Balestrazzi, Eastley, Olla, Z’EV – Floating Signal (TiConZero, 2009)

Andando oltre le decine di migliaia di speculazioni che si possono fare sulla musica sperimentale, le performance e sull’improvvisazione, in generale esse soffrono di due principali difetti: risultare onanistiche allo sfinimento, facendo sì che qualche buona intuizione si perda in un discorso auto-referenziale, oppure può succedere che la ricerca di darsi un tono ed un rigore (spesso innaturale) renda il tutto poco espressivo, portando a lavori di una noia mortale. Per fortuna Floating Signal, collaborazione fra Simon Balestrazzi (già Kirlian Camera), Max Eastley, Alessandro Olla e Z’EV non appartiene a nessuna delle due categorie, infatti queste tracce da performance fra post-industriale e contemporanea vanno a segno, sono interessanti ma allo stesso tempo non annoiano a morte chi le ascolta, anzi.
Ovviamente non stiamo parlando di un disco alla portata di tutti, si tratta pur sempre di musicisti che bene o male gravitano attorno all’ambito dell’avanguardia “plumbea”, ma resta che seguendo una serie di atmosfere ed un canovaccio ideale ed allo stesso tempo muovendosi in un equilibrio di gruppo molto forte, avvolgono senza schiacciare. Il lavoro di editing e di post produzione non ha sicuramente un ruolo secondario, infatti il cd è così equilibrato da sembrare ben lungi dalla performance in real-time, ciò non toglie che il contenuto e quindi la materia grezza sono roba di prima qualità, tanto che credo sia un peccato non avere nessun immagine della sessione. Il suono globale risulta molto greve, ma nonostante tutto è più vicino alla musica contemporanea o alle colonne sonore di certi lavori di danza (contemporanea per l’appunto) e di teatro che non ai lavori passati di alcuni dei partecipanti. Credo sia anche piuttosto interessante notare che nonostante la serietà tutta europea del lavoro, certe percussioni ed un taglio globale dei pezzi dimostri come la musica “seria” europea di metà del Novecento sia imbastardita di parecchie cose fra cui la musica giapponese. Un lavoro perso fra riverberi distanti, lamiere appena accarezzate, grigio-neri e nebbia che avanzano, sibili distanti. Un bellissimo cd: “E’ il tempo che scorre lungo i bordi”.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Airchamber 3 - Peripheral (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Tornano gli alessandrini Airchamber 3, dopo l'esordio su Amirani di ormai qualche anno fa: il loro suono si è nel…

16 Dec 2013 Reviews

Read more

Io Monade Stanca - In The Thermi Table (Canalese Noise,…

La provincia di Cuneo riserva sempre qualche bella sorpresa alle mie orecchie. Gli Io Monade Stanca propongono un rock storto…

13 Apr 2009 Reviews

Read more

Ronin – Fenice (Audioglobe/Tannen, 2012)

Riprende la saga dei Ronin, senza un cambio vero e proprio, ma con un lavorio incessante verso uno stile che…

21 Mar 2012 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Luigi Porto - Scimmie (Snowdonia, 2014)

Gradevole colonna sonora tratta da un film di Romano Scavolini (L' Apocalisse Delle Scimmie) che speriamo un giorno di avere…

14 Jan 2015 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Suz - Hiatus (Springstoff, 2022)

Funghi dalle cui spore spunta una voce trattata, quella di Susanna La Polla De Giovanni aka Suz, che poco tempo…

27 Sep 2022 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Ur/Iron Molar – Split CD (Fucking Clinica/Alampo/Locust Swarm, 2009)

Si incrociano, in questo CD, due delle più prolifiche realtà del sottobosco industrial/ambient nostrano, accomunate tra l'altro da radici che…

25 Jan 2010 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Sdang! - Il Giorno Delle Altalene (Autoprodotto, 2015)

Seppur nascendo come side project della band dei fratelli Giuradei, gli Sdang! (Alessandro Pedretti e Nicola Panteghini) superano di gran…

19 Feb 2016 Reviews

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Petrolio / Mademoiselle Bistouri - Playing With Aliens / Ass…

L'instancabie etichetta svizzera continua a produrre e a contaminare il mercato indipendente con elettronica alquanto trasversale e alcuni tra gli…

08 Jan 2019 Reviews

Read more

Sebadoh - Secret EP (Autoprodotto, 2012)

Anche se sono stati tra le mie band favorite in assoluto, consideravo i Sebadoh dopo 13 anni di ibernazione un…

04 Sep 2012 Reviews

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more

Trax - Notterossa/Rednight (Smallvoices, 2008)

Oggi da parte di molti rockettari si è risvegliato un interesse per la musica elettronica più rumorosa ed estrema, portando…

22 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top