Attilio Novellino – Strängar (Forwind, 2020)

Sicuramente per un musicista come Attilio Novellino l’aggettivo “poliedrico” non è usato a sproposito: da lui non si sa mai cosa aspettarsi; è sufficiente, per rendersene conto, dare un’occhiata in quali vesti e con quanti progetti lo abbiamo recensito su queste pagine nel corso degli anni.  Detto questo, anche se di Strängar avessimo saputo tutto in anticipo l’impatto non sarebbe stato minore. Registrato sull’asse Stoccolma – Catanzaro usando come fonte principale il pianoforte (sono sue le strängar/corde del titolo), ma anche organo, sintetizzatori, harmonium, percussioni ed elettronica, è un disco al quale il termine “elettroacustica” va decisamente stretto perché, se dal punto di vista analitico descrive correttamente la tipologia degli strumenti coinvolti, è incapace di rendere a livello emozionale quanto si ascolta in queste quattro tracce. Fatta piazza pulita dell’eccessiva concettualità che, non di rado, appesantisce l’ascolto di lavori simili, Novellino si concentra sulla costruzione di una musica capace di creare profonde suggestioni e indicare percorsi lungo cui avventurarsi: il piano, suonato spesso in maniera “impropria”, si trasfigura dando voce a profondi paesaggi interiori mentre gli altri strumenti sembrano raccogliere e armonizzare il suono e il rumore del mondo circostante. La malinconia squarciata da attimi di estasi di Strängar I, una Strängar II prima febbrile e poi trasognante e le ultime due composizioni, più ombrose, drammatiche e rumorose, splendide nel far trasparire la poesia fra le coltri scure, gettano il germe di un moderno folk strumentale, lontanissimo dalla forma canzone ma vicino all’anima di chi ascolta. È musica intensa e di grande varietà espressiva che, anche quando sembra stratificarsi in rarefatte coltri ambientali, non assume mai quel senso indefinito e vacuo a cui spesso il genere tende. Strängar è un lavoro lucido e ispirato che convivere un’idea musicale forte con l’esigenza di utilizzare un linguaggio contemporaneo e nello stesso tempo comunicativo: merce rara.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Giulio Aldinucci - Spazio Sacro (Time Released Sound, 2015)

Giulio Aldinucci già da qualche anno produce musica tra il field recordings e l'elettronica ambientale e ultimamente è molto attivo:…

16 Mar 2016 Reviews

Read more

Rue Royale - Remedies Ahead (Sinnbus, 2013)

Il duo anglo-americano Rue Royale, coppia anche nella vita, con Remedies Ahead è al suo terzo lavoro prodotto attraverso una…

16 Jan 2014 Reviews

Read more

Intervista ai Giuda

Street rock and roll al fulmicotone antemico e ballabilissimo. Come già suggerito in sede di recensione l'esordio a trentatré…

28 Nov 2011 Interviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Neunau – S/T (Parachute, 2016)

Il 12” d’esordio di Neunau è il punto d’arrivo d’un lungo percorso di studio (ma si potrebbe dire di vita)…

02 Sep 2016 Reviews

Read more

Yuk! Interventi a cadenza casuale e necessaria numero 2 -…

Bene. Dopo la sbrodolata sul footwork, posso a passare a qualcosa di completamente differente. Dj Final Trip (un nome -…

29 Sep 2012 Articles

Read more

Polaris - s/t (Gringo, 2006)

Siamo degli ignoranti. Sappiamo tutto e rimaniamo degli ignoranti. Per qualche strana ragione qui da noi siamo obbligati a conoscere…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

I/O - Polytone (Fratto9 Under The Sky/Ebria, 2007)

Puzza di piccolo gioiello questo disco nuovo degli I/O, ma detto fuori dai denti, non credo che ci volesse molto…

30 Mar 2007 Reviews

Read more

ElectroAcousticSilence - Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo…

30 Jun 2010 Reviews

Read more

Various Artists - Albascura: A Descent Into The Blasco Lungs…

Quando ho saputo di Albascura della Asbestos, non ho di certo accolto con entusiasmo la notizia. Certo l’etichetta ci ha…

07 Oct 2019 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 15 (29/01/15)

Per la puntata numero quindici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Guido "Bisa"…

02 Feb 2015 Podcasts

Read more

Luminance Ratio - Reverie (Bocian, 2013)

Dopo avere ben rodato la formazione con le attività sia in studio che dal vivo, il quartetto dei Luminance Ratio…

13 Feb 2014 Reviews

Read more

Nuno Moita/Matteo Uggeri - Bathala (Old Bicycle, 2013)

Provate a prendere il vostro registratore digitale o a cassette o minidisk che sia, e andare in giro a registrare…

07 Apr 2014 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Shonen Knife – Pop Tune (Damnably, 2012)

"Quando le vidi la prima volta dal vivo, mi trasformai in una isterica ragazzina ad un concerto dei Beatles". Queste…

12 Sep 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top