Aquarian – S/T (Dufresne, 2006)

A distanza di breve tempo dalla recensione dello split Dot(.) Mathians la Dufresne ha fatto uscire una versione limitata di Aquarian, un progetto che credo coinvolga come unico membro Stefano Albanese, che in precedenza oltre ad aver militato nei Mathians ha fatto parte dei Fog In The Shell. A scanso di equivoci va premesso che Aquarian ha ben poco a che fare con entrambi i progetti più "rock" del novarese, ma che allo stesso tempo potrebbe essere una buon compromesso fra la psichedelia hard dei Mathians e la melodia dei Fog in the Shell. Il fatto che grazie a Southern Lord, Hydra Head ed anche Ipecac finalmente siano stati recuperati dei pezzi “de core” come Broadrick, Harris, Kevin Martin e soprattutto James Plotkin (quest'ultimo a dire il vero non è mai sparito, semplicemente dev'essere stato risucchiato in un'altra dimensione… anzi, diciamo che c'è caduto dentro e c'è rimasto) ha dato il via ad una progenie di "avant rocker", "post-punker", "filo-stoner" e "industrialisti" deviati che più o meno volontariamente ne hanno seguito le orme. Ed Aquarian nella vasca, soprattutto quella di Broadrick ci annega: il gusto psychedelico e sabbathiano è tutto quello del fondatore dei Godflesh ed oltre a questi (che a dire il vero vengono citati solo sporadicamente) direi più che del buon vecchio Justin ritornano alla mente alcune cose soliste oppure buona parte delle sue opere come Final o altri progetti paralleli. Elettronica quindi? Nì, più che altro direi quello che nei Novanta si era tentato di infilare sotto il cappello dell'isolazionismo (ricordate la doppia compilation su Virgin con "TUTTI"?). Drones p-ossesivi ed allucinogeni, qualche chitarra acustica o completamente “downtuned”, flanger a cascata e fruscio soft che decora quei sibili che sembrano andare avanti in eterno. Se questa era una delle possibili evoluzioni di "piccoli punk che crescono", ben venga! Le ingenuità ci sono anche, la produzione è buona anche se forse un mastering ben fatto poteva patinare il tutto a pennello, ma di gusto ce n'è parecchio. In un momento in cui sotto l'egida del drone viene recuperato di tutto (spesso senza nemmeno saperlo), se Broadrick può riaggiornare Selfless rendendolo indie e chiamandolo Jesu, se i Wolf Eyes possono far eccitare i "dandy" dissotterando scorie industriali/power noise di parecchi anni fa, allora perchè non anche Aquarian? Ancora ruvido ma un buon disco.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Grand Drifter - Only Child (Subjangle/Sciopero, 2021)

Un saluto fugace via messenger. Una risposta. Dopo 14 mesi un messaggio per propormi l’ascolto di un singolo, ringraziandomi poi per averlo…

22 Dec 2021 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 8 (27/11/14)

Ottava puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta da soli per la defezione dell'ospite,…

01 Dec 2014 Podcasts

Read more

Father Murphy – 13/04/12 Agorà Del Polaresco (Bergamo)

Se avete letto la recensione del nuovo album dei Father Murphy, potrete capire che l'occasione di vederli dal vivo a…

27 Apr 2012 Live

Read more

The Verge Of Ruin – Learn To Love Solitude (Setola…

Si presenta con un titolo bellissimo l’esordio di The Verge Of Ruin - duo che mette insieme le esperienze di…

14 Mar 2018 Reviews

Read more

Napalm Death - Smear Campaign (Century Media/EMI, 2006)

Ancora veterani. Suppongo che suonare Grind/Death sulla soglia dei quaranta ti faccia vivere una quotidianità piuttosto normale, forse più o…

29 Nov 2006 Reviews

Read more

Hexn - YY (Zen Hex, 2018)

Onestamente le primo uscite di Hexn, al secolo Alberto Brunello, non avevano destato in me particolare interesse: si accodavano al…

08 May 2018 Reviews

Read more

Palkosceniko Al Neon - Disordine Nuovo (BJS/Box Populi, 2010)

Ritorna il crossover romano dei Palkosceniko Al Neon che, dal precedente lavoro, sono cresciuti in maturità e consapevolezza personale:…

16 Oct 2010 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - A Merry Christmas (Autoprodotto, 2006)

Bellissime grafiche e tessiture strumentali ipnotiche opportunamente sporcate da impeti di batteria e da una foga non comuni. L'Uomo Di…

07 Jun 2007 Reviews

Read more

Moodring – Scared Of Ferret (Silber, 2009)

Gruppo nato da una delle costole degli americani Rollerball (l'ennesimo; D'Annunzio, fosse vivo, creperebbe d'invidia) i Moodring schierano i veterani…

25 Nov 2009 Reviews

Read more

Mombu + Monsieur Gustavo Biscotti – 25/03/11 Arci Tom (Mantova)

Dopo aver apprezzato il disco stavo tenendo d'occhio le date del duo composto da Luca Mai (Zu) e Antonio Zitarelli…

29 Mar 2011 Live

Read more

X Congresso Post Industriale – 31/10/2015 Kindergarten (Bologna)

Non si poteva mancare quest’anno Al Congresso Post Industriale che la Old Europa Cafè organizza per al decima volta e…

11 Nov 2015 Live

Read more

Woods - Songs Of Shame (Woodsist, 2009)

Piccoli grandi album ogni tanto spuntano fuori, specie in questo terribile 2009 di crisi. Quei dischi fatti con poco, piccoli…

21 Jul 2009 Reviews

Read more

Antonello Cresti - Lucifer Over London (Aereostella, 2010)

Sarebbe ahimè troppo sostenere che questo libro, dall'eloquente sottotitolo di "Industrial, folk apocalittico e controculture radicali in Inghilterra", vada a…

15 Oct 2010 Reviews

Read more

Stefan Fraunberger - Quellgeister #1 (Chmafu Nocords, 2014)

Questo disco parte dall'idea di Stefan Fraunberger di andare a suonare un vecchio organo in una vecchia chiesa al centro…

27 May 2014 Reviews

Read more

Ronin – Fenice (Audioglobe/Tannen, 2012)

Riprende la saga dei Ronin, senza un cambio vero e proprio, ma con un lavorio incessante verso uno stile che…

21 Mar 2012 Reviews

Read more

Iceburn/Ascend/Eagle Twin: la poetica del ghiaccio e del fuoco di…

Gentry Densley ha rappresentato, nel circuito hardcore degli anni '90, una figura di assoluto rilievo, che ha contribuito a ridefinire…

05 Mar 2012 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top