Bexar Bexar – Tropism (Own, 2007)

Normalmente quando leggo di un disco in cui la chitarra acustica la fa da padrona sono sempre un po' scettico, non dipende neppure dal genere, anzi, a diciassette anni nelle ho scritto a Suzanne Vega. Posto che quella gran donna della Vega non mi ha mai risposto (strano vero?!) la nausea per il genere mi deriva da tutta quell’ondata seguita allo sc-"emo"-core che "minchia, cosa ci vuole… cantautore in cinque minuti pure io!". Se lo sc-emo core non bastasse che ne dite di quelle tavanate cantautorali indie che Simon And Garfunkel, Jackson Browne per non parlare di fenomeni come Buckley (padre) o Drake non avrebbero suonato nemmeno come accompagnamento per andare al cesso?
Bexar Bexar per fortuna non ha nulla a che spartire con i secondi e ben poco anche con la Vega, sì, che scrive bellissime canzoncine acustiche intrise di depressione e colorate di suoni tenui che fanno da pan di spagna per una torta da alta pasticceria, però niente voce e così facendo ottiene risultati anche molto più interessanti rispetto ad una scelta che sarebbe sembrata scontata. Se gli Hood fossero stati più "folk friendly" e avessero avuto le acustiche voi avreste in loro una delle coordinate principali per individuare il suono di Bexar Bexar, non per nulla a tratti questo disco mi ha ricordato una perla minore (ma solo per fama) come Sierpinsky. Malinconia canaglia e non malinco-noia dato che mi sento quasi di dire che Tropism è il classico CD che riconcilia con il genere e che fa piacere riascoltare senza troppi patemi d'animo. Dove non sono suoni, field-recording o abbellimenti derivati da altri strumenti, sono tenui drones ma nulla di austero dato che si parla di cantautorato ambientale registrato in modo non troppo elaborato ma molto efficace. La registrazione dal calore casalingo (ma non per questo scadente) sembra la classica produzione di gran classe da cantautorato lo-fi alla K, Kill Rock Stars. Non so come possa rendere dal vivo anche se credo che a breve lo scopriremo visto che mi sembra costantemente in tour, ma lo vedo adatto come sottofondo ai filmini delle vacanze, non credo che sia stato casuale l’uso di foto scolorite per la grafica del digipack, saranno riemerse da qualche cassetto che le custodiva dagli anni Settanta/Ottanta. "Sei tu, non c'è dubbio, ma non ricordi dove, osservi meglio quello che c'è intorno a quella figura, una strada. Non ci sono insegne e le targhe sulle auto sono illeggibili, la Grecia, forse, ma quale città?"… e Bravo Clementi. Bel disco, senza troppe pretese ma molto fine.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Silent Carnival - Drowning At Low Tide (Viceversa/Seltz, 2016)

Che ci fossero le basi per essere un disco eccezionalmente alto in qualità, visti i protagonisti coinvolti, era fuori ombra…

14 Nov 2016 Reviews

Read more

Mastodon - Blood Mountain (Warner Bros, 2006)

L’allontanamento dalla Relapse in virtù di una major non sembra aver intaccato particolarmente la creatività e la furia dell’eclettico quartetto…

01 Dec 2006 Reviews

Read more

Zelda - S/T (Autoprodotto, 2006)

Gli Zelda mi hanno mandato questo demo un anno fa: l'ho messo da parte per recensirlo (anche se con il…

11 Nov 2007 Reviews

Read more

Donato Epiro: free(ak)-folk, neo-psichedelia, ma non solo...

Cari ragazzuoli (pronunciato possibilmente con un marcato accento emiliano), appena dopo aver ascoltato Orange Canyon di Skullflower (a cui va…

09 Apr 2010 Interviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

Annie Hall - Cloud Cuckoo Land (Pippola, 2007)

Dopo un demo e un Ep autoprodotto, l'approdo all'album d'esordio in un cartoncino che al tatto sembra fatto di stoffa.…

12 Oct 2007 Reviews

Read more

Noise Cluster – Planet Of The Lost Dolls (Luce Sia,…

Sono una nostra vecchia conoscenza i Noise Cluster, nome dietro cui si celano Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo, solitamente attivi…

25 Oct 2017 Reviews

Read more

Sons of Viljems: Grigio di Londra

Quella dei Sons of Viljems è una storia nata per caso, in una città che offre molteplici possibilità di collaborazione e,…

24 Jun 2021 Interviews

Read more

Persian Pelican - How To Prevent A Cold (Autoprodotto, 2012)

Placidamente pop. Indie pop. Elettroacusticamente indie pop. Questo giusto per tentare di riassumere in maniera funzionale il secondo lavoro, dopo…

23 Jan 2013 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Father Murphy - Rev. Freddie Murphy, C. Lee And…

Questa è l’ultima testimonianza dei Father Murphy in trio e ammesso esista il concetto di normalità nella produzione del gruppo…

15 Apr 2014 Reviews

Read more

Titor - S/T (Smartz, 2009)

Nostalgici della "sei corde senza fronzoli", i Titor inalberano un progetto pseudo concettuale che partendo dall'hardcore californiano dei primi…

01 Apr 2010 Reviews

Read more

Max Brand – IMA Focus (Chmafu/IMA, 2013)

Così a memoria non credo che su queste pagine si sia mai parlato di musica così indietro nel tempo: IMA…

01 Sep 2014 Reviews

Read more

Maurizio Bianchi & TH26 - Arkaeo Planum (SmallVoices, 2006)

Ragazzi miei, mentre Maurizio Bianchi ce la sta mettendo tutta per raggiungere Merzbow per quantità (e qualità) di uscite, ecco…

10 May 2007 Reviews

Read more

DoF - Rid The Tree Of Its Rain (Abandon Building,…

Neve o no, mi sento alle porte della primavera, sta cambiando la luce e più passano gli anni più sono…

12 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top