Alberto Boccardi – 05/07/12 Il Revisionario (Brescia)

Chiude la stagione il Re Visionario con un altro musicista della scuderia Fratto Nove, quell’Alberto Boccardi di cui avete letto la recensione del disco qualche settimana fa. La serata è afosa anche nella solitamente ventilata Brescia, per cui scendere nel fresco seminterrato dove si tengono i concerti è cosa che, già di per sé, ben dispone all’ascolto.
La saletta, avevamo già avuto modo di dirlo in occasione del concerto di Luca Sigurtà, è minuscola, coi posti disposti lungo pareti, e stasera toccherà il massimo della capienza, una quindicina di presenti nei momenti di punta, visto che ci sarà un certo ricambio nel corso dell’esibizione (e purtroppo il viavai e il parlottare di alcuni non aiuteranno la concentrazione, né mia, né, presumibilmente, del musicista). La strumentazione, analogica e digitale, fra Mac e pedali vari, è sistemata nell’unico angolo in luce di una stanza altrimenti buia; dalla parte opposta un ventilatore contribuisce a rinfrescare ulteriormente l’ambiente. Avendo ascolto il disco di Boccardi, una delle cose migliori di questo primo scorcio dell’anno, non arrivavo impreparato all’appuntamento, ma l’inizio, con un livello di rumore inatteso, mi spiazza boccardi__Re_visioanriocomunque un po’. È però solo una folata, il volume si attenua presto e col comparire della chitarra, suonata, messa in loop, processata, l’esibizione prende una piega più rilassata, a tratti quasi shoegaze, pur con le macchine che continuano a macinare rumore, in sottofondo. Le sei corde saranno le protagonista della parte centrale della performance, prima sollecitate da piccoli tocchi quasi afoni, poi suonata nel senso più classico del termine, stendendo coltri che si sovrappongono all’elettronica, infine più distorte, a flirtare col rumore. Così si passa, senza soluzione di continuità, da momenti di quiete, dove fanno la loro comparsa anche angeliche voci femminili, ad altri più sostenuti, sempre comunque all’insegna di un’atmosfera da cui è facile lasciarsi trasportare, perdendosi nei propri pensieri. Insomma, pur non essendo musica facile, nemmeno si battono strade troppo impervie, dando la possibilità anche a chi è meno dentro a questi suoni di essere appagato. In altri momenti ci viene lasciata meno libertà: è quando sono i ritmi a scandire il tempo o gli improvvisi, prolungati intervalli di silenzio, che creano un clima di attesa e tensione, a cui tutti partecipiamo. Poi è il rumore che torna sulla scena, e come a chiusura di un cerchio, ci porta alla fine. Non so quantificare quanto duri il tutto, segno che il trasporto è stato totale, ma è un’impressione che mi dà anche l’ascolto del disco. Quelle sensazioni il live le rinnova e amplifica, cosa non sempre scontata per musica di questo tipo, che da vivo rischia troppo spesso di risolversi in un banale playback. E così, la stagione di questo avamposto della musica “difficile” nella Brescia dell’indie fighetto, si chiude in bellezza.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massimo Olla – Structures (Azoth, 2017)

Le strutture che Massimo Olla costruisce col suono in questo disco sono esattamente come quelle che vedete sulla copertina (che…

21 Feb 2018 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 29 (14/05/15)

Puntata numero ventinove della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite di Emiliano e Massimo Onza Daniele Brusaschetto con aneddoti…

18 May 2015 Podcasts

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Claudio Lugo/Esther Lamneck - GenoaSoundCard (Amirani, 2007)

Buffo, ma parlando del bel disco degli EAQuartett avevo fatto menzione delle note interne redatte da Claudio Lugo e del…

09 Oct 2007 Reviews

Read more

Monsieur Gustavo Biscotti - S/T (6X6, 2008)

Era cosa impensabile, anche solo poco tempo fa, trovare a Mantova quattro musicisti interessati a sviluppare un progetto non banale…

12 Dec 2008 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more

Heroin in Tahiti - Peplum (Yerevan Tapes, 2014)

Tornano con un 7" i romani Heroin In Tahiti e tornano pure quelle atmosfere "psichedelizziottesche" di borgata che tanto…

07 May 2014 Reviews

Read more

Andrey Kiritchenko - Stuffed With/Out (Nexsound, 2006)

Immagino che molti di voi non conoscano Andrey Kiritchenko e chi di voi invece ne avesse già sentito parlare forse…

02 Dec 2006 Reviews

Read more

qqqØqqq / Kaosmos - Sins and Destiny Revelations Under…

Nasce grazie all’inedito triangolo Francia-Italia-Turchia questo Sins And Destiny Revelations Under A Buried Sun, dove i qqqØqqq da Treviso incontrano…

15 Jul 2020 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

Airportman & Tommaso Cerasuolo – 23/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Una tribute band, seppur sui generis, questo è quel che è il progetto messo insieme dai cuneesi Airportman con Tommaso…

28 Apr 2010 Live

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Plasma Expander - Kimidanzeigen (Wallace, 2009)

Ritornano i rocker sardi e lo fanno con un disco che li vede ancora più raffinati, non tanto nel suono…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton - Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti…

24 Oct 2010 Reviews

Read more

Andrew Tuttle - S/T (Someone Good/Room40, 2018)

Andrew Tuttle arriva al terzo disco mescolando chitarra acustica e banjo con synth e laptop: il suo essenziale armamentario gli…

05 Jun 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top