Airchamber 3 – Crumble (Amirani, 2008)

L’approccio non è dei più semplici, i rumorismi e le frequenze gelide e austere di In A Foreign Land, il brano di apertura di Crumble, chiariscono fin da subito quale sarà l’andazzo del cd. Sax tenore, violoncello, chitarra elettrica, microfoni a contatto, theremin, filtrati attraverso effetti a pedale, kaoss pad e laptop, questi gli strumenti manovrati da Airchamber 3, formano un flusso sonoro ostico e incompromissorio, per dare origine ad una miscela di influenze che vanno dall’elettronica nelle sue forme più glitch, all’ambient, ad una sorta di free jazz aritmico. L’idea del trio sembra essere quella di portare l’esperienza dell’ascolto alle sue conseguenze estreme: inquietudine e tensione sono le caratteristiche costanti di tutti i brani e i punti di riferimento, gli appigli lasciati all’ascoltatore, sono davvero pochi. Se da una parte risultano immediati il ritmo meccanico di The Jaw e i liberatori fraseggi del sax, le eteree note del violoncello che fanno da ossatura a Standing By The Shell Sea Mit Giacinto chiedono il loro tempo prima di farsi forma compiuta: un crescendo rallentato e privo di ogni fisicità ed epicità che per brevi istanti, dopo undici minuti, trova la via di una melodia (che chissà per quale motivo mi ricorda il motivo iniziale di War Pigs dei Black Sabbath!) prima di sfaldarsi in feedback e rumori. C’è un continuo ribollire di suoni nelle tracce di questo cd, un gorgogliare di materia organica e palpitante (ma sempre caratterizzata da un’estrema freddezza), un’emissione senza sosta di eventi sonori irripetibili: Silente Makes A Dangerous Sound in cui pare massiccio l’uso del laptop, la lunga An Unsafe Round To Walk Upon, basata sulla ripetizione di un loop di basso sul quale la chitarra e il sax improvvisano brevi fraseggi, fino alla disgregazione drone ambient degli ultimi minuti, The Hheart Is Flat And At The Edges You Fall All Of A Sudden, con una chitarra dalle liquide forme jazz, sono aspetti diversi dello stesso approccio rigoroso e privo di compromessi di cui si diceva all’inizio. Crumble è sicuramente un disco impegnativo, nella stessa misura in cui possono esserlo gli ultimi Anatrofobia, in cui il lato emotivo della musica, così come è comunemente inteso, è sacrificato ad una ricerca sul suono nelle sue forme più gelide e pure.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

AA.VV. - Rumori Sacri (End Of Kali-Yuga, 2011)

A fronte degli ormai numerosi testi e documentari che si preoccupano di storicizzare l'epopea dell'hardcore italiano degli anni ‘80 e…

29 May 2012 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Orla Wren - Soil Steps (Oak, 2014)

Orla Wren è il progetto dello scozzese Tui, che per lunghi periodi vive in un furgone andando in giro per…

12 Jun 2014 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Toast Masters (Homesleep, 2005)

Ecco, di una cosa posso(iamo) prendere atto: gli Yuppie Flu hanno cessato di rischiare già da un pò di…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Un tranquillo weekend di riapertura – 9-10/11/12 Villa Zamboni (Valeggio…

Dell'associazione Humus di Valeggio sul Mincio avevamo avuto già modo di parlare in occasione del concerto di Murcof, che battezzava…

23 Nov 2012 Live

Read more

Taub - The Wrong Path (Bearsuit, 2010)

Dietro alla sigla Taub, di cui avevamo già recensito un ottimo lavoro qualche tempo fa, si nascondono Harold Nono e…

13 Sep 2010 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - [In]visible Fields (Silentes, 2011)

Il gioco di parole che caratterizza il titolo di questo doppio CD avrebbe dovuto farci intuire che le cose non…

29 Aug 2011 Reviews

Read more

Grey Machine – Disconnected (Hydrahead, 2009)

Torna a dedicarsi al rumore Justin Broadrick, dopo le alterne vicende del progetto Jesu. Lo fa raccogliendo attorno a sé…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Luca Pissavini - Duna Lacera (Bunch, 2013)

Bunch records è l'etichetta che Luca Pissavini ha creato per pubblicare la sua musica e Duna Lacera è il disco…

23 Oct 2014 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – IŪS (Neverlab Avant, 2013)

Di Enrico Ruggeri avevamo già fatto la conoscenza in occasione dell’esordio Musteri Hinna Föllnu Steina, un album che associava soundscapes…

24 Mar 2014 Reviews

Read more

Nudist - See The Light Beyond The Spiral (Santavalvola/Taxi Driver/Shove/Deathcrush/Oniric/DioDrone,…

Nella più contemporanea tradizione sludge, il viatico dei nostrani Nudist fuoriesce istantaneamente dall'atmosfera come attacca l'apripista Horror Vacui. Immediatamente veniamo…

01 Apr 2015 Reviews

Read more

Zeus! + Vulturum + 7Bloodyhopes + Heisenberg – 06/03/11 La…

Essendo rimasto a pernottare nelle terre del Megawolf dopo la sua festa di compleanno ed essendo l'orario della sveglia assai…

03 Mar 2011 Live

Read more

Nautilus Duo - Tales Of The Flying Whale (Setola Di…

Il duo in questione è composto da Mirko Busatto alla chitarra elettrica e Paolo Calzavara alle elettroniche: la cosa più…

04 Feb 2013 Reviews

Read more

Default Jamerson - Stable Government And Adequate Sanitation (Sabbatical, 2008)

Sabbatical è una etichetta di musica sperimentale portata avanti da Leith, Mark, autore di quasi tutte le grafiche e Marcus,…

07 Nov 2009 Reviews

Read more

Tatsuya Nakatani & Shane Parish - Interactivity (Cuneiform, 2020)

Secondo disco collaborativo tra il percussionista avant Tatsuya Nakatani e il chitarrista Shane Parish degli Ahleuchatistas. Un lavoro che si…

27 May 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top