Battles – Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno, moltiplicando il già complicato set up della band, è a dir poco esemplificativo dell'attitudine messa in campo: moltiplicare gli stimoli uditivi, tra trick d'esperienza e sperimentazioni per allodole. Parlo, sinceramente, da figlio rincretinito e cresciuto/educato esattamente da tutte le singoli parti che compongono il melange dei Battles.
Come in tutti i generi, sottogeneri, sottovuoti, sottocoppo e sottotegola, ci sono dischi che ne definiscono le seguenti tracce guida. Di solito escono prima della massa dei pedissequi ripropositori. Ci sono altri dischi che, invece, ne sanciscono la fine, la morte cerebrale; ovviamente escono, con un colpo di coda, quando il genere è bello ed esaurito. La figata di questo disco dei Battles è che riesce ad essere entrambe le questioni contemporaneamente. 
Il classico bignami che contempla il capitolo tecnica quasi prog, invenzioni avant, ritmo tribale percussivo, chitarroni matematici e tastiere electro. Cosa chiedere di più?  
Fin qui non ho usato neanche una volta il termine post: perchè, secondo me, qui di post proprio non ce n'è. La qualità della produzione sta si al pari con certi richiami del giro di Chicago, penso soprattutto ai remix più danzabili, ma mi vengono in mente più decisamente le bordate di ignoranza dei Trans AM, piuttosto che quel mezzo capolavoro di stupidità krauta che era il pezzo a molte mani Fuxa + Add N To X. Menzione ovvia alle schitarrate nevrotiche riaccordate in chiave pop e ai sospiri da Disco70 filtrati e resi ancor più sofferenti. Che poi, per comodità di catalogazione, vada a finire proprio in quel calderone mi sembra più che opinabile. Ribadisco, la somma dei frammenti sembra che chiuda il discorso post e ne apra un'altro. Sarebbe forse il caso di dargli un nome più nuovo e consono… Anche se forse non è un capolavoro, l'intensità dinamica presente ne fa sicuramente un gran bel lavoro; se non altro arriva a giocarsela alla pari con lo split !!!/Out Hud di qualche anno fa o Standards dei Tortoise come disco di musica ballabile intelligente del decennio. 
Certo, non si può cantare sotto la doccia. E fra quarant'anni non si faranno commemorazioni per la sua uscita. Ma almeno per i prossimi sei mesi lasciateci pensare di avere per le mani qualcosa di veramente nuovo e veramente buono: alla fin fine allo specchietto dei Battles ci abbiamo abboccato in pieno.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Toro Y Moi – Underneath The Pine (Carpark, 2011)

Ieri pomeriggio, approfittando del sole che ha rifatto capolino dopo tre giorni di pioggia più o meno intensa, mi sono…

02 Apr 2011 Reviews

Read more

Mombu – Zombi (Subsound, 2012)

Non si tratta del nuovo lavoro dei Mombu, bensì dell'edizione vinilica (con accluso CD) dell'album dello scorso anno, opportunamente rivisto…

15 Nov 2012 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Neptune - Gong Lake (Table Of Elements, 2008)

Attivi addirittura dal 1994, i Neptune si dice stupiscano  per le loro performance dal vivo. Se, come me, non li…

20 Mar 2009 Reviews

Read more

Loobiecore, ovvero dell'essere un perdente di successo.

Mi sono sempre concentrato, forse un po' morbosamente, su Lou Barlow. Non fraintendiamo, non sono ai livelli di D. Chapman…

23 May 2015 Articles

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

Mamuthones – More Alien Than Aliens (Boring Machines/Corpoc, 2013)

Ne è passato di tempo dall'ultima uscita discografica dei Mamuthones e le esibizioni a cui abbiamo assistito nel corso di…

03 Jan 2014 Reviews

Read more

Masoko - Bubu'7te (Snowdonia, 2006)

Se non avessi dei chiari preconcetti sui rigidi preconcetti dei signori padroni di Snowdonia, svilirei l'annessione dei Masoko nei propri…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.6

No, non è il caldo ad averci dato alla testa. L'ultima puntata della stagione è un mix di poesia aulica,…

08 Jun 2010 Podcasts

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more

Silvia Cignoli - The Wharmerall (Pitch The Noise, 2020)

Raffinata elettronica ascensionale per il debutto solista di questo enfant prodige milanese. A nostro insindacabile giudizio siamo al cospetto di…

05 May 2020 Reviews

Read more

Adamennon/Altaj – Turiya (Boring Machines, 2015)

Grande è la confusione sotto il cielo oggi che, per avere il patentino di magus della psichedelia occulta – almeno…

11 Sep 2015 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top