Blood Axis + Rosa Rubea + Roma Amor – 23/06/2013 The Theatre (Rozzano – MI)

Era evento assai atteso la calata degli americani Blood Axis, illustri portabandiera del folk pagano e capitanati da quel Michael Moynhyan che rappresenta una delle figure più coerenti e delle menti più lucide della cultura apocalittica degli ultimi vent’anni. Ci era quindi impossibile mancare a una delle due date italiane e per ovvie ragioni di distanza, si opta quella milanese a scapito di quella romana, dove di spalla si esibivano Ain Soph e Malato.
Il Theatre, a dispetto del nome altisonante, è un locale sito in un’anonima zona artigianale della cintura milanese: certo è un’ambientazione assai meno suggestiva del bellissimo Palazzo Granaio dove alcuni mesi fa assistemmo all’esibizione di Der Blutharsch, ma il luogo è ben allestito, con un palco accogliente, un’amplificazione consona e una distribuzione dello spazio che rende visibili le band da ogni angolazione. Fra il pubblico che all’ora stabilita attende di accedere al the_theatre_Roma_Amorlocale (cosa che avverrà solo dopo un completo giro d’orologio…) prevalgono i toni scuri, con abiti da Morticia sexy fra le femmine e più varietà fra i maschi: si va da look da pseudo Marilyn Manson a completi paramilitari, fino a un sorprendente clone dark di Oscar Giannino; nessun reduce dalla Notte dei Lunghi Coltelli, stavolta. Quando finalmente vengono aperte le porte, la serata ha inizio col duo Roma Amor, voce femminile che si accompagna con la chitarra, affianca da uno strumentista, ora alla fisarmonica, ora al piano. Le loro sono esili ballate mitteleuropee gradevoli ma che faticano a reggere alla distanza: una certa ripetitività fa sì che l’attenzione cali via via che l’esibizione si avvia verso la conclusione. C’è spazio per bere qualcosa e curiosare fra i banchetti dei dischi prima dell’inizio dei Rosa Rubea, gruppo che ha come vocalista Daniela Bedeski della Camerata Mediolanense: l’allestimento del palco è piuttosto laborioso e la comparsa di un set tipicamente rock, con batteria, tastiere e chitarra fa temere un concerto orientato verso quel genere, che onestamente sarebbe fuori tono con la serata. Ogni timore è fugato subito, grazie a un inizio pervaso di un’atmosfera sacrale che non si dissolverà per tutto il concerto: un brano strumentale fa da colonna sonora all’accensione di un imponente candelabro da parte della cantate, avvolta in un lungo abito scuro e col viso the_theatre_Rosa_Rubeacelato da una maschera barocca. Sarà proprio lei, con la sua voce versatile, la mattatrice dell’esibizione, spaziando fra toni lirici, melodie che possono richiamare la tradizione irlandese, accenti più marcatamente dark-wave, sempre assecondata da strumentisti impeccabili, che non eccedono nemmeno nei momenti di maggior enfasi. Un concerto trascinante e una sorpresa graditissima, che fa volare il tempo che ci separa dall’esibizione degli headliner della serata. Michael Moynihan e la sua bella moglie Annabel Lee si erano aggirati per tutto il tempo a colloquiare col pubblico: è finalmente il momento di vederli sul palco. A loro, oltre all’immancabile Robert Ferbache alla chitarra, si affiancano Aaron Garland al basso (e maglietta degli Ain Soph) e una doppia sezione di percussioni affidata a Frederic Arbour  e a quel John Murphy che già avevamo visto accompagnare Douglas P. nel recente tour dei Death In June. Il prologo recitato del classico The March Of Brian Boru ci introduce nel mondo dei Blood Axis: Mohynian al centro della scena, camicia nera e un piedi spesso appoggiato sulla spia al limitare del palco, canta accompagnandosi talvolta con un tamburo, alla sua sinistra il violino della Lee, dal lato opposto gli altri strumenti a corde. La scaletta è di grande livello e privilegia i brani del capolavoro Born Again insieme ad alcuni ripescaggi dal passato, lasciando però poco spazio a Gospel Of Inhumanity, di cui vengono eseguito solo Eternal Soul e Reign I Forever. Purtroppo l’impasto sonoro che esce dagli amplificatori non è dei migliori e penalizza the_theatre_blood_axisfrequentemente il violino in favore degli strumenti elettrici, ma ancora più gravi sono le difficoltà che devono avere i musicisti sul palco, per alcuni problemi ai volumi delle spie. Alcuni pezzi non ne risentono troppo, altri, quelli dove l’intreccio vocale è fondamentale, ne escono totalmente deturpati: è il caso di uno dei brani migliori dell’ultimo album, The Path, alla fine del quale gli applausi, più che di apprezzamento, appaiono di incoraggiamento ai musicisti, che per tutto il tempo hanno dovuto guardarsi per stabilire i tempi d’entrata. In altri momenti le cose funzionano meglio, lo testimoniano una Life enfatica ed orgogliosa o una The Ride marziale: la sezione ritmica così potenziata fa la sua parte, enfatizzando il lato ritualistico dei brani, che talvolta sfoggiano accenti quasi tribale. Eppure si ha la sensazioni che manchi qualcosa, o quanto meno, che tutto potrebbe essere di un livello ben superiore, cosa che dall’esibizione di una band del genere sarebbe lecito attendersi. Il pubblico stesso è caldo, ma non numerosissimo e l’atmosfera manca di quella sacralità e comunione che ci saremmo attesi. Non che ci siano responsabilità o carenze particolari, ma probabilmente, tutte queste piccole cose, contribuiscono alla non riuscita dell’incantesimo. Scorrono, ruvide e piacevoli ma senza picchi, Wulf And Eadwacer, The Hangman And The Papist, Born Again, Song Of The Comrade: tutto rimane in potenza. Così, dopo una breve discesa dal palco, i Blood Axis ci salutano con una Walked In Line rabbiosamente punk, che dice molto sullo svolgimento di una serata a cui era comunque giusto presenziare; la prossima volta si avrà maggior fortuna.

Fotografie di Ave Imago

Tagged under: , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Steven Blush - American Punk Hardcore (Shake, 2007)

In attesa di vedere finalmente il film, ecco American Hardcore traduzione di un libro di Steven Blush che rischia di…

24 Apr 2007 Reviews

Read more

Shana Falana - In The Light (Autoprodotto, 2012)

Questi Shana Falana (chissà se conoscono anche Don Lurio?) sono un duo di Brooklyn dedito ad uno shoegaze misto a…

21 Jan 2013 Reviews

Read more

Testing Vault – Threnody For The Suicidals (Anedonia) (Ho.Gravi.Malattie,…

Dei vari progetti musicali di Daniele Santagiuliana avevamo finora trascurato Testing Vault, fra tutti quello maggiormente longevo e prolifico, nonché,…

14 Mar 2019 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

The Go Find - Stars On The Wall (Morr Music,…

L'anno scorso c'erano gli Electric President, quest'anno ci pensa il belga Dieter Sermeus a confezionare il disco cioccolatino del…

16 Mar 2007 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Iron Molar - Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking…

Dall'hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada…

24 Sep 2008 Reviews

Read more

Nightstick - Death To Music (Relapse, 1999)

Ad oggi l'ultimo lavoro dato alle stampe di una tra le più misconosciute, ma soprattutto sottovalutate heavy band americane…

23 Jan 2008 Reviews

Read more

Adam Wolf - Songs I/II (Autoprodotto, 2018)

Adam Wolf ha due band di musica energica e chitarrosa (Wolfhand e Sleeping In), non particolarmente originali: le foto dei…

01 Mar 2018 Reviews

Read more

Alga Kombu - In Fin Dei Corpi (Sincope, 2016)

Spigoloso post-punk bolognese non esattamente al passo con i tempi (uscita terrificante, ma lasciamola lì) ma non per questo di…

03 Feb 2017 Reviews

Read more

Adam's Castle - Vices (Tripel Down, 2012)

C'è di buono che la mia curiosità spesso mi porta a conoscere cose un pò strane, difficilmente mi serviranno nella…

06 Sep 2012 Reviews

Read more

Ivan Iusco: Minus Habens o Homo Superior?

Questo è uno di quei personaggi che ho cercato di odiare con tutto me stesso, anima e corpo. Mi ha…

19 Nov 2011 Interviews

Read more

U.S.O. Project - Inharmonicity (Synesthesia, 2008)

A volte ci sono cd che ci impiegano un po' più tempo di altri per essere fruiti e per quanto…

23 Nov 2008 Reviews

Read more

Golden Gurls - Typo Magic (Damnably, 2013)

Non saprei dire se il nome è una storpiatura di una vecchia serie televisiva statunitense ma certo è che il…

08 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top