Aucan + Cheap Orchestra – 27/03/10 Interzona (Verona)

Non è molto che abbiamo avuto occasione di parlare degli Aucan dal vivo: circa otto mesi, solitamente insufficienti a registrare cambiamenti che non siano canzoni riarrangiate o variazioni della scaletta. Qui si tratta però di un gruppo che si muove alla velocità della luce e già stasera alcuni interrogativi che ponevo nella recensione dell'EP Dna, uscito il mese scorso, iniziano a trovare risposta. Riparliamone, dunque. L'Interzona va riempiendosi lentamente, pur come d'uso e quando sale sul palco la Cheap Orchestra (membri di Hell Demonio e The Ritual in formazione) si arriva si e no alle trenta persone. L'ambito è quello bazzicato dai Calexico (un abbinamento che, visto il gruppo che seguirà, ci sta come il cazzo sui maccheroni, tanto per citare i Men's Recovery Project) e dopo dieci minuti piacevoli si sprofonda nella noia, colpa anche di un genere in cui non so davvero cosa di nuovo si possa ancora dire. Quando arrivano gli Aucan il ricambio del pubblico è quasi totale. Scura ambient di sottofondo, fumo che invade il palco, proiezioni di reticolati geometrici e codici numerici (un po' scontate le grafiche matrixiane però), accompagnano il gruppo mentre prende posizione, una cura dell'immagine rara e che suggerisce un che di ritualistico, facendo subito capire come nulla sia è lasciato aucan2_iz_2010al caso. Poi è l'elettronica da impossessarsi della scena, ben al di là di quanto la recente produzione in studio facesse supporre: la batteria, di precisione robotica, è pesantemente triggerata, le chitarre sono poche e irriconoscibili, di contro c'è l'impatto delle tastiere, quanto mai fisico e la voce, più presente rispetto all'EP ma con una vena sloganistica là assente. Certo la loro dimensione è sempre stata quella live, ma stasera non si tratta solo di questo, a colpire è l'assistere a una mutazione in corso d'opera di una band che coscientemente verifica dal vivo gli effetti dell'innesto dell'inorganico sull'organico. Le canzoni conosciute, anche le più recenti, sono in continua mutazione, quelle nuove vanno trovando una forma assai più convincente rispetto alle prove precedenti lungo i percorsi che la band ora predilige; basti dire che è fra quest'ultime che troviamo il pezzo migliore del set: ritmo irregolare e tastiere violentate; delle chitarre non c'è traccia. Si ha la sensazione che la platea possa trasformarsi in una pista da ballo da un momento all'altro e in effetti mai come oggi la sala concerti e la discoteca dell'Interzona sono apparse così contigue. Gli Aucan di stasera sono un soundsystem bioelettronico prossimo alle interazioni neuro-tecnologiche dell'eXistenZ cronenberghiano, che ci restituisce tutta l'urgenza e l'entusiasmo che la band sta vivendo: fermarli non sarà facile. Ad aprile si registra materiale nuovo, a Maggio tour europeo; poi il Giappone.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bonnie "Prince" Billy - Lie Down In The Light (Drag…

One. Two. Three. Four. Sussurrato a battere il tempo. Come il cigolio notturno di un cancello, Un'apertura profetica. Un qualcosa…

15 Sep 2008 Reviews

Read more

The Caretaker – Patience (After Sebald) (History Always Favours…

Album ambizioso a nome The Caretaker, ovvero Leyland James Kirby. In un attimo Patience ti conduce ti trasporta in…

27 Aug 2012 Reviews

Read more

Aids Wolf Vs Athletic Automaton - Clash Of The Life-Force…

Mentre esce il nuovo disco dei Chinese Stars (tra poco da queste parti), su Skin Graft ci ricordano che, senza…

27 Mar 2007 Reviews

Read more

Barnacles - Air Skin Digger (ADN, 2018)

Torna Matteo Uggeri con la sua creatura Barnacles, che al secondo disco sulla lunga distanza cresce e mette a fuoco…

24 May 2018 Reviews

Read more

Globoscuro - Research (Farfromshowbiz, 2007)

Nonostante il nostro personal cumenda, nonchè gran capo, nonchè "gran figl di putt", nonchè "el duce" supremo di Sodapop mi…

03 May 2008 Reviews

Read more

Testing Vault - The Living, The Dead, The Sleepers And…

Mi risparmio dal contare le uscite di Testing Vault per dirvi a che numero ordinale corrisponda questa (se volete, c’è…

05 Aug 2022 Reviews

Read more

Vonneumann - Switch Parmenide (Homemade Avantgarde, 2006)

Ci avviciniamo con colpevole ritardo a questo disco dei Vonneumann uscito ormai due anni fa, tanto che, da quanto apprendo…

16 Apr 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 32 (04/06/15)

Puntata numero trentadue della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta al fulmicotone tra rock…

07 Jun 2015 Podcasts

Read more

Saffronkeira - A New Life (Denovali, 2012)

Saffronkeira è un disco che lambisce diversi territori sonori con gusto e ottime doti tecniche: questo A New Life è…

30 Nov 2012 Reviews

Read more

The Mainliners - Dead Man's Hall/Daughter Of Dimes 7" (Crusher,…

Una seratina che è lì-lì per iniziare, buio fuori, gli anfibi che per qualche motivo restano addosso, la cintura borchiata…

18 Jan 2007 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

Reflue - A collective Dream (Shyrec, 2006)

Superpop anglofono di quello in stile Homesleep di poco tempo fa tanto per intenderci, ora la Homesleep ha fatto scuola?…

16 Oct 2006 Reviews

Read more

Sebastiano Carghini – Tpeso (Kohlhaas, 2017)

Ci informa il comunicato stampa che la ricerca di Sebastiano Carghini – musicista italiano di stanza in Olanda – è…

20 Dec 2017 Reviews

Read more

Ufomammut - Eve (Supernaturalcat, 2010)

Fa piacere sentire che i più famosi stoner di Tortona non si siano scoraggiati alle soglie del quinto album, ma…

01 Jun 2010 Reviews

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top