Borghesia – Un Chant D’Amour (Final Muzik, 2022)

Al tempo in cui i Borghesia nacquero, Lubiana, allora in Jugoslavia, era una terra di mezzo fra l’Occidente e il blocco sovietico, in qualche modo aliena – non senza tensioni – alle logiche di entrambe le parti: attraversata da fremiti libertari ad ogni livello, fu sede della prima organizzazione gay dell’Europa dell’est e del primo festival di cinema omosessuale del continente. Questa alterità è chiaramente percepibile nel percorso discografico del duo formato da Dario Seraval e Aldo Ivančič, che parte da un synth pop di matrice europea per approdare a sonorità prossimi ai dancefloor più scuri e industriali, alla maniera di chi, come dicevano i CCCP, all’effimero occidentale preferisce il duraturo; alla plastica l’acciaio. L’Ovest rimaneva certamente un riferimento, ma l’Ovest meno presentabile e più disturbante; lo testimonia questo Un Chant D’Amour, nastro registrato nel 1986 come sonorizzazione del cortometraggio muto diretto da Jean Genet nel 1950 e prontamente vietato nel “mondo libero”. Una storia di omosessualità sensuale, romantica e visivamente ai confini con la pornografia, ambientata nel chiuso di un carcere ma con frequenti sequenze oniriche, uniche, amare possibilità di fuga dall’oppressione rappresentata da un secondino guardone e violento. I Borghesia costruiscono un accompagnamento che ha i toni di un’industrial cupo e cacofonico sezionato da ritmiche con cadenze più di marcia che non di danza, anche se il suono prefigura, a tratti, la transizione verso l’EBM, che il duo completerà da qui a poco. La durata del disco, quasi 40 minuti divisi in sette sezioni, sopravanza la lunghezza del corto, che supera di poco i 25, servono quindi un po’ di aggiustamenti e di spirito interpretativo per sincronizzare musica e immagini, ma alla fine il risultato è notevole e, nelle parti più riuscite, la musica, oltre a commentare, evidenzia con la forza dei toni drammatici i sottotesti presenti (l’oppressione, il controllo, la violenza). È quindi doppio il merito di questa curata stampa da parte della Final Muzik: da un lato illumina un fondamentale momento di passaggio nella carriera del gruppo, dall’altro ci mostra uno spaccato di oltre trent’anni di cultura underground europea a 360 gradi, incuneandosi nel presente con la forza, ancora urticante, della sua doppia natura visiva e musicale.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Destroy All Gondolas – Laguna Di Satana (MacinaDischi/Shyrec/Sonatine/Deathcrush/Crampi, 2017)

Dev’essere qualcosa disciolto nell’aria o nell’acqua (o nel vino?) che fa sì che certe cose possano venire fuori solo dal…

05 Jul 2017 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Jesus Franco & The Drogas - No(w) Future (Bloody Sound…

Dopo un lungo silenzio (come uscite discografiche) ritornano i fratellini Droga(ti) più in forma che mai. Anzi possiamo dire che,…

16 May 2019 Reviews

Read more

The Lovely Savalas - Pornocracy (Above Ground, 2011)

Ho sempre pensato che già dalla cover si possa intuire molto del contenuto di un disco. Cristiano Carotti, l'artista umbro…

16 May 2011 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more

Deison - Quiet Rooms (Aagoo, 2012)

A questo giro ritorna Cristiano Deison, che vanta una carriera solista di tutto rispetto divisa fra dischi in proprio e…

27 Nov 2012 Reviews

Read more

Pål Asle Petterson + Ubeboet + UR - The Twists…

Zan Hoffman, che citando le release sheet è "sperimentatore di suoni e rumori dal 1985", porta avanti un progetto dal…

09 Jun 2008 Reviews

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

Supersilent - 8 (Rune Grammofon, 2007)

Quartetto norvegese attivo da dieci anni ormai, e con alle spalle già un certo numero di uscite, rigorosamente scandite da…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Roberto Fega - Postcard From A Trauma (Setola Di Maiale,…

Ritorna Il maestro Fega dopo poco tempo dall'ultimo lavoro recensito sempre su queste pagine. Stavolta non si tratta (apparentemente) di…

16 Dec 2021 Reviews

Read more

Il Buio - Via Dalla Realtà, 7" (Corpoc, 2012)

Dopo il bel vinile d'esordio sulla media distanza, torna Il Buio da Thiene con un sette pollici, notevole sia dal…

02 May 2012 Reviews

Read more

Mathieu Ruhlmann - As A Leaf Or A Stone (Afe,…

Nel darmi questo disco da recensire, mi è stato detto che tanto quanto avrei dovuto abbassare il volume per ascoltare…

03 Jul 2010 Reviews

Read more

Teho Teardo - 23/02/2014 Santa Maria In Chiavica (Verona)

È sempre un piacere tornare nella suggestiva cornice di Santa Maria In Chiavica ogni qual volta l'associazione Morse organizzi un…

07 Mar 2014 Live

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

The Maniacs - S/T (Against ‘Em All, 2009)

Rabbioso esordio di power-punk meneghino da parte dei Maniacs. La furia e la sicurezza con cui masticano la materia…

04 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top