Bob Corn – Songs From The Spiders House (Fooltribe, 2006)

Tiziano Sgarbi (Tizio per chi gli è amico, l'uomo dietro la label Fooltribe) è un nome che da anni sento girare in rete. Purtroppo solo quest'anno ho avuto modo di conoscerlo di persona. A Musica Nelle Valli ci siamo solo salutati, poi in un'altra occasione ci ha pure offerto del lambrusco. Tiziano vive a S. Martino Spino (Mo), un piccolissimo borgo sul confine tra la provincia di Mantova e il modenese. 

Lì la campagna è ancora come trent'anni fa: le case scrostate, qualche trattore arrugginito in mezzo a un campo; non si nota la presenza di agriturismi o bed and breakfast appena rimessi in sesto per turisti di passaggio. Lì puoi trovare la focaccia ripiena di salsiccia, il bar della nonna con i boeri sul bancone, il caffè e i ghiaccioli più buoni del mondo. Nella sua casa Tiziano (ossia Bob Corn) ha composto la maggior parte delle canzoni del suo secondo, bellissimo lavoro Songs From The Spiders House (il titolo dell'album rimanda al fatto che nella sua dimora, come nella mia, girano parecchi ragni…sarà la zona) il seguito di Sad Punk and Pasta for Breakfast. Si resta sempre sulle 7 canzoni e sulla mezz'oretta a stento di durata. Tiziano, anche quando è sul palco, ci tiene a specificare imbarazzatissimo e a mò di giustificazione che utilizza spesso gli stessi accordi o le stesse parole. I testi, in inglese sono, infatti, di una semplicità e chiarezza disarmanti, tanto che anche uno zuccone come me li capisce in toto. Non per questo viene meno la poesia e il solipsismo del personaggio, a metà strada tra Seam Beam (Iron And Wine) per somiglianza fisica e il primissimo e scarno Will Oldham per la musica o la voglia di essere amato da qualcuno ("day after day night after night I need love I need…" canta in I Will Return). C'è la solitudine ("I am happy you are with me, I am not happy because it is just a dream, so I am walking alone, alone on the road"), la passione non corrisposta ("…but you Babe, you are loving another one) e la voglia di purificarsi attraverso un disco ("somethimes my heart is not so clear"): ma ciò che veramente conta è che ci sono canzoni proprio riuscite, rese corpose dalla calda voce di Bob e in grado di compensare gli arrangiamenti spartani. Una sola volta interviente timidamente un pianoforte (Black Kiss, una canzone da ascoltare e riascoltare, qualora si avessero dei dubbi sulla reale capacità di scrittura o sull'intera operazione understatement messa in piedi da Tiziano sotto il moniker Bob Corn). I am off…does anybody want to turn me on?

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Giant Undertow - The Weak (InTheBottle/Shyrec/Indipendead/PopeV, 2016)

Obliquo e un po' sbronzo il folk di Lorenzo Mazzilli è ricco di un mood irresistibile e coinvolgente. A cercar…

21 Oct 2016 Reviews

Read more

Ufomammut & Lento - Supernaturals Record One (Supernaturalcat, 2007)

Ritornano carichi pesanti e carichi liquidi: una metafora da broker navale che ben sintetizza questo felicissimo connubio. E ancora una…

26 May 2007 Reviews

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more

7 Training Days – Wires (Autoprodotto, 2013)

Arrivano al secondo album i laziali 7 Training Days e parlare di maturità, quando già lo abbiamo fatto per la…

17 Mar 2014 Reviews

Read more

Punck - Piallassa (Red Desert Chronicles) (Boring Machine, 2008)

Adriano Zanni, al secolo Punck è artigiano di alta scuola e lo si diceva già nella recensione del "clash of the…

16 Jul 2008 Reviews

Read more

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Nymphea Mate - Endio (Hertz Brigade, 2011)

"Cambio rotta, cambio stile, scopro l'anno bisestile". Anno nuovo, vita nuova. A questo giro ho deciso di impegnarmi per sconfiggere…

06 Feb 2012 Reviews

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Black Engine - Ku Klux Klowns (Wallace, 2007)

Un basso limaccioso come il design di un Humvee, i loop di una risonanza magnetica, la chitarra di un Jeff…

29 May 2007 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Bruital Orgasme – Méthodologie Contextuelle (Sincope, 2016)

Leggendo il nome del gruppo e conoscendo l’opera di indagine dei più reconditi anfratti del rumore portata avanti dalla Sincope…

25 Nov 2016 Reviews

Read more

Lo Sceriffo Lobo - Confetture Per Adulti (Marsiglia, 2017)

Non si tratta del malevolo personaggio dei fumetti nè dello spasimante della Carmencita pubblicitaria (si lo so che si chiamava…

28 Jul 2017 Reviews

Read more

Fear - The Record (The End, 2012)

Se date da ripetere a memoria a un pappagallo i versi di Dante, siete sicuri che qualcosa di buono ne…

28 Feb 2013 Reviews

Read more

Caso - La Linea Che Sta Al Centro (To Lose…

E ancora con la menata che a me i cantautori, soprattutto se cantano in italiano, non fanno impazzire. E ancora…

29 May 2013 Reviews

Read more

Words And Actions – Life Of Farewell (Autoprodotto, 2011)

Se si escludono le produzioni di Larva o di Corpo Parassita era da tempo immemore che non recensivo un gruppo…

03 Nov 2011 Reviews

Read more

Alga Kombu - In Fin Dei Corpi (Sincope, 2016)

Spigoloso post-punk bolognese non esattamente al passo con i tempi (uscita terrificante, ma lasciamola lì) ma non per questo di…

03 Feb 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top