agli occhi di ogni amante della musica e Nazisti Da Operetta, il brano prog a cui alludevo prima, accostando post-black metal e voci operistiche rubate chissà dove, garantisce un finale in tragedia. C’era davvero bisogno di un nuovo album dei Boslide? Ovviamente no. Ma come diceva Eric Stratton in Animal House “io penso che questa situazione richieda che qualcuno faccia un’azione assolutamente futile e stupida”. E oggi sono loro i più adatti per farla.

P.S.: fatte salve 10 coppie in floppy disc già esaurite e acquistabili a prezzi improponibili su Ebay,  Nazisti Da Operetta è uscito solo in digitale, su Bandcamp, al prezzo di 7 euro, ma se aggiungere 44 centesimi e raddoppiate il tutto non sbagliate.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Lorenzo Abattoir's Noise Diary - West Coast 'N'More Tour 2014

Lorenzo Abattoir lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa in un festival a Piacenza, nei panni di Nascitari (in…

12 Nov 2014 Articles

Read more

VV.AA. – Pulsioni Oblique (Kaczynski, 2018)

La nascita di una nuova etichetta è sempre una buona notizia, specie se, come in questo caso, si appresta ad…

28 Mar 2018 Reviews

Read more

Stinking Lizaveta - 7th Direction (Exile On Mainstream/Translation Loss, 2012)

Gradevoli affondi tutti strumentali per questo terzetto di Filadelfia innamorato di una certa psichedelia tutta anni settanta (ma anche…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Qonicho - Ah! (CD Kaczyński, 2022)

Sassofono, effetti e batteria, live nel 2020 a Seine-Saint-Denis, Festival Banlieues Bleues. Morgane Carnet e Blanche LaFuente. Qonicho è un'imbarcazione ad effetto…

31 May 2022 Live Reviews

Read more

Wojaz - Hengienmaa (Future Lunch, 2017)

Hengienmaa di Wojaz, one man band finlandese qui alla terza prova, ci è arrivato per tramite di Paolo Monti/The Star…

24 Jul 2017 Reviews

Read more

M.B. - I.B.M. (Final Muzik, 2012)

Continuano le ristampe della serie Final Muzik Eighties e per la terza uscita arriva in catalogo addirittura Maurizio Bianchi con…

03 Apr 2013 Reviews

Read more

Max Brand – IMA Focus (Chmafu/IMA, 2013)

Così a memoria non credo che su queste pagine si sia mai parlato di musica così indietro nel tempo: IMA…

01 Sep 2014 Reviews

Read more

Psychocandy - Le Canzoni Dei Folli (Autoprodotto, 2006)

Buon prodotto di stampo tipicamente americano per questi quattro metallari del mezzogiorno che porano in giro il nome Psychocandy. Benché…

18 Aug 2007 Reviews

Read more

Romina Daniele - Aisthanomai. Il Dramma Della Coscienza (Polygram, 2008)

Partirò subito dicendo la cosa più scomoda, ovvero che si tratta di un disco in cui lo…

23 Apr 2008 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Kelvin/Speedy Peones - Split 10" (MacinaDischi, 2010)

Metallo dal Nordest, almeno per quel che riguarda la confezione delle prime 300 copie di questo 10" (45 rpm e…

07 Jul 2010 Reviews

Read more

Joy As A Toy – Dead As A Dodo (Cheap…

"Freely inspired by Dario Argento's movies" è quanto si apprende sfogliando il booklet del cd dei belgi Joy As A…

16 Jul 2012 Reviews

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Fuh - Extinct (Autoprodotto, 2007)

Due anni fa i Fuh uscivano con un EP dal titolo Int/Ext. Questo Exinct mi è parso per giorni il…

08 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top