Alessandro Stefana – Poste E Telegrafi (Important, 2007)

Emiliano recentemente mi ha passato questo cd da recensire e finalmente ho potuto buttare un orecchio su questo ragazzo che recentemente è approdato all’americana Important (Xiu Xiu, Merzbow, Noam Chomsky, Piano Magic tanto per fare dei nomi). Immagino già un bella fascia di rosiconi a domandarsi se sia un raccomandato, se sia un protetto dalla Madonna di Guadalupe o sia un affiliato della mafia del Brenta, ma la realtà è molto più semplice amici rosiconi: è bravo. Se vedendo alcuni folli su Important verrebbe da ipotizzare che ci si trovi di fronte ad un altro matto, si potrebbe rimanere spiazzati di fronte ad indie-rock-blues che cercheremo di inquadrare meglio nel proseguo di questa recensione. Il suono di Alessandro Stefana, a dispetto del titolo che evoca la croce e delizia di chiunque abbia fatto degli acquisti on line, è così americano che "C’era una volta il West, c’è ancora e forse in pellicola ci sarà sempre". Western Soda quindi, più che il titolo d’apertura del disco, è il tema portante di tutto il disco di questo torinese che non è altri che collaboratore di Marco Parente e Capossela, quindi ben distante da nebbia, Fiat e cassaintegrazione, semmai: caldo, Ford e cassaintegrazione (l'unica costante è sempre questa). Un'apertura ed un'idea di disco vicina ad alcune cose degli Yo La Tengo (il cui And Then… è stato dimenticato troppo presto) che però in fin dei conti, a tratti hanno anche tanto di Neil Young ed anche Stefana volente o nolente deve affrontare l'ombra del "grande vecchio". Anche la partecipazione di Marc Ribot (probabilmente conosciuto nella collaborazione con Capossela) non penso sia casuale, lo spettro del chitarrista di Waits e di Zorn nello stile c'è ed anche un bene, ma tranquilli amici melodici si parla di Ribot versione "slow hand" e non della sua versione radical "jewish culture" o "vedi Zorn e poi muori". Gusto ed arrangiamenti maturi che oltre agli Yo La Tengo, fanno pensare ad alcune delle cose meno messicane di Calexico, i Brockeback (che sono un super side-project tortoisiano e non la tribute band del film "laccato" sull’essere cowboy gay), Gelb ma soprattutto Badalamenti della colonna sonora di Una Storia Vera (il che per me gli vale già la coccarda del buon gusto). Anni fa ho sentito Alberto Campo pontificare su come "il cricket sia uno sport inglese e gli inglesi giochino bene a cricket… il rugby sia uno sport inglese e quindi gli inglesi giochino bene a rugby", come a dire che certe cose sono così per dinamiche storiche e tradizioni. Non è completamente una cazzata, ma il disco di Stefana, come quelli di altri dimostra che il "il calcio è uno sport inglese e i brasiliani hanno vinto più mondiali di tutti… il golf è uno sport da bianchi e Tiger Wood e più "negro" della pubblicità del Tartufon… etc.". Stefana è un buon esempio di come "think globally and act locally" possa ancora essere un buon motto.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

True Widow – S/T (End Sounds, 2009)

Con un po' di ritardo recuperiamo questo disco d'esordio dei True Widow, la nuova band capitanata da Dan Phillips, ex…

22 Jun 2010 Reviews

Read more

Mon Electric Bijou - Terror At The Gates (Delta Poison…

Un'insolita flemma che si è impossessata di me negli ultimi mesi ha fatto sì che parli di Mon Electric Bijou…

20 Aug 2012 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Cartavetro - We Need Time EP (Anomolo/Brigadisco/Marsiglia/Tesla/Taxi Driver, 2009)

Per una descrizione calzante della storia dei Cartavetro si potrebbe fare un paragone con la favola del brutto anatroccolo che…

27 Feb 2010 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2011)

Continuano le uscite di Mauro Sciaccaluga (Shiver, Ur, Stalker, Downright) per la sua Diazepam, con una cassetta a nome Wailing…

23 Mar 2012 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more

Kill Me Tomorrow / Dance Disaster Movement - Split CD…

Non credo di aver ben capito quello che sta succedendo. Il ballo spastico è diventato di moda? La presentazione mi…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Revolution #9 - Standing In Your City (Autoprodotto, 2007)

Rock n' Roll. Una grandinata di riffs appassionati e caldi che si coniugano perfettamente con un gusto per la…

01 Jan 2008 Reviews

Read more

Kirameki - A Fit Of The Jerks (Bearsuit, 2008)

Cosa chiedete ad un disco? Coerenza? Chiarezza? Intensità? Continuità? Oppure cercate di farvi stupire il più possibile? Sperate sempre, ad…

22 Jan 2009 Reviews

Read more

Airportman/Giaccone/Lalli - Anna E Sam (Lizard, 2016)

Tredicesima uscita per gli Airportman che continuando la collaborazione con gli amici Stefano Giaccone e Lalli, duo che non ha certo…

28 Nov 2016 Reviews

Read more

The Psychic Paramount – II (No Quarter, 2011)

Formati da 2/4 dei Laddio Bolocko, il chitarrista Drew St. Ivany ed il bassista Ben Armstrong, a cui va ad…

27 Mar 2011 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake – 17/04/10 Esposta (Verona)

Tappa veronese per il tour italiano dei Miss Massive Snowflake, proprio mentre il tour europeo della nube del vulcano Eyjafjallajokull ci…

13 Apr 2010 Live

Read more

Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell'uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo…

24 Jun 2013 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra/The Shipwreck Bag Show - Volumorama 3 (Bloody…

La serie Volumorama edita dalla Bloody Sound Fuctory si propone di abbinare ad ogni uscita alcuni dei nomi migliori del…

09 Nov 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top