Agaskodo Teliverek – Psycho Goulash (Midfinger, 2009)

Mentre ascoltavo questo disco pensavo che un termine più di altri basterebbe ad inquadrarlo in modo più o meno decente ed il termine è “giap-pop”… il termine esiste? No? Se non esiste posso diventare famoso come quel giornalista che aveva inventato "post-rock"? Oppure posso entrare nell’accademia della crusca? (Per altro ho un quesito estemporaneo sull’accademia: ma sono gente che in virtù dell’appartenenza a quella specifica accademia non ha problemi di intestino pigro?… no, perchè ultimamente mi rendo conto che non è mica roba da sottovalutare!).
Ad ogni modo, tornando allo specifico di questo buffo dischetto si tratta proprio di giap-pop leggermente aggiornato e reso "fashonable” per l’attuale mercato discografico, ma resta comunque molto attaccato a delle caratteristiche di altri dischi venuti dall’isola di Chipango (o almeno mi pareva che Marco Polo chiamasse così la terra di Kitano). Il fatto è che gli Agaskodo Teliverek (di cui vi invito a vedere una foto per valutare quanto il nerdismo ormai è sdoganato) di stanza a Londra, a parte le casse in quarti, le ritmiche quasi danzereccie e surf-garage-punk-poppettose, ricorda un po’ un pot pourrì di Yoshimi (trattasi della “onolevolissima battelista” dei Boredoms… hem "Boledoms”) solista epurata dalla fusion, dei Pizzicato Five declassati dai piani alti e trasformati in cafon-punkers da sgabuzzino, delle Shonen Knife rese più fini e più stravaganti e così via. Direi anche alcune cose di Tenko per chi se la ricorda (no amico Sanremese, non Luigi TenKo, parlo della soluzione di serie B per chi voleva una voce stile Ikue Mori nella Nuova York del Knitting Factory-no wave-free-jazz-off e non la trovava in casa l’ex-DNA). Fun pop da cartone animato stile Yattaman ed ironia scemo-pop a partire dalla copertina fino alle scritte del booklet. Per chi di voi dubiti sulla genuinità della trasposizione londinese di questo sushi, sappiate che la cantante è un’original dal nome di Hiroe Takei ed il gruppo sarà volutamente "stupidino”, ma è molto divertente ed ha una bella resa sia per la registrazione sia per il fatto che molte delle canzoni hanno quel sano guizzo "cretin-hop” che ha fatto sì che i Ramones siano diventati idoli incontrastati sia di vostro fratello maggiore con il chiodo che di vostra sorella che ha sempre sognato di essere una punk rocker come Sheena e Judy Gabba gabba hey!

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

St.Ride - Cercando Niente (Niente, 2010)

Che qui a Genova nascesse una etichetta così interessante non ce lo sognavamo nemmeno: invece Edoardo e Maurizio degli St.Ride…

23 Jun 2010 Reviews

Read more

Hobocombo – Plays Video Days (Trovarobato, 2011)

Una piccola cosa questo EP in download gratuito degli Hobocombo, ma che merita una segnalazione, sia per la scelta delle…

01 Feb 2012 Reviews

Read more

Uzi & Ari - It Is Freezing Out (Own, 2006)

Il "non-plus-ultra" (pronunciato alla Colle Der Fomento) del pop eccolo qui racchiuso in questo Uzi & Ari, mi sembrava strano…

27 Dec 2006 Reviews

Read more

Interiors - Liquid (Minus Habens, 2014)

Sempre su un range ipersofisticato e moderno si muovono le ultime produzioni della Minus Habens che con Interiors propone letteralmente…

14 Jul 2014 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

Three Second Kiss - Long Distance (Africantape, 2008)

Formazione nuova, vita nuova, ma pur sempre vecchi Three Second Kiss, sia nel bene che nel male. Il gruppo non…

16 Mar 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 19 (26/02/15)

Per la puntata numero diciannove della terza stagione di The Sodapop Fizz in occasione della festa della radio Emiliano e…

02 Mar 2015 Podcasts

Read more

Nestor Makhno - S/T (Stella Nera, 2011)

Il nome del gruppo dedicato ad un personaggio come Nestor Makhno già da solo regalerebbe la mia stima al duo…

03 Jun 2011 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Soft Black Star - La Mer, La Bataille, La Mort…

Ritorna un progetto molto home friendly e che mi era piaciuto qualche tempo fa con l'esordio Geneva In Neve, parliamo…

15 May 2012 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto - Rapida E Indolore (Bosco, 2014)

Continua con Rapida E Indolore la ormai nutrita discografia di Daniele Brusaschetto, da sempre indirizzata verso una musica tra l'elettrico…

06 Mar 2015 Reviews

Read more

Palkosceniko Al Neon – Lungo La Strada (Autoprodotto, 2009)

Romani di Guidonia e con troppe, inutili "k" nel nome, i Palkosceniko Al Neon arrivano con Lungo La Strada alla…

20 Oct 2009 Reviews

Read more

Twelve Thousand Days – The Birds Sings As Bells (Final…

La stabilità giova decisamente alla prolificità dei Twelve Thousand Days : siamo al terzo album in quattro anni per la…

27 Apr 2022 Reviews

Read more

Barnacles - Air Skin Digger (ADN, 2018)

Torna Matteo Uggeri con la sua creatura Barnacles, che al secondo disco sulla lunga distanza cresce e mette a fuoco…

24 May 2018 Reviews

Read more

Dream Weapon Ritual - The Uncanny Little Sparrows (Boring Machines,…

Simon Balestrazzi qui è di casa (mi sa che ha pure le chiavi) e stessa cosa potremmo dire per i…

07 Feb 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top