Anders Vestergaard & Finn Loxbo – Saint Erme (Gikt, 2019)

Continua la collaborazione tra il chitarrista svedese Finn Loxbo e il batterista danese Anders Vestergaard, che già con il precedente The Swirling Colors avevano trovato un loro peculiare modo di esprimersi attraverso il limite della ristrettezza strumentale: una chitarra acustica e un rullante collegato a pochi dispositivi elettronici per generare feedback. Un disco che aveva colpito con la sua particolare intensità introversa ma allo stesso tempo affascinante.
Trovare un reale punto di vista attraverso il quale riuscire a esprimersi vuol dire anche avere il coraggio di percorrerlo fino in fondo, e, in un’ottica realmente sperimentale, vagliarne continuamente limiti e potenzialità. Così anche in questo Saint Erme il duo continua a insistere nella stessa direzione con la volontà di ricercare costantemente attraverso il limite nuove possibilità e tensioni sonore. E il gioco continua a funzionare per la sua grande capacità sottrattiva. Elettroacustica che utilizza intelligentemente il silenzio come tela sulla quale disegnare, attraversandola con momenti più densi con cui gestire l’esecuzione, ma sempre costruendo attraverso la scheletricità dell’interazione un segno vacuo eppure persistente; un costante lavorio sui nervi e sulla dimensione interattiva.
Nella fantasmagoria afona delle timbriche risalta stavolta una maggiore concretezza nella voluta vacuità, una maggiore attenzione compositiva che gestisce il climax con ragionamenti più puntuali senza tuttavia scalfire di un millimetro l’aleatorietà che pervade la composizione. Circostanza forse dovuta al fatto che sia stata commissionata dal Koncertkirken di Copenaghen, occasione che comunque non inficia affatto l’apprezzabile visione di fondo.
Ancora una volta una musica tesa, cupa, che comunica attraverso l’incomunicabilità, ma allo stesso tempo espressiva e coinvolgente. Un discorso non facile, certo, ma che rende l’ascolto molto gratificante.
Un altro bel centro che solletica la curiosità di vedere ulteriori possibili sviluppi.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Konstrukt + Ken Vandermark - Kozmik Bazaar (Karlrecords, 2019)

I Konstrukt continuano nella loro marcia forzata delle collaborazioni, e dopo aver incrociato gli strumenti con artisti come Thurston Moore,…

25 Oct 2019 Reviews

Read more

Zu – 20/08/10 Festa di Radio Onda d’Urto (Brescia)

Riprende la stagione concertistica dopo un'estate trascorsa senza grandi sussulti. Sarà che sono ancora in clima da giorni vacanzieri, ma…

04 Jul 2010 Live

Read more

Eternal Zio + How Much Wood Would A Woodchuck… -…

Torna ciclicamente a farsi vivo il Creassant, con proposte che sfidano il torpore di questa città di provincia, dando un…

19 Mar 2011 Live

Read more

Punk 'n' Rai (seconda parte)

Chi tra i lettori di Sodapop passa i quarant'anni potrebbe ricordare un servizio andato in onda nel novembre del…

20 Apr 2013 Articles

Read more

Nicker Hill Orchestra – All The Different Deaths… And Rebirths…

Il post rock come il progressive italiano alla fine degli anni ’70? Quanto manca prima che, numericamente parlando, gli attuali…

22 Oct 2009 Reviews

Read more

Fight Club – Feedback (Sidi/Tornado Ride/Fucking Clinica/Tropo, 2010)

Infrangiamo la prima regola e parliamo del Fight Club: un terzetto bergamasco dedito a un hardcore sparato senza "se" e…

10 May 2010 Reviews

Read more

Langhorne Slim - S/T (Kemado, 2008)

A tre anni dal precedente When The Sun's Gone Down, a sua volta seguito dell'autoprodotto Slim Pickens, uscito ben nove…

18 Sep 2008 Reviews

Read more

St.Ride - Fuori (Niente, 2014)

Disco numero tredici, se non erro, nella copiosa discografia del duo genovese e primo nel formato doppio album: Fuori infatti…

13 May 2014 Reviews

Read more

Anatrofobia – Canto Fermo (Wallace/Neon Paralleli/Lizard/ADN/Aut, 2020)

Chi l’avrebbe mai detto? Sono tornati gli Anatrofobia, a  13 anni dall’ultima comparsa su un supporto fonografico. Uno iato così…

24 Jul 2020 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Stearica - Oltre (Homeopathic, 2008)

Credo che Oltre possa essere considerato a tutti gli effetti il debutto degli Stearica, nonostante una loro prima apparizione, risalente…

27 Jul 2009 Reviews

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Kubark – Ulysses (Autoprodotto, 2011)

Con questo secondo EP, che segue l'omonimo Kubark del 2009, il quartetto si spoglia degli influssi delle band che li…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Hazardous Waste - Double Penetration (Autoprodotto, 2013)

Ancora loro. Dopo lo sfacelo a tutta velocità del Coche Boogalero dopo solo pochi minuti ritornano gli Hazardous Waste con…

28 May 2013 Reviews

Read more

Jennifer Gentle - The Midnight Room (Sub Pop, 2007)

Bisogna mettere un disclaimer. Subito. Non sono un amante delle sonorità psichedeliche. Non ho un background di Pebbles, Nuggets o…

03 Sep 2007 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top