Benjamin Finger / Mia Zabelka / John Hegre – Live at Rewire 2018 (Never Anything, 2019)

Ancora un’occasione per apprezzare il gioco di contrasti e la ricerca linguistica di Benjamin Finger di cui già avevamo potuto godere nell’interessante Pleasure-Voltage, coadiuvato da James Plotkin e Mia Zabelka. Ora la Never Anything propone in cassetta il live al Rewire festival di Hague dell’aprile 2018, ma in questo caso, oltre al violino e agli oggetti alieni della Zabelka, troviamo, invece di Plotkin, John Hegre (chitarra e live elctronics), musicista norvegese di lungo corso coinvolto in una quantità infinita di collaborazioni e progetti, come quelli squisitamente noise dei Noxgat e Jazzkammer.
Anche stavolta il focus del suono si muove sintetizzando i contrasti tra una visione glaciale e sinfonica e teorie elegantemente dissonanti che incorporano alterità spaziali e improvvisazioni chitarristiche. Anche se, per la sua fattura live, meno puntuale del lavoro in studio, la ricomposizione delle diverse tensioni risulta molto affascinante. L’interazione mira ad appianare e calibrare la stratificazione lenta dei diversi livelli, muovendosi sempre tra una concezione austera del suono e la concretezza materica, concedendo maggiore campo all’improvvisazione all’interno delle dilatazioni più estese.
Così la prima parte della sessione segna il punto esponendo in maniera ragionata la filosofia di fondo del progetto, concedendo invece alla seconda parte del set la possibilità di esplorare più approfonditamente il suono, ricercando nell’interazione una differenziazione delle dinamiche che convince con un discorso maggiormente brulicante di elettroniche aliene e dissonanze siderali, nel quale studi elettroacustici di droni pulsanti sprofondano in melodie glaciali dal respiro filmico.
Una cassetta che pur non aggiungendo affascina, mettendo in mostra una notevole personalità ed evidenziando quelle basi concettuali che, oltre all’aver generato un gran bel lavoro in studio, risultano piuttosto efficaci anche dal vivo.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bemydelay – Hazy Lights (Boring Machines, 2013)

Dopo le atmosfere eteree e la chitarra in loop di To The Other Side, torna Marcella Riccardi (già in Franklin…

17 Apr 2013 Reviews

Read more

Dyskinesia - L'Ultimo Giorno (Centre Of Warm/Frohike/Creative Fields, 2008)

In tutta onestà sulle prime avevo un po' snobbato i Dyskinesia, credendo si trattasse del solito combo hardcore che si…

19 Jun 2010 Reviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Body Bag Redemption/Anti-Bodies - Split (O'style, 2011)

Ritorna il malefico reverendo Andrea Valentini, vecchia conoscenza di noi sodapoppari come di chiunque si fregi di conoscere i…

17 Nov 2011 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti - Buone Notizie (Bosco, 2011)

Gradito ritorno di Paolo Spaccamonti dopo un gradevole esordio che aveva lasciato ottime impressioni. La semplicità si conferma una delle…

04 May 2011 Reviews

Read more

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Lite - Illuminate (Transduction, 2010)

Il perché la Transduction sia così ossessionata dai gruppi post/math-rock giapponesi mi è oscuro, resta che il livello tecnico e…

13 Oct 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi – Annulled By Inertia (Diazepam, 2014)

È arduo seguire la copiosa discografia di Simon Balestrazzi che si divide fra diversi nomi (Kirlian Camera, TAC, Dream Weapon…

17 Feb 2015 Reviews

Read more

Naked On The Vague - Sad Sun (Sabbatical, 2007)

Non è ancora stato tutto ispezionato il bottino che il nostro webmaster ha riportato dalla vacanza australiana di fine 2008…

30 Jun 2009 Reviews

Read more

The Poison Arrows - First Class, And Forever (File Thirteen,…

Bastano pochi istanti per riconoscere la voce, per me inconfondibile, di Justin Sinkovich, a suo tempo frontman degli Atombombpocketknife, autori…

05 Oct 2009 Reviews

Read more

Andrea Rottin - Songs About Nightmares (Madcap Collective, 2008)

La Madcap continua imperturbabilmente nel suo percorso all'insegna del folk, per dirla tutta: dell'indie-folk. Anche questo disco firmato Andrea Rottin…

27 Jan 2008 Reviews

Read more

Compoundead – Cutting Your Certainty (Sincope, 2012)

Texture di grigi su nero sgranate, attraversate da linee e graffi, sporcate da macchie circolari. Cutting Your Certainty potremmo recensirlo…

22 Feb 2013 Reviews

Read more

Futeisha – Dannato (Old Bicycle/ Brigadisco, 2014)

Sempre alla ricerca di nuove strade e con l’evidente esigenza di non farsi incasellare in un suono o in un…

25 Jul 2014 Reviews

Read more

Space Aliens From Outer Space – Nebulosity (Escape From Today/Cheap…

Fin dalle prime battute del quarto lavoro gli Space Aliens From Outer Space ritroviamo tutto quanto del progetto torinese apprezzavamo:…

25 Apr 2019 Reviews

Read more

Modotti - Migranti (Upupa/Fooltribe, 2012)

I tre Modotti suonano come se fossero nati a washington e invece vivono in provincia di Ferrara dalle parti del…

04 Apr 2012 Reviews

Read more

?Alos - Ricamatrici (Bar La Muerte, 2009)

Riparte nella seconda metà del duemilanove la Bar La Muerte di Bruno Dorella, dopo un "intoppo" tragicomico per una storia…

02 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top