Ben Frost’s Music For Six Guitars – 15/09/12 Stazione Centrale (Milano)

Il festival MiTo regala sempre qualche ragione per spingersi verso Milano, cosa che altrimenti faccio malvolentieri. Stavolta l’occasione è rappresentata dalla performance Music For Six Guitars, messa in piedi da Ben Frost in compagnia di un sestetto d’ottoni e di sei chitarristi reclutati per l’occasione. Sono della partita Beatrice Antolini, Alberto Boccardi, Con_cetta (al secolo Giuseppe Cordaro), Shahzad Ismaily (Evangelista, John Zorn, Bonnie Prince Billy), Daniel Rejmer (da tempo collaboratore di Frost) e Jukka Reverberi (Giardini di Mirò, Bastion). Teatro dell’esibizione è la Galleria delle Carrozze della rinnovata Stazione Centrale.
Questo spazio altro non è che il grande atrio che dalle rampe della metropolitana porta verso piazza Quattro Novembre, per l’occasione chiuso da transenne e allestito con una pedana rettangolare, un banco mixer, una serie di casse disposte lungo il perimetro di un’ellissi e puntate verso l’interno, dove sono altre quattro pedane, più piccole. In mancanza di punti di riferimento chiari (dove si metteranno i chitarristi? Dove deve stare la gente?) il pubblico che comincia ad affluire si piazza prima sulle pedane e, esaurite quelle, in piedi, riempiendo quasi completamente l’area circoscritta da cavi e amplificatori. Il grande orologio music_for_6_guitars_-_1illuminato che sovrasta lo spazio scandisci minuti di ritardo rispetto all’orario previsto e questa attesa accentua il senso di spaesamento; l’impressione, così chiusi in uno spazio ben preciso e in qualche modo accerchiati, è quella dell’essere in attesa di un’esecuzione. Poi finalmente, poco prima delle 22.30, Ben Frost si posiziona dietro al mixer, la sezione di ottoni si schiera sulla pedana rettangolare, i sei chitarristi fendono la folla, piazzandosi in mezzo alle quattro pedane e cominciano a suonare: ognuno un accordo diverso, che ripeterà per tutta la durata del set. L’uomo alla consolle orchestra il tutto, dando voce a questo o a quello (o più spesso a tutti contemporaneamente), aggiungendo qualche suono elettronico, una manciata di battiti molto doom e facendo intervenire, con parsimonia, i fiati a punteggiare alcuni passaggi. Ne esce una lunga suite, che che lega noise chitarristico, drone, ambient e frammenti da colonna sonora senza soluzione di continuità. Questa tuttavia è solo la fredda cronaca, all’insegna di un’impossibile oggettività: la cosa particolare è che qui, stasera, nessuno ha sentito lo stesso concerto. Con ognuna delle casse che manda un suono diverso, che cambia volume o di colpo viene zittita, a seconda di dove ci si è messi si sarà assistito a qualcosa di particolare: i più vicini avranno ascoltato il suono delle chitarre afone che suonavano a volume zero, altri gli ottoni praticamente senza bisogno di amplificazione, qualcuno i battiti elettronici come se gli risuonassero in pancia. Iinfine, i più intraprendenti avranno mixato il proprio personalissimo concerto percorrendo lo spazio, dentro e fuori dal perimetro: un punto di ascolto privilegiato non c’era music_for_6_guitars_-_2comunque, tanto valeva scompaginare le carte. L’idea era ispirata, come dichiarato dalla presentazione, da Music For 18 Musicians di Steve Reich, ma il risultato è quanto meno intellettualistico e più fisico ci possa essere; anzi, direi che il risultato è stato assolutamente punk, se non fosse che stasera si è distanziata di parecchie lunghezze la retorica dell’indifferenziazione fra artista e pubblico. È significativo, ad esempio, che ai musicisti non fosse richiesta nessuna particolare dote tecnica, semmai concentrazione e resistenza fisica: ognuno ha poi interpretato la cosa secondo la propria indole, chi con impassibilità (Ismaily), chi con veemenza (Reverberi), chi con rilassatezza (Antolini, Boccardi e Rejmer), chi con sudore e… sangue (Con_cetta, che si grattugia i polpastrelli sulle corde). Chi ha percepito maggiormente, forse anche inconsciamente, la punkitudine della cosa, è comunque stato il pubblico, che ha vissuto sulla propria pelle (e orecchie) questa esperienza straniante. Con lo spazio scenico annullato, senza zone interdette (alcuni staranno a fianco e alla spalle di Ben Frost per tutto il tempo), senza un punto focale a cui rivolgersi, molti si sono accalcati intorno ai chitarristi, quasi a cercare qualcosa di rassicurante, ma altri vanno e vengono, si accostano alle casse, vagano e parlottano (e per una volta la cosa non disturba, visti i volumi parecchio alti): l’aria che si respira è quella di una certa libertà e di un divertito spaesamento. È in definitiva un’esperienza che non dà nulla di quelle che ci si attendeva (ma cosa ci si poteva attendere?) e che al di là che sia piaciuta o meno, non ha lasciato indifferenti, ma semmai salutarmente frastornati, se è vero che passano parecchi secondi prima che ci si renda conto che il silenzio che regna da un po’ vuol dire “è tutto finito”, e si può finalmente applaudire.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kelvin/Speedy Peones - Split 10" (MacinaDischi, 2010)

Metallo dal Nordest, almeno per quel che riguarda la confezione delle prime 300 copie di questo 10" (45 rpm e…

07 Jul 2010 Reviews

Read more

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

Rock And The City - La Storia Siamo Noi

Sosteneva Lukàcs che il compito del genio è mettere ordine tra le cose, che per deduzione equivale a dire che…

10 Feb 2007 Articles

Read more

Kubark – Ulysses (Autoprodotto, 2011)

Con questo secondo EP, che segue l'omonimo Kubark del 2009, il quartetto si spoglia degli influssi delle band che li…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Fabio Orsi/My Cat Is An Alien - For Alan Lomax…

Alan Lomax, ovunque ora si trovi, sarà felice di questo disco tributo dato che raggruppa una vera spremuta di buon…

02 Apr 2007 Reviews

Read more

Pecksniff - The Book Of Stanley Creep (Black Candy, 2004)

Disclaimer: questa NON è la recensione del nuovo disco dei Pecksniff!! Là dove guizzano le trote immaginarie dei nostri sogni…

13 Sep 2006 Reviews

Read more

Turnstile - Nonstop Feeling (Reaper, 2015)

Per tutti voi che amate le sonorità più muscolari e il groove pesante potrebbe essere arrivato uno dei dischi…

04 Mar 2015 Reviews

Read more

Adamennon - Nero (Autoprodotto, 2011)

Torna con un nuovo album, dalla sua dimora persa nell’Appennino tosco-emiliano, il musicista che si cela dietro al nome di…

16 Sep 2011 Reviews

Read more

Orion - Builders Of The Cosmos (Taxi Driver/Brigante 2016)

Riffs belli cicciosi alla Conan, immaginario cosmologico di attribuzione vagamente pagana e cantato tra Kyuss e Hermano. Il gioco è…

14 Oct 2016 Reviews

Read more

Robert Lowe: la natura psichica dei licheni

Robert Lowe è recentemente assurto a una pur relativa notorietà grazie alla vicinanza con le doom star Om. In realtà…

27 Oct 2012 Interviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 33 (11/06/15)

Puntata numero trentatre della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo in un episodio dedicato ai loro chitarristi…

14 Jun 2015 Podcasts

Read more

Giovanni Dal Monte - Anestetico Vol. 1 (Neolitico) & Anestetico…

Il suono, una volta create, prende forme sorprendenti e plasmabili. Non sorprende quindi la scelta di Giovanni Dal Monte di…

28 Jun 2022 Reviews

Read more

Pan del Diavolo - 23/08/09 Festa Di Radio Onda D'Urto…

Se il valente Giorcelli, con gentile signora, si sobbarca i quasi 400 chilometri che dividono Brescia dalle spiagge della…

24 Sep 2009 Live

Read more

Acid Baby Jesus - Selected Recordings (Slovenly, 2014)

Interessantissima seconda uscita per questa bizzarra formazione greca che all'occasione si è rifugiata in un'isoletta dell' Egeo al fin di…

27 Jan 2015 Reviews

Read more

Luciano Maggiore & Francesco Fuzz Brasini - How To Increase…

Eravamo stati fra i pochi, lo scorso anno, a non entusiasmarci per l'esordio di Luciano Maggiore e Francesco Brasini: fra…

04 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top